9 segni che stai affrontando con uno psicopatico

goodluz/Shutterstock
Fonte: goodluz / Shutterstock

Prima un po 'di storia terminologica, per chiarire ogni confusione sui significati di "sociopatico", "psicopatico" e termini correlati: nei primi anni del 1800, i medici che lavoravano con pazienti mentali iniziarono a notare che alcuni dei loro pazienti che apparivano esteriormente Normale aveva quello che chiamavano una "depravazione morale" o "follia morale", in quanto sembravano non possedere alcun senso di etica o dei diritti di altre persone. Il termine "psicopatia" fu applicato per la prima volta a queste persone intorno al 1900. Il termine fu cambiato in "sociopatico" negli anni '30 per enfatizzare il danno che causano alla società. Attualmente i ricercatori sono tornati a usare il termine "psicopatico". Alcuni di loro usano quel termine per riferirsi a un disturbo più grave, legato a tratti genetici, producendo individui più pericolosi, continuando a usare "sociopatico" per riferirsi a persone meno pericolose che sono visti più come prodotti del loro ambiente, compresa la loro educazione. Altri ricercatori fanno una distinzione tra "psicopatici primari", che si ritiene siano geneticamente causati, e "psicopatici secondari", visti più come prodotti dei loro ambienti.

L'attuale approccio alla definizione di sociopatia e ai concetti correlati consiste nell'utilizzare un elenco di criteri. Il primo elenco di questo tipo fu sviluppato da Hervey Cleckley (1941), che è conosciuto come la prima persona ad investigare gli psicopatici usando tecniche di ricerca moderne. Chiunque si adegui a questi criteri conta come uno psicopatico o un sociopatico. Ci sono diverse liste di questo tipo in uso. Il più comunemente usato è chiamato Checklist Psychopathy Revised (PCL-R). Una versione alternativa è stata sviluppata nel 1996 da Lilienfeld e Andrews, chiamato Psychopathic Personality Inventory (PPI). Il libro che psicologi e psichiatri usano per classificare e diagnosticare la malattia mentale, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), include una categoria per "disturbo di personalità antisociale" (APD), mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanità delinea una categoria simile che chiama "Disturbo della personalità dissociale". Circa 1 persona su 5 con APD è uno psicopatico (Kiehl e Buckholtz, 2010).

Se sovrapponiamo tutti questi elenchi di criteri, possiamo vederli riunire nel seguente insieme di caratteristiche principali:

1. Indifferente

Il PCL descrive gli psicopatici come insensibili e mostrando una mancanza di empatia, caratteristiche che il PPI descrive come "spensieratezza". I criteri per il disturbo di personalità dissociale includono una "insensibile indifferenza per i sentimenti degli altri". Diverse linee di evidenza indicano una base biologica per la natura indifferente dello psicopatico. Per noi, la cura è un'impresa in gran parte guidata dalle emozioni. Gli psicopatici hanno dimostrato di avere connessioni deboli tra i componenti dei sistemi emotivi del cervello. Questi disconnessi sono responsabili dell'incapacità di provare emozioni profondamente. Anche gli psicopatici non sono bravi nel rilevare la paura nei volti di altre persone (Blair et al., 2004). Anche l'emozione del disgusto gioca un ruolo importante sul nostro senso etico. Troviamo certi tipi di azioni non etiche disgustose; questo funziona per impedirci di coinvolgerli e di farci esprimere loro disapprovazione. Ma gli psicopatici hanno soglie estremamente alte per il disgusto, misurate dalle loro reazioni quando mostrano foto disgustose di volti mutilati e se esposti a odori sgradevoli.

Una nuova linea di ricerca promettente si basa sulla recente scoperta di una rete cerebrale responsabile della comprensione delle menti altrui. Chiamata la rete in modalità predefinita (perché svolge anche altre attività e sta funzionando la maggior parte del tempo quando siamo svegli), coinvolge un gruppo di diverse aree nella corteccia cerebrale. I primi studi sono stati condotti sulla funzione di questa rete in psicopatici e, come previsto, hanno notato "una connettività funzionale aberrante" tra le sue parti della rete, insieme a un volume ridotto in alcune delle aree cruciali della rete.

