7 ambizioni per una rivoluzione della salute mentale

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

Spero che tu abbia apprezzato il futuro delle serie di interviste sulla salute mentale. Più di 110 interviste sono apparse! Puoi trovare il roster completo con collegamenti in diretta alle interviste qui. Se hai perso alcune interviste, dai un'occhiata al roster: ci sono molte interviste preziose e che aprono gli occhi. In questo post mi piacerebbe fornire alcune considerazioni conclusive, tra cui alcuni suggerimenti per ridurre il disagio mentale. Se desideri rimanere al passo con il futuro del movimento per la salute mentale, visita qui. E ora, per alcuni pensieri conclusivi.

Milioni di persone in tutto il mondo – tra cui professionisti della salute mentale, sopravvissuti psichiatrici, genitori di bambini "diagnosticati", legislatori illuminati, ricercatori accademici e professionisti della salute mentale alternativi – sanno che il nostro attuale paradigma di salute mentale, dominato da un modello pseudo-medico imperfetto e da l'uso indiscriminato degli interventi chimici, dovrebbe essere respinto. Nulla di meno di una rivoluzione è necessaria. Ma come dovrebbe essere questa rivoluzione?

Penso che potremmo sostenere sette ambizioni per una tale rivoluzione. Queste sette ambizioni – comprendere la natura umana, contestare i paradigmi riduzionisti, adottare una mentalità attivista, identificare ciò che effettivamente aiuta a ridurre il disagio umano, spostare la pratica professionale, articolare e promuovere un nuovo paradigma più intellettualmente rigoroso e creare e sostenere nuove alternative di aiuto – possono essere il luogo in cui la buona scienza, i valori umanistici e un sincero desiderio di aiutare a unirsi per il miglioramento della nostra specie.

Nel frattempo, e se la rivoluzione arriverà o no, aiutando i professionisti possono iniziare a spostarsi nella direzione di una migliore pratica. Il primo passaggio è lo spostamento stranamente radicale dal cercare perdite assortite nell'impianto idraulico per riconoscere che la vita è difficile. Questo è lo spostamento primario richiesto per aiutare i professionisti oggi. Ulteriori cambiamenti includono il passaggio da "Ho bisogno di sembrare un esperto" a "Ho bisogno di essere umano"; il passaggio nella direzione di prestare maggiore attenzione al ruolo delle condizioni socioeconomiche e di altre realtà sociali e culturali nella vita dei clienti; e lo spostamento nella direzione di una migliore chiarezza sulla differenza tra una "persona difficile" e una "persona mentalmente disordinata". I professionisti della salute mentale possono fare un lavoro migliore per aiutare i loro clienti semplicemente facendo turni di questo tipo, quelli che, mentre facile da capire e implementare, tuttavia equivale a un cambiamento radicale nel paradigma di aiuto.

E che dire dell'intera attività di "diagnosi"? Ci sono due scuole di pensiero riguardo a ciò che dovrebbe sostituire il DSM e l'ICD e il modello "diagnostico" che promuovono. Una scuola di pensiero ritiene che siano necessari schemi diagnostici alternativi: cioè, nuovi schemi che mantengono la parola "diagnosi" e che consentono ai professionisti di continuare a "diagnosticare qualcosa" e quindi "trattarlo". Una seconda scuola di pensiero è che le alternative alla diagnosi sono ciò che si vuole: cioè, quelle che sono ricercate sono alternative che rifiutano categoricamente l'idea che "diagnosticare" e "trattare" stiano accadendo e affermano che aiutare gli individui in difficoltà non è né un'attività medica né una pseudo -attività medica. Credo in quest'ultimo approccio.

Ho proposto un "modello di formulazione della vita" in linea con questo secondo approccio. Rifiuta le attività di "diagnosi" e "trattamento" e aiuta un professionista a fare un lavoro robusto per caratterizzare ciò che sta accadendo nella vita del suo cliente. Nel modello di formulazione della vita, un professionista descriverebbe la sua relazione con il suo cliente in sette modi: 1) le preoccupazioni espresse dal cliente; 2) le circostanze di nota del cliente; 3) scopi, sogni e obiettivi della vita del cliente; 4) le considerazioni comportamentali ed emotive del cliente; 5) le sfide del cliente come inferite dal fornitore; 6) le preoccupazioni del fornitore; e 7) le raccomandazioni del fornitore. Non ci sarebbe linguaggio DSM o linguaggio pseudo-medico usato in questo modello, nessun nuovo linguaggio diagnostico introdotto, e tutto sarebbe descritto in "inglese semplice".

Tra le virtù di questo modello c'è il fatto che non confonde o confonde le preoccupazioni del cliente con le preoccupazioni del fornitore e non solo evita la parola "diagnosi" e l'idea stessa di "diagnosi" ma evita anche la parola "psicologica" e annuncia che un fornitore di servizi sta aiutando le persone in difficoltà con i loro problemi di vita e non esclusivamente con la loro "psiche". Per saperne di più su questo modello, sulla mia proposta di aiuto per la salute mentale del futuro, lo specialista dell'esperienza umana e altre idee avere per il futuro della fornitura di servizi di salute mentale, si prega di dare un'occhiata a The Future of Mental Health: Deconstructing the Paradigm Disturbo Mentale, disponibile da Transaction Publishers.

