7 Miti sulle commozioni cerebrali

Dalla controversia della NFL alla sottostima fino ai test diagnostici più accurati, la ricerca di concussione ha fatto notizia ultimamente. Eppure, nonostante la crescente consapevolezza del pubblico, sono comuni idee sbagliate riguardo a queste lesioni. Il post di oggi è di Linda Halabi per conto degli esperti di concussione presso i centri sanitari di Cerebrum.

9nong/fotolia
Fonte: 9nong / fotolia

Miti sulle commozioni cerebrali
Una commozione cerebrale è una lieve lesione cerebrale traumatica che richiede un'attenzione significativa. Dopo ogni infortunio che può aver provocato uno spintone alla testa, assicurati di parlare con un operatore sanitario se pensi che ci possa essere una possibilità di lesioni cerebrali. Potrebbero essere giorni o settimane prima che inizino a comparire segni di commozione cerebrale, quindi assicurati di monitorare come te o la persona che ha subito un infortunio si sente nel tempo.

Anche se le commozioni cerebrali sono una lesione relativamente comune, che colpisce circa 128 persone ogni 100.000 abitanti negli Stati Uniti ogni anno, esistono tuttora idee sbagliate comuni sull'occorrenza, sulla diagnosi e sul trattamento delle commozioni cerebrali.

Ecco uno sguardo a 7 miti comuni che possono influenzare la tua comprensione delle commozioni cerebrali:

Mito n. 1 – Devi subire una perdita di coscienza per sostenere una commozione cerebrale

Fatto – La perdita di coscienza non è l'unico indicatore di commozione cerebrale. In realtà, la perdita di coscienza si verifica solo in una minoranza di casi. Prima della medicina moderna, la perdita di coscienza era uno dei segni principali utilizzati per identificare le commozioni cerebrali. Tuttavia, ora sappiamo che ci sono una varietà di altri sintomi oltre a perdere coscienza che sono indicatori importanti di una commozione cerebrale. Mal di testa, stanchezza, nausea, sensibilità alla luce o al rumore, problemi di equilibrio, vertigini e ronzio nelle orecchie sono sintomi fisici comuni che possono verificarsi senza perdita di coscienza e possono indicare la possibilità di una commozione cerebrale.

Mito n. 2 – Le commozioni cerebrali derivano esclusivamente da un colpo diretto alla testa

Fatto: non è necessario un impatto diretto sulla testa per sostenere una commozione cerebrale. Una commozione cerebrale è causata dalla forza trasmessa alla testa che può verificarsi senza un colpo diretto alla testa. Ad esempio, una caduta o un colpo al collo, al torace o in un'altra regione vicino alla testa può causare un effetto di colpo di frusta sul cervello che può portare a una commozione cerebrale. Qualsiasi movimento improvviso che faccia rimbalzare il cervello o torsione all'interno del cranio può danneggiare le cellule cerebrali e causare trauma cranico.

Mito n. 3 – Chiunque abbia una commozione cerebrale necessita immediatamente di una scansione TC o di una risonanza magnetica

Fatto – Molte commozioni cerebrali non possono essere diagnosticate con un esame TC o MRI. Le scansioni TC e MRI convenzionali appaiono quasi sempre normali dopo un trauma cranico, anche dopo ripetute commozioni cerebrali. Per i casi in cui si sospetta una lesione cerebrale più grave, è possibile utilizzare una scansione TC per identificare i coaguli intercranici che richiedono neurochirurgia, ma la frequenza è molto bassa (meno dell'1%). Per i pazienti che hanno superato un normale esame neurologico e che non mostrano sintomi post-concussivi, ad eccezione del lieve mal di testa, è ragionevole rinunciare alla TC. Un medico inizierà probabilmente conducendo un esame neurologico per valutare la vista, l'udito, i riflessi, la memoria, la concentrazione, l'equilibrio e la coordinazione e andrà da lì.

Mito # 4 – Devi svegliare qualcuno con una commozione cerebrale ogni 20 minuti.

