7 ° giorno: Jackie Goldstein su Communities of Care

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Jackie Goldstein

Sono molto interessato all'idea di "comunità di cura" e anche nella loro realtà: in quelle strutture residenziali, avamposti urbani, fattorie di lavoro, e occasionalmente intere città e comunità che trattano gli individui con disagio emotivo e mentale con compassione e dignità. Jackie Goldstein è un'esperta in questo settore, avendo concentrato le sue ricerche sul nonno di queste "comunità di cura", la comunità di Geel in Belgio, e avendo visitato innumerevoli "comunità di cure" in tutti gli Stati Uniti.

EM: Sei molto interessato a approcci alternativi alla cura della salute mentale diversi dal modello dominante di diagnosi e trattamento "one-to-one". Puoi parlarci un po 'di questi approcci alternativi?

JG: Quando ho iniziato a visitare programmi di salute mentale in questo paese, ho cercato in larga misura programmi basati sulla loro reputazione. In ogni caso, la reputazione è stata ben meritata nella misura in cui hanno fornito opportunità per l'integrazione e il sostegno della comunità. Tuttavia, mentre imparavo di più sullo sfondo (la storia) e l'evoluzione di ciascun programma, mi sono reso conto del fatto che ciascuno di loro è stato sviluppato utilizzando le risorse uniche della propria comunità per servire i bisogni di coloro che soffrono di malattie mentali nel contesto di quella comunità. In altre parole, c'erano elementi comuni in questi programmi, ma non c'era un approccio valido per tutti. Inoltre, quando hanno visto cosa stava funzionando nella propria comunità, c'era una certa flessibilità nella continua evoluzione del programma.

EM: Hai avuto un interesse speciale nella città belga di Geel. Qual è l'importanza storica di Geel e cosa possiamo imparare dalla sua storia?

JG: La storia di Geel è iniziata con la "storia" del martirio della giovane principessa irlandese di fronte alle richieste pazze e incestuose di suo padre. La storia del suo martirio si diffuse e alla fine portò alla sua santità come santo patrono dei disordini mentali. E quando la chiesa era il posto dove andare per "cure", Geel attirava centinaia, se non migliaia di pellegrini, molti dei quali diventavano pensionanti nelle case dei membri della comunità (famiglie affidatarie). Per necessità, Geel ha usato le loro "risorse" – una comunità agricola con famiglie disposte a prendere a bordo pensionanti che hanno partecipato al lavoro di famiglia. L'usanza si è evoluta e si è evoluta nel corso dei secoli, sfociando in una moderna comunità senza stigma. Ogni comunità è saggia per accedere e utilizzare le risorse disponibili per soddisfare le esigenze della propria comunità. Geel fornisce la prova che è possibile e desiderabile per coloro che hanno una diagnosi di malattia mentale vivere come membri partecipanti attivi e accettati della loro comunità.

EM: Hai viaggiato in molte "comunità di cura" per osservare cosa succede in loro. Quali sono le tue scoperte principali oi tuoi pensieri di quei viaggi?

JG: I "boarder" di Geel hanno avuto l'opportunità di fare un lavoro significativo. Secondo gli standard odierni, probabilmente ci dovrebbero essere normative per garantire che coloro che hanno una diagnosi di malattia mentale non siano "obbligati" a fare lavoro in cambio di un trattamento. I loro diritti sarebbero protetti, ma nessun lavoro significa lavoro significativo, nessun senso di scopo – nella loro vita o nella comunità – e dobbiamo stare attenti a non "buttare via il bambino con l'acqua del bagno".

Nel 1812, Benjamin Rush, padre fondatore del nostro paese e padre fondatore della psichiatria, scrisse: "È stato osservato che i maniaci del sesso maschile in tutti gli ospedali, che aiutano a tagliare la legna, fare incendi e scavare nel un giardino, e le donne che lavorano nel lavaggio, nella stiratura e nel lavaggio delle pavimentazioni, spesso si riprendono, mentre le persone, il cui rango li esenta dall'eseguire tali servizi, languiscono le loro vite all'interno delle mura dell'ospedale. "

I siti che ho visitato hanno offerto ai clienti l'opportunità di svolgere un lavoro significativo e, attraverso questo lavoro, di diventare membri attivi della vita della comunità. Spesso ci sono limitazioni sul tipo di lavoro che può essere eseguito, ma in alcuni casi, se non sono in grado di soddisfare le richieste di un lavoro a tempo pieno o addirittura part-time, svolgeranno attività di volontariato all'interno della propria comunità.

EM: Esiste una comunità di cure che hai visitato? Cosa ci ha particolarmente interessato?

JG: diverse comunità si distinguono per diversi motivi. Ho visitato due comunità di trattamento residenziale che funzionano come fattorie di lavoro, offrendo ai residenti il ​​tipo di opportunità di lavoro significative descritte sopra, così come l'interazione della comunità, cioè la comunità residenziale in cui vivono. Tuttavia, questi non sono economici e comportano un trattamento a lungo termine – per preparare il residente a un ritorno alla comunità più grande.

In una vena diversa, Broadway Community Housing (BCH) a New York è stata fondata da Ellen Baxter che, dopo essersi laureata, ha ricevuto una borsa di studio a Geel per un anno. Ha portato con successo quello che ha imparato a Geel in un contesto urbano. La prima struttura abitativa comunitaria è stata inaugurata nel 1989 e attualmente ci sono sette comunità di questo tipo. Oltre a una casa, queste comunità forniscono servizi utili e questi servizi sono offerti anche a coloro che vivono nel quartiere, ma a chi non è stato diagnosticato un disturbo mentale – una variazione bella e di successo dell'integrazione della comunità.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

JG: Il punto di partenza deve sempre essere quello di cercare un aiuto e una valutazione professionali. La "malattia mentale" non è una singola "malattia". La diagnosi, e quindi il trattamento, non può essere effettuata attraverso l'uso di un esame del sangue o di una tecnica di imaging. L'attenzione è rivolta ai "sintomi" che possono informare una diagnosi (necessaria per scopi assicurativi). A causa dello stigma della malattia mentale, gli individui e i loro familiari spesso negano, sperimentando l'auto-stigma. Pertanto, anche se si lavora con un professionista della salute mentale, i membri della famiglia possono combattere la loro paura determinata dallo stigma attraverso il tipo di educazione che li introduce – direttamente o attraverso la lettura – ad altri che hanno percorso lo stesso sentiero roccioso.

Ci sono molti buoni libri scritti da quelli che sono stati diagnosticati o da un familiare. I dettagli delle loro storie potrebbero non essere esattamente uguali ai tuoi, ma la paura e la frustrazione iniziali normalmente esistono in tutti i casi. Può anche essere utile scoprire se l'Alleanza Nazionale sulla Malattia Mentale (NAMI) si incontra nella tua comunità. Dal 1979, NAMI "educa, difende, ascolta e guida". Ci sono centinaia di affiliati locali, organizzazioni statali e volontari che lavorano nelle comunità per sensibilizzare e fornire supporto e istruzione.

**

Jackie Goldstein, PhD, ha conseguito il dottorato in neuroscienza comportamentale e si è ritirata nel 2015 dal suo incarico di professore di psicologia alla Samford University, Birmingham, AL. Il suo nuovo libro, Voices of Hope for Mental Illness: Not Against, With, che descrive Geel e altre comunità di cura in tutto il mondo, appare nel 2016.

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health: Decostruire il Paradigma del Disturbo Mentale visita qui.

Per vedere il roster completo di ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

Solutions Collecting From Web of "7 ° giorno: Jackie Goldstein su Communities of Care"