A chi importa del cervello di Einstein?

Probabilmente sei a conoscenza di questo tizio di nome Albert Einstein. Scienziato piuttosto famoso, in realtà. Ha fatto un po 'di fisica. Una persona straordinariamente dotata fuori dal pensatore prima che le persone usassero anche quella frase. Un recente articolo lo ha descritto come "uno degli uomini più brillanti che siano mai vissuti". E chiaramente era.

Ecco perché un recente studio "La corteccia cerebrale di Albert Einstein: una descrizione e un'analisi preliminare di fotografie inedite" di Falk e colleghi della Florida State University pubblicati sulla rivista "Brain" hanno suscitato così tanto interesse da parte dei media. Sfortunatamente, lo spin che è venuto fuori da molti titoli (ma non dagli autori effettivi dello studio) relativi a questa copertura è stato per lo più assurdo. Troppe cose sono state fatte per i dubbiosi aspetti dell'anatomia del cervello di Einstein e del suo evidente genio.

Il che pone la domanda: l'anatomia del cervello è davvero rilevante?

La fisiologia (come funziona) di molti sistemi corporei può essere prevista dall'anatomia (come appare). In altre parole, la funzione viene dalla forma. Il tuo sistema cardiovascolare ha una grande pompa muscolare nella forma del cuore che riceve e spinge il sangue in tutto il corpo. Solo dando una buona occhiata all'anatomia del cuore, le valvole specializzate, le diverse camere, insieme a tutte le tubazioni che entrano ed escono, consente una stima ragionevole di ciò che fa e come lo fa.

Il sistema nervoso non è così semplice. Soprattutto quando parliamo del cervello. Un vero cervello umano contiene circa 100 miliardi di neuroni (le cellule del sistema nervoso). Quei 100 miliardi di neuroni potrebbero avere circa 5000 connessioni sinaptiche da altri neuroni. Quello è un ballpark di ~ 100 trilioni di connessioni. Un numero piuttosto grande. Molto più grande del numero stimato di galassie nell'universo. Che è da qualche parte tra i 200 ei 500 miliardi, nel caso in cui stai contando.

Questo fa parte di ciò che consente al sistema nervoso di presentare un ambito molto più ampio. Non perché l'anatomia è impenetrabile o molto più complicata in diverse aree del cervello. È certamente complesso, ma le caratteristiche generali delle connessioni da quei 100 miliardi di neuroni si formano in tratti e bande di connessioni all'interno del cervello che possono essere ragionevolmente identificate (soprattutto).

Il vero problema con il sistema nervoso deriva dal fatto che la funzione – il comportamento – del cervello non può essere predetta direttamente dall'anatomia. Inserisci quei 100 trilioni di connessioni. La cosa fondamentale è che l'attività di rete nel cervello emerge dall'attività delle raccolte di sinapsi attive in un dato momento. E questo è un panorama in continua evoluzione dell'attività di rete.

Un'approssimazione troppo semplice è pensare a una barca che sale e scende sulle onde delle onde dell'oceano. Rulli davvero grandi. Mentre ti siedi sulla tua barca e ti guardi intorno, altre barche stanno salendo e scendendo. In un dato momento vedi barche diverse. Quelle barche rappresentano tutte connessioni attive tra i neuroni che vengono espresse quando le puoi vedere e messe a tacere quando non puoi. Per completare la metafora, moltiplicare per molti trilioni.

Questo è ciò che rende la decifrazione del cervello funzione dall'anatomia un compito così arduo e un compito impossibile. Tutto ciò che vedi è l'oceano e non la funzione di rete. Ciò può essere rivelato solo mediante tecniche di imaging cerebrale – neuroimaging funzionale come fMRI e scansioni PET – che misurano la fisiologia e l'anatomia. Non può essere determinato dall'anatomia, non importa la risoluzione. Sfortunatamente questo tipo di analisi può essere fatto solo prospetticamente e non è aperto all'analisi forense. Non sapremo mai della fisiologia – la vera funzione – del cervello di Einstein.

Questo tipo di fascino per il cervello di Einstein è, ovviamente, perfettamente comprensibile. Cattura facilmente l'immaginazione. Ma è un vero disservizio migliorare la comprensione delle neuroscienze perpetuando gli stereotipi sulla funzione cerebrale che dovrebbero essere scomparsi insieme alla frenologia.

La frenologia è una pseudoscienza introdotta come scienza reale dal medico tedesco Franz Joseph Gall alla fine del 19 ° secolo. L'inquilino di base della frenologia si basa sulla scienza reale. Questa è l'idea che esiste una certa organizzazione regionale all'interno del cervello. Ciò significa che alcune aree includono neuroni disposti in reti per funzioni specializzate. Come la pianificazione del motore, la sensazione, la visione, l'udito e così via.

Tutto andava male con la frenologia quando il modo principale per valutare l'anatomia del cervello diventava uno dei dossi sul cranio! A prima vista, però, è facile capire perché la gente lo ha approvato. Sembra che abbia un senso.

La linea di pensiero era qualcosa del genere. L'anatomia cerebrale ha qualcosa a che fare con la funzione cerebrale. Il cervello è dentro il cranio. Il cranio deve essere modellato un po 'dal cervello. Quindi i dossi sul cranio hanno qualcosa a che fare con l'anatomia del cervello. Così i dossi sul cranio possono dirci su diversi aspetti della personalità, dell'intelletto, ecc.

Tutto ciò, ovviamente, è una totale assurdità. Ecco perché la frenologia è stata relegata nel cestino della pseudoscienza molto tempo fa. A proposito, per un'eccellente descrizione della fallacia della frenologia e un debunking del "test del QI", per favore vedi "The Mismeasure of Man" del compianto Stephen Jay Gould.

Questo illustra un peccato cardinale della scienza – assumendo la causalità con la correlazione. Solo perché esiste una relazione tra qualcosa non significa che una cosa abbia causato l'altra.

Per rispondere alla domanda posta come titolo di questo post, spero che a nessuno interessi il cervello di Einstein. Con questo intendo la sua anatomia cerebrale. Non sono sicuro del perché dovremmo preoccuparci della sua anatomia cerebrale. Almeno non nel modo in cui titoli come "Il cervello di Einstein rivela gli indizi al genio" o "Le caratteristiche non comuni del cervello di Einstein potrebbero spiegare le sue notevoli capacità cognitive" implicherebbe.

Invece dovremmo tutti preoccuparci molto del suo intelletto, della sua intuizione, della sua capacità di riflettere profondamente su questioni estremamente complesse. Queste sono le cose per cui lottare. Anatomia non secondaria. Nulla di tutto ciò può essere previsto dall'anatomia del cervello di Einstein o del cervello di qualcun altro.

In realtà quello che sto dicendo è che è tutto relativo. E sì, ho aspettato di scriverlo per tutto questo tempo. Le abilità relative non possono essere estratte semplicemente dall'anatomia. Quando si tratta del cervello, la forma non sempre determina la funzione.

La vera importanza del nostro cervello sta nei loro ruoli come processori funzionali, non come costrutti anatomici. Il nostro vero potenziale in quanto umani, sia che si tratti di geni scientifici o solo di medie Joans e Joes, deriva dalla nostra capacità di apprendere, sperimentare il mondo e modificare il nostro cervello attraverso le nostre esperienze.

© E. Paul Zehr, 2012

Solutions Collecting From Web of "A chi importa del cervello di Einstein?"