Abbiamo finalmente trovato un modo per scoprire bugie?

imtmphoto/Shutterstock
Fonte: imtmphoto / Shutterstock

Sia che stiano verificando i fatti raccontati da criminali incalliti, che le storie raccontino i biscotti rubati o le promesse dei politici, la ricerca di modi affidabili per fiutare la "verità" di solito si rivela una ricerca sfuggente. Ci è stato detto che tutto, dai battiti degli occhi al battito cardiaco e ai tassi di respirazione, sono i migliori percorsi per scoprire un bugiardo, ma finora non abbiamo trovato metodi veramente infallibili.

Non sarà mai possibile scavare nella memoria degli individui le cui bugie ci piacerebbe scoprire, e anche allora, ciò che è memorizzato nella memoria potrebbe non essere così preciso: poiché il tempo ci separa dalle nostre precedenti azioni, dettagli grezzi per renderli coerenti con le nostre identità e desideri. Ora la neuroscienziata di Berkeley Adrianna Jenkins e colleghi (2016) hanno sviluppato quello che loro credono sia un nuovo approccio per ottenere informazioni sui percorsi neurali attivati ​​quando le persone mentono.

Iniziarono con un paradigma classico usato nella ricerca sull'onestà e l'inganno, che operava da un framework di teoria del gioco noto come il "Comparison Question Test" (CQT) o Guilty Knowledge Test (GKT), che i partecipanti completano mentre si trovano in un dispositivo di scansione del cervello. Il paradigma implica che i partecipanti assistano a un evento e poi rispondono a domande che solo loro, in qualità di testimoni, riconosceranno come rilevanti o irrilevanti. Se non sai cosa è successo e non stai cercando di coprire nulla, non risponderai in modo diverso a domande pertinenti e irrilevanti. Se sai cosa è successo e menti su di esso, mostreresti una reazione più grande alle domande pertinenti perché sapresti che devi nascondere la verità.

Questo paradigma non è nuovo, è la base per il poligrafo (ancora fallibile). Come riportato dai ricercatori di Berkeley, il metodo del poligrafo è imperfetto perché dire a qualcuno di mentire non è come avere qualcuno che produce le proprie bugie basate sulle proprie motivazioni e sulla valutazione di una situazione. Quel che è peggio, non sono ancora emersi modelli chiari dagli studi di imaging cerebrale per indicare che esiste un "centro bugia" identificabile nel cervello.

L'approccio che Jenkins e il suo team propongono invece si avvale del framework "signaling", in cui le persone vengono monitorate dai segnali che inviano quando comunicano con gli altri. I segnali possono coinvolgere il linguaggio parlato, ma possono anche coinvolgere gesti ed espressioni facciali. Non hanno significato in sé e per sé; invece, il loro impatto dipende da come il ricevitore li interpreta. Un "sospiro", come dice la canzone, "è solo un sospiro", ma se è un sospiro di disgusto o un sospiro di piacere dipende da chi lo ascolta e se tu e l'altra persona avete una connessione romantica o siete all'opposto fine di una disputa amara.

La struttura di segnalazione suggerisce che per studiare la menzogna, è necessario osservarlo nel suo habitat naturale, situazioni in cui le persone effettivamente comunicano tra loro, sia che inviano e ricevano segnali. Nella vita reale, di solito non segui le istruzioni per mentire (come fai quando imposti la linea di base per un test del poligrafo). Sei tu a decidere se mentire o meno a seconda che possa avvantaggiarti più di quanto danneggi l'altra persona, e anche su come pensi che ciò che dici sarà interpretato dall'altra persona. La tua sorella gemella può annusare il tuo membro in un attimo, ma con persone che conosci a malapena, puoi potenzialmente cavartela praticamente con qualsiasi cosa, come dire a un supervisore che sei eccitato con un nuovo incarico che trovi segretamente ripugnante.

Negli scenari di vita reale creati dal team di Berkeley, mittenti e destinatari impegnati nell'acquisto e nella vendita di giochi. In uno di questi scenari, il mittente cerca di convincere il destinatario a comprare azioni promettendo che il suo valore aumenterà. Il compito del destinatario è decidere se il mittente sta dicendo la verità. I ricercatori possono monitorare la comunicazione in tempo reale per misurare l'attivazione cerebrale nei mittenti e ricevitori per vedere quali aree diventano più coinvolte in diverse fasi del processo.

Un altro esempio è il "gioco di fiducia", in cui prometti a qualcun altro che farai qualcosa che tu, in condizioni di inganno, non fai realmente. Potresti acconsentire a dividere il profitto di una vendita con il tuo partner a metà, ma una volta che hai i soldi in mano, paga solo il 30 percento. Come nel paradigma della contrattazione, l'attivazione cerebrale può essere monitorata in te e nel tuo partner mentre entrambi siete nell'anticipazione e nelle fasi di azione di questa sequenza.

Come sottolineano Jenkins e i suoi collaboratori, il rilevamento della menzogna con un poligrafo "costituisce un gioco di segnalazione tra gli interrogatori e gli interrogatori", in cui entrambi possono "giocare il sistema" regolando i loro pensieri e sentimenti durante il processo. Immagina se quei modelli di attivazione cerebrale potessero essere confrontati con i modelli mostrati dalle persone coinvolte nelle situazioni di contrattazione controllata sperimentalmente.

Pensare a segnalatori e destinatari come partecipanti a un'interazione che coinvolge l'inganno suggerisce che l'intero processo ha una qualità dinamica che riflette una serie complessa di processi che si verificano nel tempo. Non sappiamo quali siano tutti questi processi o quanto riflettano quella combinazione di segnali verbali e non verbali. Tuttavia, questa ricerca sposta l'ago in avanti fornendo suggerimenti per attività di laboratorio che assomigliano al modo in cui le persone interagiscono tra loro in condizioni naturali.

Dato che molti di noi non diventeranno ricercatori che conducono studi di imaging cerebrale, quale uso ha questo approccio per te? L'importante da asporto è che non è realistico aspettarsi che domande semplici possano svelare la verità alle persone che pensi mentirti. Considera quel piccolo bambino carino la cui maglietta coperta di biscotti sembra essere un bugiardo di sicuro. Non ti rendi conto che qualcun altro ha offerto al bambino i cookie o che il bambino in realtà non sapeva che i cookie erano off-limits. Allo stesso modo, il tuo partner romantico, i cui resoconti sulla sua ubicazione sembrano poco chiari a te, potrebbe avere dei motivi in ​​mente di cui non sei a conoscenza. Oppure è possibile che il tuo partner risponda semplicemente al modo in cui hai posto la domanda. Persino il venditore che sembra offrirti un accordo che sembra troppo bello per essere vero basa il suo approccio sul modo in cui sembra reagire.

Diventa un altro ricevitore e anche il segnalatore potrebbe cambiare.

Piuttosto che cercare di estrarre la verità da coloro con cui interagisci in modo tutto o niente, considera il ruolo che l'inganno gioca nei processi comunicativi. Potrebbe non essere sempre il modo più desiderabile di comunicare, ma ciò che la situazione mette in evidenza in entrambi.

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento. Sentiti libero di unirti al mio gruppo su Facebook, "Completamento a qualsiasi età", per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

Copyright Susan Krauss Whitbourne 2016

Solutions Collecting From Web of "Abbiamo finalmente trovato un modo per scoprire bugie?"