A Game of Thrones: Lezioni sullo stato

Nell'autunno del 2012 insegnerò un nuovo corso intitolato "Status, Power and Influence" all'Università dell'Illinois. Sono molto entusiasta dell'argomento e probabilmente ho troppe idee in giro per la testa su cosa dovrebbe coprire il corso. È come essere un bambino in un negozio di caramelle: nei libri di testo, ci sono letteralmente dozzine di grandi libri sul potere e la gerarchia!

È interessante notare che il mio primo pensiero su un libro di testo è stato il famoso romanzo fantasy George RR Martin "A Game of Thrones" (ora nella sua seconda stagione su HBO). In parole povere, "A Game of Thrones" parla di potere, stato e influenza.

Quali sono alcune delle lezioni sul potere sociale che possiamo imparare dalla serie? Ce ne sono diversi, ma penso che la prima lezione che apprendiamo nella serie sia che l'onestà e la verità non sono necessariamente percorsi verso uno status elevato.

[Avviso spoiler: per coloro che non hanno visto la prima stagione di "Game of Thrones", ti prego di distogliere lo sguardo!]

Ora vorrei riassumere quello che è successo a Ned Stark, Lord of Winterfell, Warden of the North, e Hand of the King nella prima stagione di "A Game of Thrones". In poche parole, Ned scende dalla sua casa nel nord, su richiesta di re Robert, che è un amico fidato, per aiutare a gestire i Sette Regni di Westeros. Ciò che Ned non capisce è che il re è circondato da decine di assassini, ribelli e venditori che sono tutti fuori per il proprio guadagno personale. Quando arriva Ned, si rende presto conto che il Re e il Regno sono in pericolo, quindi cerca di raddrizzare la nave: Ned chiama tutti fuori sulle loro bugie e confida che il coraggio e l'onore salveranno il regno. Sfortunatamente, ciò non funziona per Ned, che viene tradito, teso un'imboscata, imprigionato, etichettato come un traditore e separato dalla sua testa in circa due ore di televisione avvincente.

Perché Ned Stark ha raggiunto una fine così amara? E cosa può dirci la ricerca psicologica su dove Ned ha sbagliato?

Ned era onesto e sincero per un errore nel suo breve periodo come Hand of the King, e finì col pagare per questa onestà. Mentre Ned era nobile, i membri più astuti del consiglio del re – che erano più consapevoli di come una persona rivendica potere e autorità – erano in grado di trasformare efficacemente Ned nel nemico percepito del Regno. La ricerca suggerisce che le moderne gerarchie di stato funzionano in modo simile.

Potremmo credere che valga essere gentili al lavoro. Cioè, se faccio le favori di altre persone sul posto di lavoro, sono probabilmente percepito come un buon lavoratore che aiuterà gli altri quando ne hanno bisogno. Questo potrebbe anche essere un modo per guadagnarmi il rispetto dai miei collaboratori e una promozione dal mio capo! Sfortunatamente, questo non è ciò che accade per le persone che aiutano ciecamente gli altri al lavoro. Si scopre che aiutare tutti senza tenere traccia di questi favori è il modo giusto per essere sfruttati al lavoro, e in realtà può portare a non avere più rispetto delle persone che non aiutano gli altri dipendenti. In che modo, si spostano le gerarchie di stato al lavoro?

La risposta, suggerisce la ricerca, è il monitoraggio attento dei rapporti di scambio sul posto di lavoro (ad esempio, chi deve a chi un favore). Essendo qualcuno che è più consapevole di queste relazioni di scambio, è possibile risalire alla gerarchia di stato offrendo aiuto quando è necessario e rifiutandolo quando non è nel proprio interesse. Quindi, una persona che monitora i rapporti di scambio sul posto di lavoro può essere vista come utile e utile, senza apparire come un pushover.

In termini di studio specifico che ha trovato questo, Flynn e colleghi (2006) hanno studenti MBA raccolgono dati sulle loro abitudini di lavoro da ex colleghi di lavoro. Questi partecipanti hanno quindi completato le proprie capacità di autocontrollo per comprendere gli scambi sul posto di lavoro. Come previsto, gli studenti dell'MBA che erano bravi nell'autocontrollo – cioè, erano il tipo di persone che tenevano traccia dei rapporti di scambio al lavoro – tendevano a essere visti come i più generosi dai loro ex colleghi di lavoro, e come risultato, tendeva a essere valutato in uno stato più alto rispetto a coloro che non monitoravano i rapporti di scambio sul posto di lavoro.

Cosa avrebbe potuto imparare Ned Stark da Flynn e colleghi? Beh, potrebbe essere migliorato (e sarebbe stato più a lungo) se fosse stato più consapevole di tutte le alleanze che lo circondavano, e alla fine lo fece entrare. Altri personaggi che sono stati più consapevoli di questi schemi sono ancora vivi e al potere .

Hai imparato qualche lezione sullo stato di A Game of Thrones? Mi piacerebbe sentirlo nei commenti, su Twitter (@mwkraus) o sul mio altro blog PsychYourMind.

L'articolo:

Flynn FJ, Reagans RE, Amanatullah ET, & Ames DR (2006). Aiutare la propria strada verso l'alto: gli auto-controllori raggiungono lo stato aiutando gli altri e conoscendo chi aiuta chi. Rivista di personalità e psicologia sociale, 91 (6), 1123-37 PMID: 17144769

Solutions Collecting From Web of "A Game of Thrones: Lezioni sullo stato"