Abbiamo bisogno di riviste per single?

La prima volta che ho insegnato un corso su single ("Single in Society"), tutti tranne uno degli studenti erano studenti universitari. L'unico studente aveva un suggerimento che amavo – dovrebbe esserci una rivista illuminata per single. Illuminato come in NON riguardo agli appuntamenti o al trucco o che diventa insicuro. Illuminato come nel singolo vivente, pienamente e in maniera impenitente.

Avanziamo di un decennio e ora abbiamo una rivista per single, con sede a Los Angeles, chiamata Singular. (L'immagine accanto a questo post è la copertina dell'ultimo numero.) Quando un editore della rivista Forbes ha esaminato per prima una copia della rivista, ha scritto un articolo che dice, in sostanza, chi ne ha bisogno?

Questo mi ha messo in moto, e ho scritto una risposta appassionata. Con mia grande sorpresa e gioia, Forbes ha immediatamente accettato di pubblicarlo. Era di nuovo a dicembre, ma per ragioni contrattuali, non potevo ripubblicarlo subito.

Ora, felicemente, posso riprodurlo in lungo e in largo. Puoi leggerlo online qui sul sito web Singular e lasciare commenti qui e qui se lo desideri. (Singular City è il sito di social networking e contenuti della rivista.)

Oppure puoi leggerlo qui sotto. Quindi, condividi i tuoi pensieri. Abbiamo bisogno di riviste illuminate per single? In tal caso, come dovrebbero apparire e cosa dovrebbero includere (e non includere)? Il contenuto è più importante, ma sentiti libero di commentare anche lo stile. Ad esempio, quando avevo più soldi nel mio budget per le riviste, ero solito iscrivermi alla Nazione. Ora c'è una rivista che non fa mai schizzi o salti su di te mentre sfiori rastrelliere infinite di riviste. È stampato su carta comune, non lucida, e nemmeno su carta molto impressionante. C'è un modo in cui mi piace un po '- dice, siamo tutti per il contenuto.

La mia risposta a Forbes 'Dismissal of Singular Magazine

(Questo articolo di Bella DePaulo è stato pubblicato per la prima volta su Forbes .com il 22 dicembre 2008.)

Rivista Death to Singular ! E meritatamente. Questa non è la mia opinione; è venuto dall'editorialista di Forbes .com Elisabeth Eaves, che ha chiesto: "Il mondo ha davvero bisogno di una rivista per single?"

Come single single per tutta la vita, e autore e scienziato sociale con esperienza in singlehood, speravo in una previsione diversa. Tuttavia, sono rimasto affascinato dalle argomentazioni portate avanti da Eaves per sostenere la sua scommessa sulla prematura scomparsa di Singular. Eccoli:

-Le persone singole sono una categoria troppo ampia. Sono come le persone con i capelli castani. Come fai a commercializzare le persone con i capelli castani?

Gli americani non sposati sono un gruppo eterogeneo che non condivide interessi, tranne, ovviamente, la caccia al compagno.

-Le persone singole non si definiscono come single.

-Lo stato civile non sta fermo. Chi si identificherà con quello?

-Singlehood è "non uno stato a cui le persone aspirano – non, almeno, nello stesso modo in cui desiderano essere eleganti o benestanti." Inoltre, "non c'è motivo di aspirare all'essere single, perché è facile arrivarci".

I 93 milioni di americani che sono divorziati, vedovi o che sono sempre stati single sono un gruppo straordinariamente vario. Eaves ha ragione su questo. Siamo donne e uomini di tutte le età, categorie sociali ed economiche, razze, religioni, orientamenti sessuali, modalità di vita e, sì, colori per i capelli. Ufficialmente, abbiamo solo una caratteristica specifica: non siamo legalmente sposati.

Eppure, nel sostenere le sue affermazioni che i single condividono solo un interesse per la ricerca di partner e che l'individualità non è qualcosa a cui la gente aspira, Eaves sta già dimostrando che noi singoli abbiamo in realtà alcune esperienze in comune. Questo è ciò che sappiamo che cosa pensano gli altri di noi: che nessuno vorrebbe essere ciò che siamo (single), e che ciò che desideriamo, più di ogni altra cosa, è diventare unicellulari.

La visione di Eaves è una descrizione accurata della saggezza convenzionale sulla singlehood. I miei colleghi e io abbiamo intervistato migliaia di persone; molti di loro vedono i single nello stesso modo in cui lo fa. Ma loro – e lei – hanno torto.

In un sondaggio Pew, agli americani non sposati è stato chiesto se fossero in una relazione impegnata e se stessero cercando un partner. Il 26% ha affermato di avere già una relazione impegnata. Il gruppo più numeroso, il 55%, ha dichiarato di non essere in una relazione di questo tipo e di non cercare un partner. La categoria Eaves si presume essere la più comune, non in una relazione, ma in cerca di un importo pari a un minimo del 16%. (L'altro 3% non ha risposto.)