Fatto – Al contrario, il riposo è molto importante per il processo di guarigione e recupero del cervello. Per almeno le prime 12 ore, qualcuno dovrebbe svegliare la persona che soffre di una commozione cerebrale ogni 2 o 3 ore per porre loro una semplice domanda e cercare eventuali cambiamenti nel modo in cui appaiono o agiscono. Una volta che il medico ha liberato il paziente da questa fase di valutazione iniziale, è necessario controllarli periodicamente. Ottenere un sacco di sonno è in realtà uno degli aspetti più importanti del trattamento di concussione.

Mito # 5 – Tutti i rimedi contro il dolore e i farmaci dovrebbero essere evitati se si soffre di una commozione cerebrale

Fatto – Alcuni temono che alcuni farmaci possano mascherare i sintomi della commozione cerebrale, ma i farmaci da banco delicati come il paracetamolo (Tylenol) possono essere tranquillamente usati per trattare il dolore. Aspirina, ibuprofene (come Advil e Motrin), naprossene e altri farmaci antinfiammatori non steroidei non devono essere usati. Parla sempre con il tuo medico prima di assumere farmaci, soprattutto quando non sei sicuro di cosa assumere per la tua condizione e i sintomi. La prescrizione di farmaci può anche essere necessaria per assistere il recupero del cervello e può essere prescritta dal medico.

Mito n. 6 – La lesione al cervello si verifica solo nel momento iniziale dell'impatto

Fatto – Una commozione cerebrale comporta processi a livello microscopico del cervello. I cambiamenti chimici possono verificarsi per giorni, settimane o addirittura mesi dopo l'impatto. Nelle lesioni cerebrali traumatiche moderate e gravi, i sintomi possono essere scatenati da squilibri nella produzione di ormoni necessari al normale funzionamento del cervello. Dopo una commozione cerebrale, il cervello è anche più suscettibile alle lesioni, quindi è fondamentale prevenire qualsiasi seconda commozione cerebrale o altri impatti sul cervello durante il processo di guarigione. Nei giorni o settimane dopo una commozione cerebrale, una minoranza di individui può sviluppare una sindrome post-concussiva; i sintomi includono mal di testa, affaticamento, deterioramento cognitivo, depressione, irritabilità, vertigini, problemi di equilibrio e apatia. Questo è il motivo per cui è fondamentale cercare un trattamento adeguato della commozione cerebrale precoce e monitorare i cambiamenti nei sintomi.

Mito # 7 – Le persone anziane sono più suscettibili alle commozioni cerebrali

Fatto – I bambini hanno più probabilità di subire lesioni cerebrali traumatiche rispetto agli adulti ei loro sintomi possono essere più duraturi e più gravi. Il cervello giovane più suscettibile alla commozione cerebrale rispetto al cervello adulto e potrebbe richiedere più tempo per recuperare. I bambini in particolare possono non mostrare sintomi di commozione cerebrale fino a mesi o addirittura anni dopo il trauma iniziale. Ciò rende particolarmente importante monitorare le persone con lesioni alla testa per un lungo periodo di tempo.

Le commozioni cerebrali sono un grosso problema e dovrebbero essere prese sul serio. Se tu o una persona cara avete subito trauma cranico o lesioni che possono aver causato una commozione cerebrale, parlate con il vostro medico. Ottenere un trattamento di concussione in anticipo, prendersi del tempo per guarire ed evitare futuri traumi cranici può ridurre l'impatto della commozione cerebrale e portare a un recupero generale più sano.

