9/11, il presidente Obama e il frequentatore dell'America

Due eventi non correlati stanno perseguitando l'identità americana, facendoci saltare sulle nostre stesse ombre. Prima venne l'11 settembre.

9/11/01; in quel 21 ° secolo "… giorno che vivrà nell'infamia", alle 13:30, al NC State, dovrei insegnare la mia sezione da 200 studenti di Introduzione alla psicologia. A quell'ora, tutti i viaggi aerei erano stati interrotti, entrambe le torri erano crollate e nessun civile sapeva dove si trovasse il Presidente degli Stati Uniti.

Invece di andare avanti con la mia conferenza programmata su "Metodi di ricerca in psicologia", ho aperto la lezione recitando il poema di John Donne "Nessun uomo è un'isola". Poi ho detto ai miei studenti, parliamo di quello che è successo nel nostro paese oggi . Alcuni studenti hanno rivelato di avere una famiglia a New York, a cui avevano cercato, ma che non potevano raggiungere. Da lì la discussione in classe è stata cupa, arrabbiata, paurosa ea volte bizzarra. Uno scambio tra studenti è stato intenso. "Penso che dovremmo bombardarli", urlò uno studente.

Fu durante quel semestre che cinque o sei studenti, che spesso andavano a lezione in uniforme, erano nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti, in Marina ROTC. Quando l'esclamazione "let's nuke" emise un'esclamazione, immediatamente uno dei giovani marines alzò la mano e senza aspettare che il mio riconoscimento si trasformasse nella direzione di quella voce e disse ad alta voce,

"… nuke chi? Non sai di cosa stai parlando! A chi puntiamo le armi nucleari? siamo stati attaccati da un altro paese oggi! È semplicemente sciocco! "

E 'stato uno scambio vesciche e critica. Eppure tutta la complessità dell'umore nella stanza è stata catturata dai miei studenti che hanno detto:

"Non capisco come il mondo funzioni più".

"Non mi sento più al sicuro."

Viviamo ancora in quella tensione psicologica e ansia. E adesso? Come funziona davvero il mondo?

Il nostro secondo evento fu l'elezione di Barack Hussein Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Aspettare! Che cosa! All'improvviso abbiamo avuto un presidente nero. Bene kinda; è stato cresciuto dalla sua madre bianca e dai suoi nonni. Aspetta, come si chiama? Quindi un presidente multiculturale; multiculturale? Beh, è ​​un vero americano?

Sebbene il presidente Obama fosse debitamente eletto attraverso il processo democratico americano, poiché la sua identità era difficile da definire nei soliti modi razziali e religiosi, gli americani sembravano prendere dal panico. Troppi sembravano reagire con un'incertezza; "Non capisco come funziona il mondo." Nessuna sorpresa che ci fosse così tanta follia sulla cittadinanza americana del Presidente Obama e sulla sua religione. È musulmano, no? Obama fa rima con Osama.

Anche oggi, dopo averlo eletto a un secondo mandato, siamo ancora perseguitati. Febbraio 2015, l'ex sindaco di New York Rudolph Guiliani dice ad alta voce:

"So che questa è una cosa orribile da dire, ma non credo che questo presidente ami l'America. Lui non ti ama. Lui non mi ama Non è stato educato come eri allevato e io ero cresciuto; amare questo paese. "

Insieme a molti altri, l'editorialista del New York Times Charles M. Blow ha commentato la dichiarazione del signor Guiliani. La dichiarazione del signor Blow è degna di nota perché mette le ansie del signor Guiliani nel contesto. Ha scritto:

[Il presidente Obama] "… non solo si è candidato all'idea del cambiamento, ma la sua presenza – sia nel volto che nei valori – è la manifestazione del cambiamento. Non rappresenta solo un vero e proprio affronto allo status quo e al potere tradizionale, ma non è nemmeno timido nel sottolineare dove l'America può migliorare ".

Parla di essere perseguitato. Nel contesto dello shock dell'11 settembre e dello shock di eleggere un non-bianco alla Presidenza, l'America è piena di paura dei fantasmi psicologici; ansia intergruppo. La nostra psicologia sociale dell'Americanismo, le nostre idee su chi è un "noi" (vero americano) e chi è un "loro" sono pieni di incertezza. Ovunque andiamo, in ogni spazio fisico in cui ci imbattiamo, lì incontriamo americani che erano un "loro" o sono i nuovi "loro". Così l'incertezza e l'ansia sono in aumento in America a causa della neo-diversità della nostra nazione.

Questa non è semplicemente la mia osservazione e la mia conclusione. Nell'ottobre 2013 un'indagine di Esquire-NBC News (http://www.mintpressnews.com/meet-the-new-american-center/170707/) ha riportato che uno su cinque americani ha affermato che la diversità li rende "molto ansiosi". dalle notizie della NBC, gli americani sono preoccupati "… come" aumentare la diversità "in America influenzerà il futuro del paese, con quasi uno su cinque che dice che la diversità li rende" molto ansiosi "e una super maggioranza (65 per cento) che riferisce che la diversità ispira in non hanno alcun senso di speranza nel futuro … "

Siamo infestati infestata. Saltando alle nostre ombre, passiamo alle strategie di interazione sociale per farci sentire al sicuro. La gente in realtà dice "… non vedo il colore". Parla di essere perseguitato.

Solutions Collecting From Web of "9/11, il presidente Obama e il frequentatore dell'America"