Mentre la saggezza convenzionale insiste sul fatto che i single desiderano ardentemente il loro apparentemente dispiaciuto stato, noi veri single viviamo pienamente le nostre vite. Stiamo comprando case e arredandole (beh, come chiunque altro in questi giorni), viaggiando, sostenendo noi stessi e qualche volta alcuni bambini, tendendo alle nostre amicizie e affinità, e perseguendo le nostre passioni. Non stiamo mettendo le nostre vite in attesa, segnando il tempo finché non troviamo L'Uno.

E perché dovremmo? Anche se è vero, come afferma Eaves, che lo stato civile è qualcosa che può cambiare, l'individualità non è il periodo di transizione che era una volta. In effetti, gli americani ora trascorrono più anni delle loro vite adulte non sposate che sposate. Ciò significa che è il matrimonio che è transitorio – separare uno stato di singlehood dal prossimo – e solo per coloro che si sposano.

Viviamo in tempi interessanti, storicamente e sociologicamente. Ciò che significa vivere in single è cambiato drasticamente negli ultimi decenni, ma le nostre percezioni non hanno preso piede.

Il posto dei single nella società di oggi è simile al posto delle donne prima del movimento delle donne degli anni '70. A quei tempi, la maggior parte delle persone non riconosceva, o non dubitava, il grado in cui il punto di vista maschile era lo standard sul posto di lavoro, i media, nella cultura popolare e persino nella scienza. Studi su malattie cardiache basate esclusivamente sugli uomini, l'uso pervasivo dei pronomi maschili per riferirsi a tutte le persone, gli annunci separati e iniqui per gli uomini e le donne, e tutti gli altri esempi ormai familiari – beh, al momento, è solo il modo in cui era. Le sfide iniziali a quelle pratiche hanno scosso la nazione. Alcuni si sentivano minacciati dalle sfide, altri liberati e illuminati.

Ora, è il singlismo che si insinua negli angoli e nelle fessure del paesaggio contemporaneo, inosservato e incontrastato. Singlism (il mio termine per stereotipizzazione e stigmatizzazione di persone single) e matrimania (l'esagerazione esagerata di matrimoni e coppie) costituiscono la nostra carta da parati culturale. È così e basta.

Milioni di persone singole cenano con amici, colleghi o familiari e pagano la propria strada; tuttavia, gli annunci pubblicano regolarmente i prezzi "a coppia". I biglietti di auguri trasmettono "le nostre" condoglianze o auguri di compleanno. In molti luoghi di lavoro, i lavoratori sposati possono aggiungere il loro coniuge al loro piano di assistenza sanitaria a un tasso ridotto; i single non possono aggiungere ai loro piani la persona più importante della loro vita. La maggior parte dei soldati sono single, ma nei video trasmessi dai guerrieri di ritorno, sembra che la maggior parte stia correndo verso le braccia aperte di un coniuge. I materiali promozionali dai servizi pensionistici sono decorati con immagini di coppie anziane che camminano mano nella mano, quando la maggior parte delle donne di quell'età è single.

Inoltre, quasi nessuno pensa che ci sia qualcosa di sbagliato in tutto questo. Siamo tutti bloccati nel matrimonio convenzionale e nella scatola della famiglia nucleare. Siamo stati lì così a lungo, con così poche missive da oltre, che non ci rendiamo neanche conto di essere intrappolati. Abbiamo bisogno di una rivista per single perché è tempo di saggezza non convenzionale.

Quindi cosa potrebbe sembrare una rivista (o blog o sito Web o altri media)?

Mi piacerebbe vedere una rivista che è per single, per vivere single e non per diventare unsingle. Vuoi parlarmi di quelle città migliori per single, come fa Forbes .com ogni anno? Mi piacerebbe. Ma non sono così interessato ad alcuni dei criteri di Forbes .com, come il numero di profili di appuntamenti online o il numero di bar e locali notturni pro capite. Non indicheresti il ​​numero di avvocati di divorzio pro capite come criterio per le "Migliori città per coppie".

Parlami delle città che sono le più amichevoli. Apprezzo le mie amicizie, e voglio sentirmi benvenuto nei ristoranti, negli eventi pubblici e negli incontri informali quando vado in giro con un amico o due di quando arrivo di pari passo con un compagno o un appuntamento.

Non sai misurare l'amicizia? Non è interessante? Più persone hanno amici che partner romantici, e le persone single spesso hanno amicizie che hanno superato molti matrimoni. Eppure non sappiamo come riconoscere i luoghi che supportano e apprezzano le amicizie. Discutiamone.

