A Duty to Society della psichiatra

“Ai pazienti … come alla società”

“Finché non consci all’inconscio, dirigerà la tua vita e la chiamerai destino”. – Carl G. Jung

Harry Quan/Unsplash

Fonte: Harry Quan / Unsplash

Ci sono molti modi in cui la psichiatria illumina le dinamiche della società, ed è già in uno scambio attivo con la sociologia, l’antropologia, la religione, la legge e la salute pubblica, tra gli altri campi. La ricerca indica i benefici della comprensione delle dinamiche psicologiche alla base di tutte le vicende umane, e l’utilità di collegare le sfere biologiche, psicologiche e sociali in modi in cui la psichiatria è unicamente equipaggiata. Non solo gli psichiatri possono approfondire il discorso sulle questioni più intime per noi, ma possono anche adempiere all’obbligo etico di promuovere la salute e il benessere del pubblico.

I cambiamenti nelle norme internazionali riguardanti le armi nucleari si sono verificati a causa del vantarsi, della minaccia del loro uso e del desiderio di aumentare le loro scorte in modi senza precedenti. Cina, Russia, India e Pakistan hanno rinnovato i loro investimenti in programmi di armi nucleari a fianco della Corea del Nord, mentre lo scorso venerdì gli Stati Uniti hanno emanato una politica che segnala un nuovo tipo di corsa agli armamenti nucleari con la Russia (Sanger and Broad, 2018).

Si è tentati di credere che si tratti di decisioni puramente politiche e non di problemi di nostra iniziativa. Riconoscere il ruolo della psicologia in questi affari, tuttavia, può aiutarci a orientare il nostro corso in più modi che affermano la vita. I professionisti della salute mentale sono specializzati nell’interpretazione di modelli comportamentali e di pensiero e possono estrapolare queste capacità per comprendere il comportamento di intere società.

Inoltre, gli psichiatri dovrebbero “partecipare alle attività che contribuiscono al … miglioramento della salute pubblica” (American Psychiatric Association, 2013, Section 7). Le linee guida chiariscono che una separazione netta tra i singoli pazienti e il pubblico non è possibile (sezioni 3, 6, 8 e 9). Di conseguenza, il principio generale dell’etica medica afferma che: “un medico deve riconoscere la responsabilità ai pazienti prima di tutto, oltre che alla società ” (American Medical Association, 2016, Preambolo, enfasi aggiunta).

Uno dei contributi più cruciali che i professionisti della salute mentale possono fare è distinguere tra ciò che è normale e ciò che è malignamente no. Quando nella fase terminale c’è un individuo malato terminale, tutti possono vedere che la persona non sta bene. Tuttavia, potrebbe essere necessario un professionista per riconoscere la malattia nelle sue fasi iniziali, quando c’è ancora tempo per fare qualcosa al riguardo.

I professionisti portano la loro conoscenza del comportamento umano, dei modelli di patologia e di come la menomazione può “funzionare” in modi magistrali – per non parlare della loro esperienza di innumerevoli casi o studi di casi simili. Inoltre, la maggioranza nella società mancherà la patologia critica interpretandola in termini di ciò che sanno, cioè le variazioni del normale. Ad esempio, una mancanza di controllo può essere interpretata come onestà, le tendenze all’attacco possono essere viste come forza (quando è effettivamente l’opposto), e l’intenso desiderio di “sentire” gli altri per sopraffarli attraverso l’inganno e la manipolazione può essere scambiato per empatia (quando l’intenzione è di nuocere, non di aiutare).

Gli esseri umani sono effettivamente capaci di variazioni immensamente ampie nella norma, con tante personalità quante sono le culture. Quando i meccanismi vanno male e entrano in uno stato di malattia, tuttavia, questa capacità di varietà e diversità diminuisce. La prevedibilità segue un calo di flessibilità. Un’altra caratteristica della patologia è la perdita della capacità di riconoscere che qualcosa è sbagliato (o “perdita di intuizione”). Un’altra ancora è un’attrazione per la patologia, o corsi che sono dannosi, distruttivi o addirittura causa di morte (o “perdita di giudizio”). Più profondo è il disturbo, più poveri sono l’intuizione e il giudizio, e maggiore è la propensione distruttiva. I professionisti della salute mentale possono quindi essere un indicatore per una persona o una società che entra in una corsa verso la distruzione tra la difesa e la negazione.

