A casa oa scuola, se è spazzatura, è spazzatura

Presentiamo due sfide in questa colonna. Dopo aver dimostrato che gli americani sono la regina dei rifiuti del pianeta, esaminiamo se le nuove tecnologie di comunicazione possono contrastare questa tendenza generando persone più intelligenti e consumi più intelligenti.

Gli americani mangiano di più, bevono di più e buttano via più roba di chiunque altro. Non fidatevi di noi – guardate cosa hanno da dire questi radicali estremisti di sinistra a Scientific American, National Geographic e l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico.1

Gli Stati Uniti rappresentano un ventesimo della popolazione mondiale, ma generano il 50% dei suoi rifiuti solidi. Gli europei sono responsabili di 287 sterline in meno a persona ogni anno rispetto a noi.

Perché? La tendenza in altri paesi è lontana dai nostri metodi tradizionali di trattare con la spazzatura creata nelle case, nelle scuole e negli uffici – seppellendola o bruciandola, nelle discariche o negli inceneritori – e verso il riciclaggio di queste sostanze nell'economia e nella cultura della vita quotidiana.

E nel caso in cui pensi che l'iper-consumo degli Stati Uniti riguardi l'essere benestanti, ripensaci: ogni americano crea il doppio di rifiuti rispetto all'inglese medio e di più rispetto a quelli in Giappone. Infine, abbiamo osservato che quelle nazioni hanno fatto abbastanza bene su indici di qualità della vita e reddito disponibile.2

Inoltre, rifiutiamo il trasporto sostenibile in contrasto con le altre nazioni sviluppate, meno di un americano su dieci si preoccupa del trasporto di massa e solo una terza camminata o una bicicletta verso le loro destinazioni.

Allo stesso tempo, due terzi di noi possiedono smartphone (in aumento del 35% nel 2011). Sono più popolari tra le persone di età inferiore ai trent'anni

Potrebbero questi piccoli dispositivi, con la loro generosità di informazioni, intrattenimento e comunicazione, renderci più consapevoli e meno dispendiosi?

Dopotutto, ci permettono di acquistare meno tecnologie di comunicazione: non avremo tutti bisogno di laptop, desktop e tablet, perché un solo gadget combina così bene queste funzioni. Potremmo anche obiettare che collegando le persone, gli smartphone danno loro un senso di solidarietà, di solidarietà, contro l'isolamento della vita nei sobborghi, nelle campagne o nell'adolescenza. Forniscono anche metodi istantanei per il calcolo delle nostre impronte di carbonio! 4

Ma qui c'è un altro problema di spazzatura: la spazzatura della comunicazione.

Perché d'altra parte, potremmo menzionare che gli smartphone creano ostacoli all'apprendimento a causa della mancanza di attenzione al lavoro scolastico e della natura banale di molte interazioni elettroniche. C'è la sensazione che i nostri figli, i nostri colleghi e, in effetti, noi stessi non siamo mai del tutto "lì", non del tutto presenti, quando questi dispositivi sono in gioco.

L'indagine internazionale della Banca Mondiale sulle politiche relative agli smartphone a scuola è ambivalente su questo punto. Alcuni paesi scoprono che gli alunni che usano i telefoni perdono la concentrazione; gli altri "sentono" che traggono vantaggio dal rapido accesso alle risorse online.5 New York City ha appena concluso un lungo bando sui telefoni a scuola in quanto inefficace e indesiderato.6

Ma la scienza dimostra che i telefoni cellulari hanno un impatto educativo negativo. Per gli studenti "a basso reddito e a rischio", vietare il loro uso equivale a un'ora aggiuntiva a settimana a scuola o ad aumentare l'anno scolastico di cinque giorni.77

E il college? Il famoso studio "Laptop and the Lecture" di Cornell, pubblicato nel 2003, ha mostrato che i partecipanti alle lezioni ricordavano meglio le lezioni se non usavano i laptop durante la lezione. Molte ricerche nel decennio successivo hanno confermato i rischi del multitasking tecnologico con gli smartphone e il valore del prendere appunti con carta e penna piuttosto che digitalmente, e non solo per coloro che lo fanno; gli altri studenti vengono distratti da persone che digitano in modo diverso da quando sono circondate da notetaking vecchio stile.8

Non sorprende, quindi, che molte Facoltà di scienze informatiche di Dartmouth scoprano che le classi di programmazione (sì, le lezioni di programmazione) sono così sconvolte dagli studenti che utilizzano queste tecnologie per lo shopping e l'interazione sociale che non riescono a concentrarsi su … programmi.9

La ricerca mostra anche, paradossalmente, che gli studenti che si impegnano pesantemente nel multitasking multimediale sono peggiori di altri quando hanno compiti multipli da svolgere. L'invio di testi e l'interazione con i social media riducono seriamente queste capacità e l'apprendimento in generale.10

Immondizia, spazzatura?

È tempo di guardare alla scienza della spazzatura che produciamo e condividiamo, in contesti sia comunali che educativi.

La convinzione che la tecnologia possa risolvere i problemi pedagogici è improbabile quanto la convinzione che una piccola minoranza del mondo debba consumare così tanto della sua generosità.

Gli Stati Uniti hanno aperto la strada alla consapevolezza ambientale. Lo facciamo ancora nella tecnologia delle comunicazioni e nell'educazione universitaria. Mettiamo alla prova la ricerca sui rifiuti e sui telefoni cellulari in modo da poter rilanciare la nostra protezione della natura e mantenere la nostra ricerca e lo stato pedagogico.

1. http://www.scientificamerican.com/article/american-consumption-habits/; http://environment.nationalgeographic.com.au/environment/greendex/; http://www.oecd.org/environment/environment-at-a-glance-19964064.htm.

2. http://www.oecdbetterlifeindex.org/#/11111111111; http://www.tradingeconomics.com/united-kingdom/disposable-personal-income.

3. http://www.pewinternet.org/2015/10/29/technology-device-ownership-2015/?….

4. https://itunes.apple.com/it/app/unep-carbon-calculator/id479908091?mt=8.

5. http://blogs.worldbank.org/edutech/banning-and-unbanning-phones-schools.

6. http://www.nytimes.com/2015/01/08/nyregion/industry-will-vanish-along-wi….

7. https://theconversation.com/how-smart-is-it-to-allow-students-to-use-mob….

8. https://web.stanford.edu/dept/CTL/ClassroomLaptops/wikiupload/1/17/Multi… http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0360131512002254.

9. http://www.newyorker.com/tech/elements/the-case-for-banning-laptops-in-t….

10. http://www.pnas.org/content/106/37/15583.abstract; http://nms.sagepub.com/content/17/10/1661.abstract; http://top.sagepub.com/content/41/1/44.abstract; http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/03634523.2015.1038727; http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/87567555.2015.1019826.

Solutions Collecting From Web of "A casa oa scuola, se è spazzatura, è spazzatura"