A volte non voglio parlare dei miei problemi

A volte mi sento triste e non voglio parlarne. I miei sentimenti mi avvolgono come una grande coperta. Gli amici mi chiameranno al telefono, mi manderanno un sms, mi scrivono e mi chiedono "come stai?" E, a seconda del mio umore, potrei dire bene o potrei dire male. Ma a volte non voglio approfondire come sono. Sono stanco di essere nella mia testa e sono stanco di ascoltare i pensieri sconnessi nel mio cervello. E ho solo bisogno di una pausa da me stesso.

Sto cercando di impegnarmi in auto-cura e questo è assolutamente okay. Non sono obbligato a condividere i miei pensieri più profondi con i miei amici in ogni momento. Parte dei miei meccanismi di autosufficienza consiste nel tenere i sentimenti a me stesso in modo che io possa elaborare senza sovraccaricare i miei cari.

Potrei, in questi casi, postare tweet su Twitter sui pensieri che entrano nella mia coscienza. Tuttavia, questo non significa necessariamente che voglio avere una lunga discussione sui miei sentimenti; significa che ho bisogno di un vortice per inserire il mio travolgente dialogo interiore.

Non fraintendermi, sono un oratore e mi piace articolare i miei sentimenti ad alta voce in terapia, per chiudere amici e familiari. A volte mi fa piacere dire come mi sento e le parole uscire dal mio cervello e nel mondo. Alcune persone scrivono in un diario, che mi piace anche fare, e altri sfogano sui social media. Esistono diversi metodi per far fronte all'ansia e alla depressione. Come esseri umani, possiamo essere consapevoli di ciò che funziona meglio per noi e quindi utilizzare quelle strategie di coping. Ciò che funziona per me non funzionerà necessariamente per te.

Ma proprio come in ogni attività della tua vita, ci sono momenti in cui hai bisogno di una pausa. Ci sono momenti in cui ho bisogno di spegnerlo come meccanismo di difesa per far fronte alle intense sensazioni che provo. Stavo parlando con il mio amico l'altro giorno che vive anche con disturbo bipolare. Gli ho chiesto cosa fa quando non vuole affrontare i suoi sentimenti e ha bisogno di una pausa. Ha detto, "So che questo potrebbe sembrare sciocco, ma interpreto Candy Crush." ​​Ammetto che ho riso ad alta voce dopo averlo detto, ma ho detto: "no, capisco." Perché a volte vogliamo fare qualcosa di insensato non sentire Così comincio a fare una lista mentale delle cose che mi piace fare che mi fanno girare il cervello.

1. Leggi
2. Usa il mio vibratore
3. Guarda uno spettacolo divertente su Netflix
4. Chiama un amico e racconta ridicole battute l'un l'altro
5. Disegna / colora

Per un analizzatore eccessivo come me, è fondamentale avere gli strumenti per spegnere quella parte del mio cervello come un interruttore della luce. È necessario e importante per me avere quella rottura dal mio pervasivo afflusso di pensieri. Quando prendo provvedimenti consapevoli per chiudere il cervello. È importante per me impegnarmi in questa forma di consapevolezza in modo che io possa prendermi cura di me stesso in modo efficace.

Verificarti dai tuoi sentimenti non è SEMPRE la risposta

Certo, ci sono momenti in cui devi parlare, e va bene. Sono le volte in cui raggiungiamo un amico, chiamiamo o mandiamo un messaggio a quella persona e diciamo loro "hey, ho bisogno di te in questo momento". È assolutamente accettabile e ragionevole chiedere supporto ai tuoi amici quando ti senti triste; ecco a cosa servono gli amici. L'utilizzo del sistema di supporto è importante.

Ora, lascia che ti chieda: cosa fai per prenderti cura di te quando ti senti sopraffatto? Guardi uno spettacolo trash? Che ne dici di leggere un romanzo senza mente? Cosa ti fa sentire calmo quando stai lottando con i tuoi pensieri?

Unsplash 2017
Fonte: Unsplash 2017

Solutions Collecting From Web of "A volte non voglio parlare dei miei problemi"