Tuttavia, ci sono molti malintesi sulla psichiatria. Primo, una nozione popolare è che gli psichiatri si occupano esclusivamente di malattie mentali. Tuttavia sono in grado di rilevare quantità considerevoli, molto prima di arrivare a qualsiasi diagnosi, o addirittura a prescindere dal trattamento di una malattia diagnosticabile. Quando si avvicina una minaccia alla salute pubblica, ad esempio, diagnosticare un individuo da lontano non è solo impossibile (anche se la scienza indica che è sempre più fattibile) ma irrilevante. Un clinico non ha bisogno di “diagnosticare” la condizione privata di una persona a meno che non sia responsabile della sua prognosi e del suo trattamento. Se ci sono conseguenze per la salute e la sicurezza del pubblico, d’altra parte, l’operatore sanitario deve agire, indipendentemente dalla diagnosi. Questo entra nell’obbligo di un professionista per la società: il professionista della salute ha il dovere di riferire, di mettere in guardia e di prendere provvedimenti per proteggere le potenziali vittime, incluso il pubblico.

In secondo luogo, un altro equivoco comune riguarda cosa significa diagnosticare. La valutazione della pericolosità, per esempio, non sta diagnosticando; riguarda la situazione, non la persona. Segni di pericolosità possono diventare evidenti al di fuori di un colloquio personale – in effetti, un colloquio personale è di pochissimo valore nel valutare la pericolosità – e basta avere informazioni sufficienti per sollevare allarmi su di esso. Ci si aspetta che il professionista della salute si sbagli, se non del tutto, dalla parte della sicurezza, e spinga per una valutazione urgente, che può produrre diagnosi o mancanza di ciò. Il rischio di pericolo in base alle informazioni disponibili è un’emergenza e uno è pericoloso fino a prova contraria attraverso un esame approfondito. Fare diagnosi, d’altra parte, riguarda la persona e richiede tutte le informazioni pertinenti, tra cui un colloquio personale, cartelle cliniche, test aggiuntivi e informazioni collaterali. Il clinico può certamente avere una “differenza” o una lista corrente di possibili diagnosi ma non le dichiara senza certezza, in quanto ingannerebbe il pubblico.

Terzo, la stessa pericolosità non ha nulla a che fare con la malattia mentale. La maggior parte delle persone che sono violente non sono malate di mente e la maggior parte delle persone affette da malattie mentali è più probabile che siano vittime dei perpetratori di violenza. La malattia mentale, inoltre, ha poco a che fare con l’incapacità di servire in una certa capacità; ci sono un sacco di persone che soffrono di malattie, ma funzionano con competenza sul lavoro, o addirittura accedono a punti di forza unici come risultato. Piuttosto, il silenzio e la segretezza che circondano le questioni di salute mentale perpetuano l’esclusività della malattia mentale e accrescono lo stigma. La disabilità mentale viene trattata in modo diverso rispetto alla disabilità fisica a causa della mancanza di conoscenza: per gli standard medici, non è meno reale, non meno debilitante e non meno oggettivamente osservabile. Le diagnosi psichiatriche sono tra le più affidabili in medicina e un consenso non è difficile da raggiungere.

Infine, la malattia mentale non esonera automaticamente dalla responsabilità penale. La malattia mentale di per sé, come la malattia fisica, è neutrale e nella maggior parte dei casi non interferisce con l’azione di una persona. Tuttavia, una combinazione di menomazioni mentali e criminalità può renderla particolarmente pericolosa.

C’è molto da essere informato riguardo ai problemi psichiatrici, e non dovremmo temere la conoscenza o bloccare le opportunità di educare. La corretta consapevolezza è una parte importante della promozione della salute mentale pubblica. Una discussione aperta potrebbe piuttosto aiutare a dissipare i miti e mitigare l’uso di termini psichiatrici come insulti, epiteti o stratagemmi partigiani, una situazione che non deve necessariamente esistere.

Riferimenti

American Medical Association (2016). Codice AMA di etica medica . Chicago, IL: American Medical Association. Recuperabile all’indirizzo: https://www.ama-assn.org/sites/default/files/media-browser/principles-of-medical-ethics.pdf

World Medical Association (2017). Dichiarazione WMA di Ginevra . Ferney-Voltaire, Francia: World Medical Association. Recuperabile all’indirizzo: https://www.wma.net/policies-post/wma-declaration-of-geneva/

Sanger, DE e Broad, WJ (2018). Per contrastare la Russia, gli Stati Uniti segnalano che le armi nucleari sono tornate alla grande. New York Times . Retrievable at: https://www.nytimes.com/2018/02/04/us/politics/trump-nuclear-russia.html

Solutions Collecting From Web of "A Duty to Society della psichiatra"