A giudicare le notizie

Questa è l'era delle informazioni. Siamo circondati dal suo flusso senza fine. La cosa strana è che più informazioni otteniamo, più difficile sarà trovare la conoscenza. Ricevi notizie o opinioni?

I notiziari servono due padroni, i loro investitori e il loro pubblico. Questo è vero per il NY Times come lo è per le notizie della Fox; vero per la BBC come per l'Huffington Post. In un mondo costruito tanto dagli interessi quanto dagli ideali, l'informazione è ovunque, ma la verità è sfuggente. Come possiamo giudicare le notizie che leggiamo, ascoltiamo o vediamo? Come discriminiamo tra la propaganda e il punto di vista ordinario?

Nel loro nuovo libro, Blur, Bill Kovach e Tom Rosenstiel cercano di dare un senso al mondo dei nuovi media. Descrivono 4 diverse categorie di giornalismo. Diamo un'occhiata agli ultimi 2:

Una categoria è The Journalism of Affirmation – lo stile di reportage che afferma i preconcetti del suo pubblico, ottiene la loro lealtà e trasforma la fedeltà in entrate pubblicitarie e nel supporto politico di idee particolari o partiti politici.

Gli autori chiamano la loro categoria finale di Giornalismo dei gruppi di interesse – inclusi tutti i gruppi di riflessione, i gruppi di interesse pubblico e altri gruppi di difesa che creano i propri rapporti con l'obiettivo di plasmare il discorso pubblico.

Entrambi gli stili di segnalazione, il giornalismo di affermazione e il giornalismo dei gruppi di interesse, hanno molto in comune. Entrambi scelgono storie che avanzano i loro programmi. In entrambi gli stili, i rapporti su ogni singola storia potrebbero essere solidi e completi. Tuttavia, la totalità della copertura trasmette lo stesso sottotesto, ad esempio che il grande governo è cattivo, o che gli Stati Uniti o Israele sono aggressivi e immorali.

Le linee tra le varie forme giornalistiche sono sfocate; i fatti possono essere precisi, ma la verità sui fatti nel contesto più ampio è distorta in una particolare direzione.

Da nessuna parte l'offuscamento delle linee è più ovvio che nel caso di Al Jazeera, la fonte di notizie in rapida crescita che esplose nella scena di lingua araba circa 15 anni fa. Al Jazeera ha conquistato gli ascoltatori non solo perché era l'unica alternativa alle notizie sponsorizzate dallo stato nei paesi arabi repressivi, ma anche perché assecondava i pregiudizi dei suoi spettatori con l'anti-americanismo e gli intensi sentimenti anti-israeliani. Con quelle due bandiere in volo, Al Jazeera era una vendita facile nella sua parte del mondo. All'inizio, l'Occidente ha condannato pesantemente l'arabo Al Jazeeera. Persino gli accademici dei media, che generalmente si piegavano all'indietro per tollerare punti di vista disgustosi, erano critici nei confronti del pregiudizio della rete: Al Jazeera fungeva da piattaforma per gli estremisti islamici. Trasmetteva messaggi omicidi da Osama Bin Laden.

Nel 2003, Tayseer Alouni, corrispondente in Afghanistan di Al Jazeera durante gli attacchi dell'11 settembre, fu arrestato dalle autorità militari statunitensi e consegnato alla Spagna, il suo paese natale. In Spagna è stato processato, condannato e incarcerato come agente di Al Qaida. Al-Jazeera lo difese e pagò le sue spese legali.

Quando il servizio inglese di Al Jazeera andò in onda, assunse un punto di vista più cosmopolita. Tuttavia, ha incontrato una grande resistenza da parte degli spettatori americani e degli operatori via cavo. Ma le agenzie di stampa statunitensi non riescono a coprire gran parte del mondo,
e Al Jazeera è entrato in quella lacuna informativa. Ha attratto gli spettatori che preferivano le notizie di Africa, Asia e Medio Oriente ai rapporti sulle vite sessuali dei politici e delle stelle del cinema.

Poi è arrivata la serie di rivoluzioni contro i dittatori del Medio Oriente dallo Yemen all'Egitto in Libia. I funzionari governativi sotto attacco hanno accusato Al Jazeera di incitare, piuttosto che limitarsi a coprire, gli eventi.
Le notizie esistono in una relazione dinamica con la politica e il denaro.
Chi finanzia Al Jazeera e perché? La rete è di proprietà dello sceicco Hamad bin Thamer al-Thani, cugino dell'emiro dominante del Qatar, ed è sovvenzionato dal governo. Si potrebbe dire che è il portavoce del governo del Qatar. In effetti, questo è ciò che ha detto l'ambasciatore degli Stati Uniti in Qatar. In un cavo confidenziale rilasciato da Wikileaks alla fine del 2010, ha descritto Al Jazeera come uno strumento della politica estera di quel paese. Ha suggerito che la rete funge da chip di contrattazione negli affari internazionali dello Stato del Golfo. Svolge un ruolo nell'affrontare il Qatar con l'Iran, con cui condivide un campo di gas, e con altri ostili giocatori del Medio Oriente, come Hamas, Hezbollah e Siria. La voce più rumorosa della regione, citata in tutto il mondo, Al Jazeera è un potente chip di contrattazione, anzi.

I giornalisti professionisti che lavorano in rete sono preoccupati per il suo pregiudizio. Nella primavera del 2011 – i media soprannominati "Primavera araba" – Ghassan Bin Jeddo, allora direttore dell'ufficio di Al Jazeera a Beirut, si è dimesso per mantenere la sua integrità professionale. Ha incaricato la rete di abbandonare i principi giornalistici della neutralità. Ha detto che è diventato "una sala operativa per incitamento e mobilitazione". Ha affermato che la rete ha evidenziato gli sviluppi in Libia, Yemen e Siria, ma ha minimizzato gli stessi sviluppi in Bahrain.

Come si può essere bene informati? Non è facile In primo luogo, sii consapevole del pregiudizio generale delle tue fonti di notizie. Se nel tempo le storie suonano le stesse campane a tema, sai che sei nel mondo del giornalismo di affermazione e guarda anche altrove. Esponiti a diversi punti di vista Notare cosa manca nella storia. Cerca il contesto e la completezza.

Solutions Collecting From Web of "A giudicare le notizie"