A Sacred Circle (Writing Group-2)

Ryan McGuire/Gratisography
Fonte: Ryan McGuire / Gratisography

Il secondo incontro del gruppo di scrittura terapeutica "Transitions" costruito sul primo in molti modi, come spesso fanno i gruppi chiusi. Dopo la prima sessione avevo ricevuto un'e-mail entusiastica da Deirdre, un rabbino del gruppo, che esprimeva apprezzamento e ammirazione per lo spazio sacro che avevo creato. Non l'avevo fatto coscientemente, e la mia inclinazione era quella di dare tutto il merito ai partecipanti, ma poi mi ricordai di alcuni momenti in cui avevo coscientemente testato le acque per vedere se il gruppo potesse diventare più intimo.

Avrei voluto vedere nella prima sessione se i membri del gruppo potevano scrivere e parlare del dolore nelle loro transizioni. Helen ha rotto il ghiaccio, riconoscendo come il dolore continuo che prova per la perdita del suo bambino non ancora nato influisce sulla sua felicità di essere di nuovo incinta. Piangeva mentre leggeva ad alta voce, e il gruppo mantenne i suoi sentimenti in silenzio per un momento dopo, prima di rispondere alla metafora che aveva usato con l'uovo di Pasqua di plastica. Yvonne, che sta soffrendo per suo figlio e suo marito, era seduta accanto a lei. Allungò la mano e toccò Helen sul braccio e sussurrò, "Stai bene?" Vidi Helen arretrare un po ', riprendere la sua personalità pubblica di fiducia glamour, e dire "Sì, grazie." Ma ho anche visto Yvonne prendere un grande rischio venendo verso la relazione: Yvonne desidera l'intimità e ne è terrorizzata, e per lei fare quel gesto verso Helen è stato un grande passo.

Il coraggio di Yvonne nel raggiungere letteralmente Helen nella prima sessione mi ha ricordato l'importanza del tatto. Mentre l'incontro si stava concludendo, ho suggerito di stringere le mani attorno al tavolo, qualcosa che sono più adatto a fare quando i membri del gruppo si conoscono meglio, un po 'più in là nel processo di gruppo. Non ero sicuro di come reagirebbe Helen, né Alyssa, che si separa dal marito, né Adrienne, il cui marito si sta ritirando in demenza: ognuno indossa più armature delle altre donne del gruppo, e il tocco potrebbe essere troppa esposizione. Ma sapevo anche che Yvonne, Hillary (che si è trasferita da tutto il paese), Amy (che si sta riprendendo dal cancro) e Deirdre (la cui figlia sta per andare al college in breve) hanno tutti bisogno di sentirsi saldamente ancorati in questo mondo. Tutti hanno preso le mani dei suoi vicini e il cerchio si è stabilizzato e rafforzato: abbiamo creato e mantenuto questo spazio sacro.

Consapevole di essere sollevato dal fatto che il circolo fosse forte, mi sono permesso di notare come mi sentivo a tenere le mani di due donne: Yvonne da un lato e Alyssa dall'altro. La mano di Yvonne è muscolosa e forte, per me genitoriale e rassicurante. L'Alyssa è compatta e fredda, per me cerca con cautela le mie forze. In quel momento ero un canale: essere curato e quindi anche in grado di fornire assistenza. Non volevo lasciar andare.

E così è stato con rammarico e preoccupazione che ho ricevuto due e-mail questo martedì, una da Helen e una da Alyssa, ciascuna che mi diceva che non poteva venire alla seconda riunione di gruppo quella sera. Helen è stata concisa: "Triste notizia, ma mio marito si prende cura di me." La gravidanza era finita. E l'e-mail di Alyssa affermava che dopo una conversazione con il suo difficile marito, era troppo sconvolta per venire; L'ho incoraggiata ad aspettare un po 'e poi a riconsiderare, e mi ha mandato un messaggio dopo che il gruppo aveva iniziato, dicendo semplicemente "Scusa." Mi preoccupai allora di averla fatta sentire in colpa per non essere venuta. Desideravo il conforto e la rassicurazione di tenere di nuovo le mani in circolo: questa volta consapevole che io stesso avevo bisogno di assorbire le connessioni che erano già palpabili nel gruppo. Ogni volta che sento i miei bisogni venire alla ribalta in un controtransfert di gruppo, io contraccambio deliberatamente un po 'e lascia che il gruppo prenda il sopravvento. Non manca mai di rafforzare il legame del gruppo.

In effetti, gli incarichi scritti per il secondo incontro erano stati progettati per rafforzare il nostro nascente legame. Ogni donna aveva scritto un resoconto breve, completamente fattuale delle circostanze della sua transizione. Uno a uno leggevano ad alta voce il suo paragrafo ("solo i fatti, signora"). Poi il resto del gruppo ha riferito le loro risposte al paragrafo chiedendo, "Mi chiedo se ti senti ______?" Tutte le risposte erano pertinenti, tenero e di supporto. Vari membri si chiedevano, ad esempio, se Adrienne si sentisse spaventata, sola, abbandonata? Se si sentiva triste, privata, intrappolata? E se si sentiva protettiva, amorevole, propositiva e orgogliosa di se stessa, mentre si prende cura del suo amato marito mentre scivola via da lei mentre la sua memoria diminuisce. "Avete tutti capito esattamente!" Disse con stupore. "Non pensavo che nessuno al mondo capisse i miei sentimenti, e ora vedo che lo fai tutti. Hai capito! "L'empatia la fece sentire vista.

Per Yvonne, la riflessione di un membro del gruppo le ha permesso di vedere qualcosa in se stessa che non aveva riconosciuto. Il suo paragrafo era una pepita di robusto distacco che descrive la morte improvvisa del marito durante un viaggio; La risposta di Hillary ad una delicata domanda: "Mi chiedo se ti senti affatto?" La risposta di Yvonne è stata quella di fornire una fredda e onesta esplorazione per far sì che i suoi sentimenti si congelassero e scomparissero dopo la morte del marito. Quando smise di parlare, Hillary si chinò verso di lei e disse: "Non ero sicuro di doverlo dire. Non volevo essere critico. Sembrava che sarebbe stato difficile provare qualcosa dopo la tua esperienza con tuo figlio e tuo marito. "Per la prima volta, Yvonne sorrise. "Andava bene. Non ci avevo davvero pensato. E penso che tu avessi ragione, non mi sento. Devo capire come posso. Non avrei parlato di quello che hai detto se non fosse stato quello che dovevo sentire. "Si guardarono negli occhi l'un l'altro profondamente, brevemente, e mentre lo facevano, sentii i miei stessi occhi riempirsi di lacrime. Connessioni intime dove arriviamo attraverso vasti voragini per aiutarci l'un l'altro alla sicurezza. Spazio sacro

Quando ci tenemmo per mano alla fine della seconda sessione, pensai a Helen, a casa con suo marito, e ad Alyssa, troppo piena di sentimenti per poterne sopportare di più al momento. Li ho tenuti entrambi nel mio cuore. Non ricordo di chi tenevo le mani quella notte; invece, ricordo il flusso dell'amore che ci circondava tutti.

Solutions Collecting From Web of "A Sacred Circle (Writing Group-2)"