Voglio sapere di pacchetti di viaggio che non sono tarati con singoli supplementi. Mi piacerebbe conoscere l'assicurazione auto e le compagnie di assicurazione sanitaria che non mi addebitano più di una persona sposata in età paritaria. Parlami dei centri benessere che non sono più economici per la coppia, e gli affari del ristorante che sono altrettanto preziosi per me quando pranza da solo come quando mi faccio vedere con gli amici o la famiglia.

Mi piacerebbe sentire e parlare di autori che scrivono in modo irresistibile, condiscendente o compassionevole, i singoli, sia nei romanzi che nelle memorie o altre saggistica.

Mi piacerebbe vedere una funzionalità di revisione dei libri, in cui posso imparare cose di finzione in cui i personaggi non sono bloccati dalle mitologie del matrimonio come molti di noi sono felici e contenti. Troppo spesso, ho iniziato a leggere un romanzo che sembrava pronto a portarmi in un profondo viaggio psicologico. Alla fine, però, ci vuole una svolta verso i banchieri. Quando i protagonisti sono contro tutto ciò che li sfida nella loro vita, decidono che l'amore romantico convenzionale è la risposta. Non vivo in quella scatola. Fammi uscire.

Voglio leggere le ultime dalle prime linee di psicologia, sociologia e medicina. Ma io voglio dei buoni risultati. Ho controllato i titoli matrimaniacal per anni. Quasi senza fallo, tutti quelli che "si sposano, e tu diventerai felice e in buona salute e vivrai più a lungo", sono mal presentati, esagerati o semplicemente sbagliati.

Mi piacerebbe sentire i single che hanno avuto a che fare con capi o colleghi che si aspettano che coprano per tutti gli altri, partendo dal presupposto che se sei single non hai nessuno e non hai una vita. Apprezzo anche i racconti di tutti i giorni di sguardi divertenti, domande imbarazzanti e situazioni strane.

Le mie preferenze non sono poi così bizzarre. Scrivo il blog "Living Single" per Psychology Today e quando faccio blog sulla solitudine o l'amicizia, o cosa c'è di sbagliato nelle ultime affermazioni sul matrimonio, o perché nessuna singola persona debba mai rispondere alla domanda "Allora perché non hai mai stato sposato, "o perché abbiamo bisogno di una National Singles Week, o di cenare da soli, o di singlism e matrimania nella vita di tutti i giorni, migliaia di persone votano il loro interesse con i loro clic.

Gli argomenti che potrebbero interessare a single come me sono molti e vari. Che gioia sarebbe leggere su di loro in una pubblicazione che è gloriosamente priva di singlismo e matrimania, e che riconosce che non siamo definiti dal desiderio di essere accoppiati.

Ma ci definiamo single? Eaves non pensa. In realtà, alcuni singoli lo fanno e altri no. Forse più importante, altre persone considerano il nostro singlehood come definitorio. Lo vedono come un segno di ciò che è dentro di noi (la tristezza, la solitudine, il tragico difetto che ci ha lasciato bloccati nei nostri singoli miti di stato, tutti). A volte lo usano come motivo di esclusione, come quando gli eventi sociali sono pianificati solo per le coppie.

Eaves ha anche detto che è facile arrivare allo stato di singlehood. Quello è vero. Posso (e lo faccio) scegliere di essere single. Chiunque può. Ma non posso essere single nello stesso modo in cui puoi essere sposato. Il mio status di single è sospetto in un modo che una persona sposata non è mai. Mi chiedono perché sono single; non ti viene chiesto perché sei sposato. Non posso essere single con la stessa presunzione di una vita ben vissuta. Non posso essere single con gli stessi benefici materiali e protezioni che puoi. Solo negli statuti federali (non importa se statali o locali), ci sono 1.136 provvigioni e privilegi concessi solo alle persone legalmente sposate.

Non assomiglia affatto ai capelli castani.

Non so se la nuova rivista per single avrà successo. In un momento in cui si piegano tanti tipi diversi di riviste, non sarei troppo veloce per attribuire una rovina alla sua dedizione alle persone single. Qualunque sia il suo destino finale, penso che abbia dato un contributo. Un ronzio è nell'aria; stiamo parlando di single e delle loro vite. Persino le reazioni sprezzanti, come quella di Eaves, hanno il loro posto; invitano contromisure e lasciano trasparire un po 'di luce. Ora che Singular ha fatto il suo debutto, è un po' meno inusuale pensare al singolo come a un gruppo di quanto lo fosse prima. Forse, a causa di ciò, la prossima pubblicazione per i single avrà ancora più probabilità di successo.

Solutions Collecting From Web of "Abbiamo bisogno di riviste per single?"