A che età sarai davvero più felice?

"La felicità spesso si insinua attraverso una porta che non sapevi di aver lasciato aperta." – John Barrymore

Tutti vogliamo essere felici. "La ricerca della felicità" è uno dei diritti fondamentali richiesti nella Dichiarazione di Indipendenza, insieme alla vita e alla libertà. Restare felici tende ad essere difficile man mano che invecchiamo, e ci troviamo immersi nei complessi problemi quotidiani che affrontiamo. Con tutti i fastidi, le pressioni sul lavoro, i problemi finanziari, i dolori e le sofferenze che derivano dall'essere umani, la felicità può tendere a sfuggirci.

auremar/Shutterstock
Fonte: auremar / Shutterstock

Anche definire ciò che intendiamo per felicità può essere complicato. A seconda del momento, la "felicità" può andare dalla semplice contentezza al tipo di gioia che si verifica solo nei momenti chiave della nostra vita. Se definiamo semplicemente la felicità in termini di quantità di emozioni positive che proviamo in qualsiasi momento, la ricerca suggerisce che la felicità tende a crescere nel tempo, a meno che non si sviluppino seri problemi di salute. Invecchiando, noi (di solito) miglioriamo nel regolare le nostre emozioni e acquisiamo anche più ricordi di momenti positivi nella nostra vita.

In quale fase della vita le persone hanno maggiori probabilità di essere felici?

La ricerca che esamina come la felicità cresce e cambia nel corso della vita presenta conclusioni contrastanti: gli studi trasversali che confrontano gli adulti in diverse fasce d'età suggeriscono che la felicità è più alta nella tarda adolescenza o nella prima età adulta. La ricerca longitudinale suggerisce, d'altra parte, che la felicità è maggiore negli anziani. Uno studio che utilizzava i dati longitudinali del progetto di ricerca "Midlife in the United Status" ha rilevato che gli effetti positivi erano relativamente stabili tra gli adulti tra i 20 e i 30 anni; diminuito durante gli anni '40; e poi lentamente salì per raggiungere un picco da 60 a 69. Tutto ciò suggerisce che coloro che proclamano i 60 come nuovi 40 potrebbero essere più veri di quanto molti realizzino.

Certo, tutti noi sperimentiamo la tragedia e il crepacuore e sviluppiamo più problemi di salute con l'avanzare dell'età. A seconda di quanto siamo soddisfatti delle nostre vite, tuttavia, nel complesso sembra che ci sia una crescita di emozioni positive nel tempo. Un nuovo studio di ricerca pubblicato sulla rivista Developmental Psychology guarda a come la felicità cambia nel tempo in due campioni: gli studenti delle scuole superiori seguiti dai 18 ai 43 anni; e gli studenti universitari seguiti da 23 anni a 37 anni.

Un team di ricercatori dell'Università di Alberta e Brandeis University ha utilizzato i dati dello studio Edmonton Transitions (ETS) e sondaggi postali per i partecipanti adulti. L'Edmonton Transitions Study è un progetto di ricerca di 25 anni che segue gli studenti di Grade 12 in 25 anni per vedere come cambiano le loro vite nel tempo. Misura fattori quali l'autostima, lo stato civile, l'occupazione, la salute fisica e il livello di istruzione dei genitori. I laureati nel secondo campione sono stati seguiti in sei ondate in 14 anni per raccogliere dati equivalenti all'ETS e per misurare il loro generale cambiamento di felicità nel tempo.

Complessivamente, per i liceali, la felicità è aumentata bruscamente dai 18 ai 25 anni e si è stabilizzata leggermente intorno ai 32 anni. All'età di 35 o 36 anni, la felicità inizia a calare leggermente quando i partecipanti si avvicinano ai 43 anni. Per il campione universitario, felicità aumentato in linea retta da 23 a 37: un effetto abbastanza robusto che ha resistito anche dopo che i ricercatori hanno controllato fattori quali il genere, l'educazione dei genitori, lo stato accademico e l'autostima percepita.

Fondamentalmente, questi risultati mostrano che la felicità aumenta generalmente nella giovane età adulta, dal momento che le persone diventano più mature dal punto di vista emotivo. Tuttavia, la maturità apporta nuovi obblighi che possono avere un profondo impatto sulla felicità personale. Il matrimonio, le nuove responsabilità familiari, i cambiamenti di carriera e le preoccupazioni finanziarie contribuiscono tutti al livello generale di felicità. Inoltre, la giovane età adulta tende ad essere il periodo nelle nostre vite in cui è meno probabile che ci si preoccupi dei problemi di salute, che possono aumentare in seguito nella vita.

I ricercatori hanno anche riportato alcune tendenze importanti: le donne tendevano ad essere generalmente più felici degli uomini, anche se la differenza generale era piuttosto piccola. Non sorprende che l'autostima e la felicità fossero strettamente collegate, sia per i campioni, sia per lo stato di salute e occupazione. Lo stato civile in genere offriva un aumento di felicità, qualcosa di coerente riportato anche da altri studi.

Sebbene i loro risultati siano intriganti, i ricercatori riconoscono che le loro scoperte probabilmente non sono universali. Le persone di culture e provenienze diverse potrebbero non condividere la stessa tendenza generale al rialzo della felicità dalla prima età adulta alla mezza età. Tuttavia, è probabile che lo studio della felicità si baserà sempre più su questo tipo di studi longitudinali per mostrare come la felicità cresce e cambia nel corso della vita.

Non sono solo gli psicologi a interessarsi alla ricerca sulla felicità: i governi di tutto il mondo si affidano maggiormente agli studi sugli indicatori sociali che usano concetti soggettivi come la felicità per misurare l'efficacia dei programmi e delle politiche sociali nel migliorare la vita dei cittadini. Ciò include indicatori come il Better Life Index sviluppato dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, progettato per confrontare il livello di benessere per diversi paesi e il World Happiness Report pubblicato dalla Sustainable Development Solutions Network.

Comprendere la felicità e il benessere sono diventati più importanti che mai. Come sottolinea la ricercatrice Nancy Galambos dell'Università di Alberta, "C'è bisogno di una visione a lungo termine della vita delle persone per capire i percorsi verso la felicità e i risultati di una vita di successo." Le persone felici hanno meno probabilità di sviluppare problemi di salute mentale e generalmente conducono vite più soddisfacenti, qualcosa che tutti possiamo apprezzare.

Quindi quanto sei felice oggi?

Solutions Collecting From Web of "A che età sarai davvero più felice?"