Abbiamo la polizia grammatica, perché non la polizia matematica?

Confronta questi due scenari.

Scenario 1: hai appena effettuato l'accesso a Facebook e leggi un post di uno dei tuoi "amici" che contiene la frase "Hai ragione, mi sbagliavo". Poco dopo, ci sono diverse risposte al post che indicano l'errore grammaticale . Il tuo "amico" riconosce rapidamente l'errore, corregge la frase e commenta scherzosamente "Hai ragione di correggermi!"

Scenario 2: esci a pranzo con un gruppo di amici e quando arriva il conto, la persona a cui è stato consegnato l'assegno lo fissa in modo assente. Invece di fare il calcolo relativamente semplice per capire cosa deve, si arrende e chiede se tutti possono dividere il conto in modo uguale perché la matematica è più facile. Nessuno mette in discussione la richiesta (nemmeno quelli che hanno ordinato meno), e ognuno consegna la propria carta di credito al cameriere.

Qual è la differenza tra questi due scenari?

Nello scenario 1, il tuo amico di Facebook è stato catturato dalla polizia della grammatica. Una volta che il tuo amico è stato avvisato del suo errore grammaticale, ha agito rapidamente per salvare la faccia. Nello scenario 2, non vi era alcun contraccolpo equivalente in matematica cattiva, anche se in questo caso ha portato alcuni membri del gruppo a pagare più di quanto dovuto. Questo dimostra che la polizia della grammatica è viva e vegeta.

Ciò di cui abbiamo bisogno sono la polizia di matematica.

Mentre la cultura della correzione della cattiva grammatica (parlata o scritta) esisteva prima dell'avvento di Internet, il web offre un'opportunità molto più grande di evidenziare errori grammaticali scritti su una piattaforma molto pubblica. Secondo Urban Dictionary, la polizia della grammatica è "Coloro che cercano di avere un inglese corretto scritto online". Numerosi gruppi online si sono formati attorno a questa premessa. Una rapida ricerca su Facebook rivela decine di gruppi dedicati alla correzione di errori grammaticali, tra cui uno chiamato "la polizia della grammatica" che ha quasi 30.000 "Mi piace". E sebbene questo gruppo di grammatica che controlla i cittadini possa sembrare a volte follemente fastidioso, la loro presenza dimostra che nella cultura americana è socialmente inaccettabile se non si riesce a leggere, scrivere o esibire l'uso appropriato della lingua inglese.

Quasi tutti noi siamo stati vergognati in un momento o nell'altro per aver commesso un errore grammaticale. Ma quando è stata l'ultima volta che ti sei vergognato di non essere in grado di fare matematica di base?

Anche le personalità pubbliche sono molto attente a garantire che usino la grammatica appropriata. Eppure alcuni di loro sono quasi orgogliosi di dire che non sono molto bravi in ​​matematica o persino che la matematica non è utile per loro. Ecco tre esempi:

Michelle Obama, in una conferenza della National Science Foundation che sottolinea l'importanza della matematica e della scienza per le ragazze: "So per me, sono un avvocato perché ero cattivo in [scienze e matematica]. (Risate). Tutti gli avvocati nella stanza, tu sai che è vero. Non possiamo aggiungere e sottrarre, quindi discutiamo. (Risata.)"

Selena Gomez: "Non sono molto bravo in matematica."

Andrew Sullivan: "La matematica è inutile per la stragrande maggioranza di noi".

Se la First Lady degli Stati Uniti pensa che sia appropriato scherzare sul fatto di essere cattivi in ​​matematica, una pop star adolescente ammette di essere cattiva in matematica, e un giornalista di alto profilo pensa che la matematica sia praticamente inutile, quale messaggio invia a tutti noi?

Invia il messaggio che è socialmente accettabile e forse anche socialmente desiderabile di essere cattivo in matematica oggi in America.

Tuttavia, un recente McKinsey Global Institute segnala che l'America ha bisogno di 140.000 a 190.000 lavoratori in più che sono veramente bravi in ​​matematica e 1,5 milioni in più di manager di dati alfabetizzati. La capacità di trovare modelli nel flusso di Big Data che ci circonda è diventata più essenziale che mai. Inoltre, è abbastanza comune scoprire che nei confronti matematici internazionali, l'America si trova piuttosto mediocre.

Se vogliamo che la prossima generazione aspiri alla carriera di scienziati e matematici dei dati, non inviamo loro un messaggio sbagliato?

Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno della polizia di matematica. Immaginiamo che la polizia di matematica agisca in modo simile alla polizia di grammatica. Saranno cittadini che fanno notare il cattivo uso della matematica da parte degli altri e non tollereranno le persone che scherzano sull'essere cattivi in ​​matematica. E proprio come la polizia della grammatica, a volte possono essere noiosi. Tuttavia, invieranno il messaggio critico che non va bene essere cattivi in ​​matematica in America.

Ecco alcuni esempi di come potrebbe funzionare la polizia matematica:

Dopo pranzo con un amico, le viene consegnato il conto. Non si preoccupa di provare a calcolare la mancia, ma ride di quanto difficile sarebbe la matematica per capirlo. Invece di ridere con lei, fai notare quanto semplice sia questo calcolo e la incoraggi a fare la matematica da sola.

Una persona famosa sta parlando ad un evento di alto profilo. Dopo che l'oratore ha scherzato sul fatto di essere cattivo in matematica, il pubblico non ride ma al contrario dà il freddo rigido silenzio della disapprovazione e reagisce scioccato dal fatto che qualcuno così famoso si vanta della sua incompetenza matematica. Avrebbe reagito allo stesso modo se la stessa persona avesse annunciato di non saper leggere.

È socialmente inaccettabile essere cattivi in ​​grammatica oggi in America. E sappiamo che questo è il caso perché esiste la polizia della grammatica. Oggi è socialmente accettabile essere cattivi in ​​matematica in America. E questo perché la polizia di matematica non esiste.

Non pensiamo che la polizia di matematica si formerà da un giorno all'altro. Ma se personalità pubbliche, modelli di ruolo a tutti i livelli, e in particolare i genitori fanno un punto per garantire che siano math letterati e ne sono orgogliosi, questo comincerebbe a inviare un messaggio forte alla prossima generazione che la matematica è importante.

Essere cattivi in ​​matematica non è uno scherzo. Niente di meno che il futuro dell'America è in gioco.

© 2013 di Jonathan Wai e Lou DiGioia

Lou DiGioia è il direttore esecutivo della fondazione MATHCOUNTS .   Questo articolo è originariamente apparso su Education Week.

Puoi seguirmi su Twitter, Facebook o G +. Per saperne di più su Trova il prossimo Einstein: Perché Smart è relativo vai qui.

Solutions Collecting From Web of "Abbiamo la polizia grammatica, perché non la polizia matematica?"