Note del Dr. Dunckley: due punti che vorrei aggiungere. Il primo è che dopo il recupero da una commozione cerebrale, un medico non può assolutamente "escludere" che il bambino non abbia ripercussioni sulla lesione. Le lesioni possono causare lievi cambiamenti che non possono essere necessariamente rilevati dai test neuropsicologici, dall'esame fisico o persino da una scintigrafia cerebrale, specialmente se non si dispone di test di riferimento prima della lesione, anche se il test di equilibrio economico sopra menzionato promette di migliorare la precisione. Inoltre, ogni commozione cerebrale rende il cervello più vulnerabile la prossima volta che il bambino viene colpito. Le lesioni traumatiche sono cumulative, quindi diverse lesioni minori possono creare un punto di non ritorno da cui il cervello lotta per riprendersi completamente. A volte i genitori riferiscono: "Il dottore ha detto che sta bene", dopo che il bambino ha già subito 2 o 3 commozioni cerebrali e torna a giocare a calcio. Il bambino potrebbe non mostrare alcun segno evidente ora, ma è sempre più vulnerabile a futuri danni cerebrali ad ogni lesione.

La seconda è che le precauzioni standard a seguito di una commozione cerebrale impongono al bambino di riposare fisicamente e mentalmente, evitare eccessi di stimolazione sensoriale (luci intense, rumori forti, ecc.), Ed evitare di stimolare visivamente il tempo dello schermo come videogiochi, uso del computer, messaggi di testo, ecc . I genitori riferiscono spesso che il dottore ha ordinato "no screen-time", ma nello stesso tempo ammette: "Ci ho provato, ma non potevo tenerlo lontano dal suo telefono / videogioco / iPad".

Questo è il cervello di cui stiamo parlando qui! Porta via i dispositivi e fuori da casa; la maggior parte dei bambini non può resistere se i dispositivi sono in giro, specialmente se improvvisamente hanno avuto molto tempo a disposizione. Gestire il cervello di un bambino con estrema attenzione e tenere il bambino lontano dagli schermi, inclusi gli schermi relativi alla scuola. Il processo di guarigione stesso può causare infiammazione e danni, quindi più tranquillità e riposo il cervello riceve mentre guarisce, meglio è. Uno studio ha mostrato che i bambini con commozioni cerebrali che non prestavano attenzione alle raccomandazioni standard di riposo richiedevano il doppio del tempo per migliorare.

Per ulteriori informazioni su come una pausa prolungata dall'elettronica può riposare, guarire e risincronizzare il sistema nervoso di un bambino, vedere Ripristinare il cervello del bambino.

Riferimenti

Arbogast, Kristy B., Allison E. Curry, Melissa R. Pfeiffer, Mark R. Zonfrillo, Juliet Haarbauer-Krupa, Matthew J. Breiding, Victor G. Coronado e Christina L. Master. "Punto di assistenza sanitaria per giovani con commozione cerebrale all'interno di una vasta rete di assistenza pediatrica". JAMA Pediatrics, 31 maggio 2016.

Brown, Naomi J., Rebekah C. Mannix, Michael J. O'Brien, David Gostine, Michael W. Collins e William P. Meehan. "Effetto del livello di attività cognitiva sulla durata dei sintomi post-concussione". Pediatrics, 6 gennaio 2014.

Campellone MD, JV (27 luglio 2014). "Concussione – Adulti – Scarica". US National Library of Medicine. Enciclopedia medica MedlinePlus. Estratto da https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/patientinstructions/000126.htm

Goble DJ, Manyak KA, Abdenour TE, Rauh MJ, Baweja HA. "Una valutazione iniziale della bilancia BTrackS ™ e del software di bilanciamento dello sport per la diagnosi della concussione." International Journal of Sports Physical Therapy, 2016

Istituto Nazionale dei Disturbi neurologici e ictus (NINDS) (11 febbraio 2016). "Lesione cerebrale traumatica: speranza attraverso la ricerca". Estratto da http://www.ninds.nih.gov/disorders/tbi/detail_tbi.htm

Ropper MD, A e Gorson MD, K (11 gennaio 2007). "Concussione". Il New England Journal of Medicine. Estratto da http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMcp064645

Tator MD, CH (22 luglio 2013). "Commozioni cerebrali e loro conseguenze: diagnosi, gestione e prevenzione attuali". Giornale dell'associazione medica canadese. Estratto da http://www.cmaj.ca/content/185/11/975.full

Solutions Collecting From Web of "7 Miti sulle commozioni cerebrali"