2. Emozioni superficiali

Gli psicopatici e, in una certa misura, i sociopatici, mostrano una mancanza di emozioni, in particolare le emozioni sociali come la vergogna, la colpa e l'imbarazzo. Cleckley ha detto che gli psicopatici con cui è entrato in contatto mostravano una "povertà generale nelle principali reazioni affettive" e una "mancanza di rimorso o di vergogna". Il PCL descrive gli psicopatici come "emotivamente superficiali" e mostra una mancanza di senso di colpa. Gli psicopatici sono noti per la mancanza di paura. Quando altre persone vengono messe in una situazione sperimentale in cui si anticipano che avverrà qualcosa di doloroso, come una leggera scossa elettrica o una pressione lievemente avversiva applicata a un arto, si attiva una rete cerebrale. Le persone normali mostreranno anche una chiara risposta di conduttanza cutanea, prodotta dall'attività della ghiandola sudoripare. Nei soggetti psicopatici, tuttavia, questa rete cerebrale non mostra attività e non vengono emesse risposte di conduttanza cutanea (Birbaumer et al., 2012).

3. Irresponsabilità

Secondo Cleckley, gli psicopatici mostrano inaffidabilità, mentre il PCL menziona "irresponsabilità" e il PPI descrive gli psicopatici come "esternalizzazione della colpa", ovvero incolpano gli altri di cose che sono in realtà colpa loro. Possono ammettere la colpa quando costretti in un angolo, ma queste ammissioni non sono accompagnate da un senso di vergogna o rimorso, e non hanno il potere di cambiare il comportamento futuro.

4. Discorso insincero

Partendo da ciò che il PCL descrive come "insicurezza" e "fascino superficiale", alla "falsità" e "insincerità" di Cleckley, alla menzognera "menzogna patologica", c'è una tendenza a svalutare lo stesso discorso tra gli psicopatici gonfiandolo e distorcendolo verso egoistici finisce. I criteri per l'APD includono "conning altrui per profitto personale o piacere." Un padre preoccupato di una giovane donna sociopatica ha detto: "Non riesco a capire la ragazza, non importa quanto mi sforzi. Non è che lei sembri cattiva o esattamente che lei voglia fare qualcosa di sbagliato. Può mentire con la faccia più dritta, e dopo che è stata trovata nelle bugie più stravaganti, sembra ancora perfettamente facile nella sua mente "(Cleckley, 1941, p.47). Questo uso occasionale delle parole può essere attribuibile a ciò che alcuni ricercatori chiamano senso del senso del termine. Gli psicopatici non mostrano la risposta cerebrale differenziale a termini emotivi in ​​termini neutri che fanno gli altri (Williamson et al., 1991). Hanno anche difficoltà a comprendere metafore e parole astratte.

5. Overconfidence

Il PCL descrive i sociopatici come in possesso di un "senso grandioso di autostima". Cleckley parla spesso della vanagloria dei suoi pazienti. Hare (1993) descrive un sociopatico imprigionato che credeva di essere un nuotatore di livello mondiale.

6. Restringimento di attenzione

Secondo Newman e i suoi colleghi, il deficit principale della psicopatia è un fallimento di quella che chiamano modulazione della risposta (Hiatt and Newman, 2006). Quando molti di noi si impegnano in un compito, siamo in grado di modificare la nostra attività o modulare le nostre risposte, a seconda delle informazioni periferiche rilevanti che appaiono dopo l'inizio dell'attività. Gli psicopatici sono specificamente deficienti in questa abilità e, secondo Newman, questo spiega la loro impulsività, un tratto che si manifesta in molti degli elenchi di criteri, così come i loro problemi con l'elusione passiva e con l'elaborazione delle emozioni.