E se sei un malato e incontri difficoltà attualmente chiamate cose come depressione clinica, disturbo bipolare, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo d'ansia generalizzato, disturbo da stress post-traumatico, disturbo da deficit di attenzione, schizofrenia e così via? Dove puoi girare? Avrai ricavato da queste interviste che non esiste una risposta semplice e nessuna risposta concordata. Dove ti giri devi necessariamente riferirti a quello che sta succedendo – importa se sei triste perché odi il tuo lavoro, triste perché i tuoi inverni sono troppo lunghi, tristi perché non hai mai voluto bambini e ora ne hai tre, triste perché sei stato piuttosto malinconia fin dalla nascita, triste perché non puoi controllare il tuo bere, e così via – tutto ciò che naturalmente conta, non incidentalmente ma centralmente e profondamente.

Che tu sappia o meno esattamente cosa sta causando il tuo disagio, o quali sono i molteplici fattori che causano il tuo disagio, vuoi comunque ridurre tale angoscia. Cosa dovresti fare? Penso che ci siano diversi sforzi che potresti fare:

+ In primo luogo, proteggiti. Se la tua vita familiare è tossica, se il tuo benessere fisico è minacciato, se stai vivendo sotto assedio, hai un'azione da intraprendere. Non puoi guarire se il trauma è in corso, non puoi crescere e cambiare in un ambiente in cui sei umiliato o diminuito, non puoi alzarti in piedi e vivere quando sei anche in pericolo o nascosto. Quanto bene puoi sentire in un ambiente malato? Trova una via d'uscita, indipendentemente da quanto possa essere difficile il cammino verso la libertà.

+ Secondo, non isolare. Rimuginando sulle tue circostanze, stufando con i tuoi sentimenti e stando da solo e isolato, peggiorerai solo la tua situazione. Potresti avere molte e potenti ragioni per isolare: potresti sentirti imbarazzato, troppo arrabbiato per tendere la mano, dubbioso che qualcuno possa capirti o preoccuparti di te, spaventato dal fatto che perderai il controllo – e anche la tua libertà – se condividi la tua verità con un'altra persona e altro ancora. Tuttavia, isolare non è la risposta.

+ Terzo, parla con qualcuno che è capace e disposto ad ascoltare, qualcuno il cui primo impulso non è quello di aggiustarti, salvarti o trattarti. Se quella persona è un professionista della salute mentale, ciò di cui parli, e anche se la conversazione è incoraggiata, dipenderà molto dal cuore e dalla competenza del singolo professionista. Se ti volti nella direzione di un aiuto professionale, incrocia le dita che atterrerai nell'ufficio di qualcuno che è saggio, competente e solidale.

+ In quarto luogo, respingi l'idea che qualche diagnosi ti servirà o ti definirà. Può consolarti nel sentirti come se avessi "qualcosa" e potrebbe anche dimostrarsi utile accettare un intervento chimico, ma avresti una migliore possibilità di guarigione se accettassi che la vita è una sfida e che hai il lavoro di condurre coraggiosamente e abilmente quelle sfide, piuttosto che credere e agire come se l'impianto idraulico fosse rotto. Potresti essere metaforicamente infranto, ma questo è molto diverso dall'essere rotti in modo organico o medico.

+ In quinto luogo, considera la varietà di risorse a tua disposizione. Anche senza risorse finanziarie, puoi ancora leggere, educare te stesso, partecipare a riunioni di gruppo di supporto gratuite, ricevere sostegno tra pari e partecipare a attività di sostegno tra pari e parlare con qualcuno – un amico, un parente, un pari, un consulente pastorale – chi è disponibile e capace di ascoltare.

+ Sesto, prova a dare la vita un pollice in su. La vita potrebbe non meritare quel pollice – potrebbe esserti fatto del male, averti deluso e persino tormentato – eppure hai ancora una vita da vivere. Puoi vivere quella vita caoticamente, con ansia, disperazione o sconfitta in altro modo o puoi decidere di vivere secondo gli scopi della vita che scegli e con qualche versione di un atteggiamento positivo che scegli anche tu.

Le interviste in questa raccolta ti offrono molte idee in aggiunta a queste sei. Spero che tu abbia trovato queste interviste interessanti e utili. È possibile trovare un elenco completo delle interviste, con collegamenti a ciascuna di esse, in questa pagina: ne sono disponibili più di un centinaio. Se desideri inviarmi i tuoi pensieri o commenti o consigliare a qualcuno di intervistarli in una seconda serie di interviste (puoi anche raccomandarti tu stesso), inviami una mail a ericmaisel@hotmail.com. Grazie per aver letto!

Solutions Collecting From Web of "7 ambizioni per una rivoluzione della salute mentale"