Abbandono, è Baaaack!

Ogni tanto sono portato alla realizzazione che non importa quanto ho imparato o apprezzato della mia vita, a volte è difficile farlo da solo dopo una vita con un marito amorevole. La perdita, il dolore e la solitudine sono sempre lì e di recente ho dovuto addormentare il mio dolce e molto malato Yorkie, aggravando i sentimenti di solitudine.

Non mi preoccupo di questi tempi bui da quando ho imparato che la mia vita è molto simile a un cardiogramma … vette e valli. E se sono in una valle, so che presto salirò verso la vetta. Ma a volte sono abbastanza scomodi da farmi capire che sono in un altro stato di "palude" che l'analista e scrittore junghiano James Hollis ha scritto in modo così magnifico. Se non hai letto il suo libro: Swamplands of the Soul: New Life in Dismal Places, lo raccomando. Ciò che è unico nella sua scrittura è che non offre alcun rimedio per la condizione umana. Nelle sue stesse parole: "Non offrirò soluzioni ai dilemmi che essi (le regioni malavitose che abbiamo tutti vissuto e desideriamo fuggire) costituiscono, perché non sono problemi da risolvere. Piuttosto sono esperienze onnipresenti del viaggio che ci è stato assegnato dalla psiche. "Ci dice semplicemente come è, e per me, personalmente, vedere in stampa ciò che mi ha dato una tale causa da soffrire, mi aiuta a capire che qualunque cosa stia succedendo non sta accadendo solo a me, ma a tutti noi che stiamo cercando di diventare più di noi stessi a qualsiasi età, facendo un lavoro consapevole per far crescere la nostra consapevolezza psichica. Quando mi consulta con "Swamplands", qualunque cosa provi, so che appartengo al mondo … che non sono solo, ma uno dei tanti, se non di più, che cerca semplicemente di capire noi stessi.

Così, stamattina, realizzando che sono, ancora una volta, in una "palude", ho letto di più del dottor Hollis e poi sono andato a fare una passeggiata a Central Park, che mi porta sempre un altro tipo di chiarezza. In queste passeggiate ho scritto capitoli di libri nella mia testa, ho capito cosa è andato storto con la mia ricetta per la torta di velluto rosso, ho risolto i problemi familiari e, inevitabilmente, esco dal Parco con una certa dose di illuminazione e spiriti illuminati. Oggi non ha fatto eccezione. Ho camminato per pensare a un recente numero di "abbandono". Dico "recenti", ma i sentimenti di abbandono sono stati con me per tutta la vita; sentendosi abbandonato emotivamente da mia madre, da un marito meraviglioso, amorevole, ma nondimeno remoto, e letteralmente abbandonato dal fatto che aveva il coraggio di ammalarsi e morire, poi abbandonato dalla famiglia e dai colleghi di amici quando ne avevo più bisogno.

Ecco il problema attuale: un uomo molto gentile si è trasferito in fondo al corridoio da me circa un anno fa. Abbiamo parlato di passaggio e un giorno l'ho invitato a bere un bicchiere di vino con me … a volte. Mezz'ora dopo si presentò alla mia porta con una bottiglia di champagne. Erano le 1:00 del pomeriggio, che ho notato. Ha detto che era appena diventato un nonno. Ho detto … 'Ok … questo è un buon motivo per avere un po' di spumante. "Ci siamo divertiti e siamo diventati rapidamente amici. Voleva sapere tutto su di me, il mio libro, la mia musica, la mia vita. Era un buon ascoltatore, rivelava molto di se stesso ed era un grande cuoco. Mi ha invitato a cena. Ho ricambiato. Abbiamo avuto ottimi discorsi. Era divertente e intelligente, creativo. Aveva anche 12 anni più giovane e non era fisicamente attraente per me. Era puramente amicizia con un maschio intelligente che mi piaceva e che non mi piaceva da molto tempo. Ha mandato un'email spesso, o chiamato per invitarmi a bere un bicchiere di vino e parlare. Durante le poche settimane ho imparato che ha bevuto un sacco di vino a qualsiasi ora del giorno o della notte. Che non ricordava cose che gli avevo detto, compreso il fatto che avrei portato una pianta da annaffiare quando avessi lasciato la città. Nemmeno che io stavo lasciando la città, e poi ho messo un biglietto sulla mia porta per chiamare quando sono tornato perché era preoccupato e non sapeva dove fossi andato.

Tutte quelle cose avrebbero dovuto sollevare bandiere che dicevano "non affidabili", "non è un amico per te". Non avrei dovuto sorprendermi del fatto che improvvisamente smise di chiamare, mandare e-mail, invitarmi. L'ho interrogato sulle sue ragioni per abbandonare la nostra amicizia. Ha dichiarato di non essere "consapevole" di averlo fatto e dovremmo sederci e parlarne? No, grazie, ho detto. Se non sei consapevole del tuo comportamento, e così tanto tempo è trascorso senza contatto e stai bene con esso, allora non c'è nulla di cui parlare. Ho appena detto addio e sii felice. Era una lingua in bocca. Ero ferito, arrabbiato e sentito … abbandonato.

Era stato un invito al momento in cui ho iniziato qualcosa che pensavo sarebbe stata una bella aggiunta alla mia vita. Mi sbagliavo. Ma ciò che mi disturba è che la mia autonomia, la mia consapevolezza personale e antipatia per il suo bere, l'oblio e, infine, la disonestà, sembravano avere meno importanza per me che non essere stati abbandonati, cioè abbandonati. Sarei dovuto essere grato. In realtà, avrei dovuto andarmene prima. Sono stato io ad abbandonarmi. Qualcosa che non ho fatto da molto tempo. Sai cosa mi ha attratto? Mi ha rivelato durante uno dei nostri ultimi discorsi che era terrorizzato di essere ferito. Il mio istinto protettivo è andato in alto. Di certo non lo avrei 'ferito'. Una volta, ero stato attirato e rimasto a lungo in un'amicizia con qualcuno che avevo intuito che dovevo stare lontano … perché percepivo la sua rabbia ribollente … ma io? No. Perché no? Ha confessato in un incontro aperto che ero il suo "alter ego". Profumo per un'anima insicura. Diversi anni dopo, ho pagato per quel profumo, sopportando un attacco della sua rabbia spietata che finalmente mi ha permesso di rompere con lei.

Da quel furioso "amico", sono stato molto più guardingo su chi viene nella mia vita, ma non mi dispiace di aver dato la mia amicizia all'uomo in fondo al corridoio che sembrava degno di questo, ma ha dimostrato il contrario. Ciò su cui ho ancora bisogno di lavorare non è l'abbandono di me stesso quando qualcosa non è giusto per me rimanendo troppo a lungo e non essendo sincero con me stesso e "l'altro". Come con la maggior parte delle esperienze di "paludi" nella mia vita, lavorando a fondo e lavorando su di esso, ho imparato molto, soprattutto su me stesso. E questa è una buona cosa.

Penso che il dottor Hollis sarebbe d'accordo.

Solutions Collecting From Web of "Abbandono, è Baaaack!"