A Bone of Contention: osteoporosi e peso

istock.com, tirc83, used with permission
Fonte: istock.com, tirc83, usato con permesso

"Le tue ossa sono senza midollo …" (Atto III, Scena IV) dice Macbeth spaventato di Shakespeare mentre cerca di rassicurare se stesso che non c'è pericolo nel vedere il fantasma di Banquo, il generale scozzese che aveva ordinato di uccidere. In che modo il midollo osseo si riferisce al peso corporeo e persino all'osteoporosi? "L'osteoporosi è l'obesità dell'osso?" Questa è la domanda provocatoria che i ricercatori Rosen e Bouxsein, in un articolo apparso diversi anni fa sulla rivista Nature Clinical Practice (Rheumatology ), hanno chiesto.

L'osteoporosi è una condizione grave che colpisce sia gli uomini che le donne e può verificarsi a qualsiasi età. Rosen e Bouxsein notano che i segni e i sintomi includono dolore alla schiena, fratture (più comunemente alla colonna vertebrale, all'anca, al radio distale e

istock.com, generacionx, used with permission
Gleams Castle, sede del Macbeth di Shakespeare.
Fonte: istock.com, generacionx, usato con permesso

omero prossimale) senza accompagnamento di traumi significativi e bassa densità minerale ossea, una misura della massa ossea. La qualità di un osso è una funzione della geometria ossea e della forza ossea, nonché della sua densità minerale. Quando la densità minerale ossea è bassa, però, le ossa sono fragili e soggette a fratture. Uno dei modi migliori per misurarlo è l'assorbimetria a raggi X a doppia energia (DXA), in particolare della colonna vertebrale, dell'anca e del polso. DXA, per inciso, è anche uno dei modi più accurati per misurare la composizione corporea e in particolare la nostra percentuale di grasso corporeo. L'osteoporosi si verifica in genere negli anziani (e in particolare nelle donne dopo la menopausa). Può anche verificarsi nel contesto della deprivazione nutrizionale (ad es. Grave restrizione alimentare) come osservato in quelli con anoressia nervosa, oltre al trapianto secondario di organi, a malattie croniche del fegato o dei reni, morbo di Cushing (con la sua aumentata produzione di glucocorticoidi), reumatoide artrite, linfoma e diabete di tipo 1 e II. Inoltre, sia il consumo eccessivo di alcool che il fumo di sigaretta sono stati associati ad un aumento dei rischi di osteoporosi.

Rosen e Bouxsein osservano che sia l'obesità che l'osteoporosi hanno alcune caratteristiche in comune: entrambi sono "disturbi della composizione corporea che stanno crescendo in prevalenza"; entrambi possono avere una base genetica e influenze ambientali; entrambe le malattie tendono a svilupparsi nel tempo e sono associate a "significativa morbilità e mortalità" e forse, soprattutto, entrambe "possono essere ricondotte alla disregolazione di una cellula precursore comune", cioè sia cellule adipose (adipociti) che cellule ossee (osteoblasti) ) derivano dalle stesse cellule mesenchimali embrionali. Questi ricercatori descrivono come quelle che vengono chiamate cellule staminali mesenchimali del midollo osseo pluripotenziale possono differenziarsi in osteoblasti (cellule che formano ossa) o adipociti (cellule di grasso), a seconda di un processo complesso che coinvolge "interruttori" all'interno delle cellule "suggerendo una significativa plasticità" tra due tipi di cellule. Shapses e Sukumar, scrivendo nell'Annual Review of Nutrition (2012) notano un'importante differenza evidente: l'osteoporosi è spesso considerata una "malattia silenziosa" (cioè il suo primo segno può essere una frattura) in contrasto con l'obesità che ha "alta visibilità".

Originariamente si pensava che quelli con un peso eccessivo (cioè che hanno un "carico meccanico aumentato" a causa del loro peso) avevano meno probabilità di sviluppare l'osteoporosi. Sharma e altri in un recente articolo (2014) sul Journal of Midlife Health , riferiscono che ampi studi basati sulla popolazione mettono ora in discussione l'idea che l'aumento di peso sia protettivo per la salute delle ossa. La situazione, tuttavia, è complessa: notevolmente, sia il peso corporeo abbassato (e anche una recente perdita di peso di solo il 5%) e il peso eccessivo possono essere fattori di rischio per l'aumento della perdita ossea e un aumento del rischio di fratture. Inoltre, i pazienti obesi che vengono seguiti longitudinalmente dopo l'intervento chirurgico di bypass gastrico e che hanno successivamente perso considerevole peso, possono perdere una significativa densità minerale ossea, secondo Rosen e Bouxsein, ma l'età, il sesso, l'etnia e la massa magra del paziente sono fattori che contribuiscono a lo sviluppo dell'osteoporosi.

Con l'avanzare dell'età, si tende ad essere una infiltrazione grassa del midollo osseo, confermata dalla risonanza magnetica, e questo è associato ad una maggiore tendenza a rendere fragili le ossa. Secondo gli studi riportati da Lecka-Czernik e Stechschulte (2014) negli Archivi di Biochimica e Biofisica , il tessuto adiposo si accumula nelle nostre ossa lunghe e nelle nostre vertebre. Le donne in postmenopausa possono avere il doppio del grasso nel loro midollo osseo come donne in pre-menopausa.

Kawai et al, scrivendo nel Journal of Internal Medicine (2012) descrivono come ci sia stato un "cambio di paradigma" nel considerare il tessuto adiposo come una sostanza di accumulo di energia inerte per focalizzarsi su di esso come un importante "modulatore endocrino di sazietà, energia equilibrio e sviluppo puberale. "Questi adipociti nel midollo osseo, proprio come gli adipociti in altre parti del corpo, possono secernere sostanze infiammatorie (citochine) che possono portare al riassorbimento osseo. Inoltre, esiste un'altra connessione tra grasso e ossa perché l'ormone grasso leptina, che regola l'equilibrio energetico tra le sue molte altre funzioni, può anche influenzare la massa ossea. Nota Rosen e Bouxsein, tuttavia, che la funzione del grasso nel midollo osseo non è completamente nota e può essere protettiva o dannosa. Lecka-Czernik e Stechschulte sollevano la questione se gli adipociti nel midollo osseo abbiano effettivamente un effetto negativo sulla massa ossea o se sia la bassa massa ossea che stimola l'accumulo di adipociti. Inoltre, sia gli adipociti marroni che quelli beige sono stati trovati nel midollo osseo e possono anche essere coinvolti nella regolazione della massa ossea. Ad esempio, Kawai ed altri ipotizzano che questi possano persino creare un "microambiente favorevole" per la formazione dell'osso funzionando come fonte di energia o anche come regolatore di temperatura.

Conclusione: la relazione tra grasso e ossa è straordinariamente complessa e mal capita. Se ci sono effetti benefici dell'accumulo di grasso nel midollo osseo, secondo Lecka-Czernik e Stechsculte, possono infine portare a nuove possibilità terapeutiche per il trattamento dell'osteoporosi e dell'obesità.

Solutions Collecting From Web of "A Bone of Contention: osteoporosi e peso"