L'attenzione dall'alto verso il basso tende ad essere sotto il controllo volontario, mentre l'attenzione dal basso verso l'alto avviene involontariamente. Ma l'attenzione dal basso verso l'alto può catturare temporaneamente l'attenzione dall'alto verso il basso, come quando il movimento nella periferia del nostro campo visivo attira la nostra attenzione. Gli psicopatici hanno problemi nell'utilizzare l'attenzione dall'alto verso il basso per accogliere le informazioni che attivano l'attenzione dal basso verso l'alto durante un'attività. In altre persone, questo processo tende ad accadere automaticamente. Quando un cacciatore cerca un cervo, un coniglio che salta nella periferia del suo campo visivo attira automaticamente la sua attenzione. I processi di attenzione top-down monitorano il campo di attenzione per i conflitti e li risolvono. Il mezzo standard per valutare questo è il compito Stroop, in cui un soggetto deve leggere parole di colore che sono stampate con inchiostro di un colore in conflitto, come "rosso" stampato in inchiostro blu. Diversi studi indicano che gli psicopatici in realtà svolgono meglio di altre persone su questi compiti (Hiatt et al., 2004; Newman et al., 1997).

7. Egoismo

Cleckley parlava dei suoi psicopatici che mostravano una "egocentrismo patologico [e incapacità per amore]", che è affermato nell'inclusione del PPI dell'egocentrismo tra i suoi criteri. Il PCL menziona anche uno "stile di vita parassitario".

8. Incapacità di pianificare il futuro

Gli psicopatici di Cleckley hanno mostrato un "fallimento nel seguire qualsiasi piano di vita". Secondo il PCL, gli psicopatici hanno una "mancanza di obiettivi realistici a lungo termine", mentre il PPI li descrive come "spensierati non pianti".

9. Violenza

I criteri per la personalità dissociale includono "una tolleranza molto bassa alla frustrazione e una soglia bassa per la scarica dell'aggressività, inclusa la violenza". I criteri per il disturbo antisociale di personalità includono irritabilità e aggressività, come indicato da ripetuti combattimenti fisici o aggressioni.

I filosofi possono svolgere un ruolo prezioso qui nel discernere le conseguenze di tutte queste scoperte per i nostri tentativi di costruire una società etica. Devono essere affrontate diverse domande: qual è la possibilità che la psicopatia sia genetica dire della natura umana? Quali passi possiamo prendere per "correggere" gli psicopatici e qual è il più etico? Se è vero che gli psicopatici hanno cervelli danneggiati o anormali, possiamo considerarli responsabili di ciò che fanno? Esistono gradi di psicopatia, in modo che le persone normali possano possedere tratti psicopatici?

Birbaumer, N, Veit, R., Lotze, M., Erb, M., Hermann, C., Grodd, W. e Flor, H. 2005. Deficiente condizionamento della paura in psicopatico: uno studio funzionale di risonanza magnetica. Archives of General Psychiatry 62: 799-805.

Cleckley, Hervey. 1941. La maschera della sanità. CV Mosby Co.

Hiatt KD, Schmitt WA, Newman JP. 2004. I compiti di Stroop rivelano un'attenzione selettiva anormale tra i criminali psicopatici. Neuropsicologia 18: 50-9.

Lepre, RD. 1993. Senza coscienza. Guilford Press: New York, NY.

Hiatt KD, Newman JP. 2006. Comprendere la psicopatia: il lato cognitivo. In: Patrick CJ, editore. Manuale di psicopatia. Guilford Press; New York, NY, pp. 334-352.

Kiehl, KA. E Buckholtz, JW. 2010. Dentro la mente di uno psicopatico. Scientific American Mind, settembre / ottobre: ​​22-29.

Lilienfeld SO, Andrews BP. 1996. Sviluppo e validazione preliminare di una misura self-report dei tratti della personalità psicopatica in popolazioni non criminali. Journal of Personality Assessment 66: 488-524.

Newman JP, Schmitt WA, Voss WD. 1997. L'impatto di segnali motivazionalmente neutrali su individui psicopatici: valutare la generalità dell'ipotesi della modulazione della risposta. Journal of Abnormal Psychology 106: 563-575.

Williamson S, Harpur TJ, Hare RD. 1991. Elaborazione anormale di termini affettivi da parte di psicopatici. Psychophysiology 28 (3): 260-73

Solutions Collecting From Web of "9 segni che stai affrontando con uno psicopatico"