6 motivi per cui restiamo in cattive relazioni

By nd3000/Shutterstock
Fonte: da nd3000 / Shutterstock

Di recente ho scritto dei motivi per cui siamo coinvolti in cattive relazioni, ma una volta che ci rendiamo conto che una relazione è insoddisfacente, perché restiamo? La ricerca psicologica può aiutare a spiegare la nostra tendenza ad avviare e mantenere relazioni con partner che non soddisfano i nostri bisogni. Sebbene le relazioni "cattive" includano relazioni abusive, la ricerca qui di seguito può aiutare a chiarire perché rimaniamo in relazioni di bassa qualità che non sono macchiate da abusi (vedi Copp et al., 2015).

Perché manteniamo cattive relazioni

1. Possiamo essere soddisfatti con relazioni insoddisfacenti

In una recente ricerca che ha esplorato le decisioni delle donne in merito alla possibilità di rimanere o di abbandonare le loro relazioni, la principale determinante delle decisioni delle donne di rimanere nei loro rapporti è stata la soddisfazione delle relazioni (Edwards et al., 2011). Come possiamo essere soddisfatti di relazioni insoddisfacenti? Come abbiamo discusso nel post esplorando perché iniziamo relazioni sbagliate, alcuni individui, specialmente quelli con bassa autostima o quelli che si percepiscono meno attraenti, hanno bassi "livelli di confronto" (Thibaut e Kelley, 1986; Luciano and Orth, 2017; Montoya, 2008). Il tuo livello di confronto può essere considerato come il tuo "standard" o quello che ti aspetti di ricevere da una relazione. Gli individui con bassi livelli di confronto non si aspettano molti benefici dalle loro relazioni, ma si aspettano molte difficoltà. Se hai un basso livello di confronto, puoi mantenere un cattivo rapporto perché le tue aspettative sono soddisfatte. Gli individui con bassa autostima hanno maggiori probabilità di essere coinvolti in relazioni che hanno una durata più breve, e sperimentano ulteriori cali di autostima al termine delle loro relazioni (Luciano e Orth, 2017). Allo stesso modo, le donne che hanno subito abusi come bambini segnalano più soddisfazione con relazioni di bassa qualità (Edwards et al., 2011).

2. Uno spostamento delle priorità

I meccanismi comuni che aiutano a mantenere le nostre relazioni sono "miglioramento dei partner" e "illusioni positive". Entrambi i termini si riferiscono al fatto che tendiamo a vedere i nostri partner romantici positivamente, a volte in modo non realistico (Morry et al., 2010; Conley et al ., 2009). Sia nelle coppie gay e lesbiche che in quelle eterosessuali, coloro che vedono i loro partner in modo più positivo riportano anche più soddisfazione nella relazione (Conley et al., 2009). Come possiamo vedere positivamente i nostri partner quando siamo in relazioni indesiderabili? La ricerca dimostra che valutiamo le caratteristiche positive che i nostri partner mostrano più di altre caratteristiche (Fletcher et al., 2000). Ad esempio, se il tuo partner è generoso ma non pensieroso, potresti giungere ad apprezzare la generosità più che la pensosità nel corso della tua relazione. Quando i nostri partner rivelano caratteristiche negative, possiamo ridimensionare l'importanza di queste caratteristiche e migliorare l'importanza dei tratti positivi che i nostri compagni possiedono (Fletcher et al., 2000).

3. Alternative di bassa qualità

Se si è in una relazione indesiderabile, si potrebbero prendere in considerazione alternative a tale relazione, incluso essere soli o entrare in una relazione diversa (Thibaut e Kelley, 1986). Se si percepisce che un'alternativa potrebbe essere preferibile alla situazione attuale, è più probabile che si lasci la relazione, ma se si percepiscono alternative di qualità inferiore, è più probabile che si rimanga, anche in una relazione insoddisfacente. Ricerche recenti dimostrano che percepire scarse alternative alla relazione aumenta la probabilità di stare con un partner indesiderabile e che le donne con bassa autostima percepiscono meno alternative desiderabili alle loro attuali relazioni (Edwards et al., 2011). Inoltre, il divorzio è più comune nelle nazioni in cui le donne ottengono più indipendenza economica e in cui la percentuale di uomini rispetto alle donne è più alta, suggerendo che le donne hanno maggiori probabilità di divorziare se hanno i mezzi economici per vivere in modo indipendente, e se sono un'abbondanza di altri possibili partner (Barber, 2003).

4. Manipolazione

Se il tuo partner è consapevole del fatto che vuoi lasciare la relazione, lui o lei potrebbe usare diversi metodi di manipolazione per costringerti a rimanere. La manipolazione emotiva, come sminuire, svilire o persino minacce di violenza contro futuri partner alternativi, può essere usata per mantenere il rapporto attuale (Buss e Shackelford, 1997; Cousins ​​e Fugère, in stampa). Gli uomini con minore autostima, così come gli uomini che sono meno attraenti fisicamente dei loro partner, possono essere più propensi a usare la manipolazione per impedire ai loro partner di lasciare le loro relazioni (Buss e Shackelford, 1997; Holden et al., 2014). Il disagio associato all'abuso emotivo o alle implicazioni fisiche della violenza del partner intimo sono forti deterrenti per coloro che cercano di lasciare una relazione. Edwards et al. (2011) suggeriscono che le donne che sono psicologicamente in difficoltà potrebbero non sentirsi in grado di lasciare i loro partner.

5. Investimento

Altri importanti ostacoli a lasciare una cattiva relazione includono i nostri investimenti condivisi con i nostri partner (Adams, 1965). Come Copp et al. (2015), investendo molto tempo in una relazione o condividendo investimenti, come una casa o figli, rende le coppie più propense a stare insieme. Secondo Rego et al. (2016), quando abbiamo già investito molto tempo, sforzi o risorse in una relazione, molti di noi continuano questo investimento anche quando potrebbe non essere il migliore per noi; siamo inclinati a continuare relazioni infelici una volta che abbiamo investito in loro. Questi autori spiegano anche che quando prendiamo decisioni relazionali, spesso ci affidiamo alle emozioni piuttosto che alla deliberazione razionale. Il che ci porta all'ultima ragione per cui spesso restiamo in cattive relazioni …

6. Amore

Gli psicologi distinguono tra tre diversi componenti degli atteggiamenti: la componente o i pensieri cognitivi, la componente o le sensazioni affettive e la componente o le azioni comportamentali (Kassin et al., 2011). Spesso questi componenti non sono allineati l'uno con l'altro. Per esempio, nel caso di una cattiva relazione, i tuoi pensieri potrebbero essere negativi, dicendoti che il tuo partner non è buono per te, ma i tuoi sentimenti potrebbero essere comunque positivi. Possiamo continuare ad amare i nostri partner, anche se riconosciamo consapevolmente che siamo coinvolti in cattive relazioni. È anche possibile che forti sentimenti positivi e negativi verso un partner possano coesistere (Zayas e Shoda, 2015).

Cosa puoi fare per aiutare

Se hai una cattiva relazione, può aiutare a fare affidamento sui tuoi amici e familiari per il supporto sociale. Se sei un amico o un familiare di qualcuno coinvolto in una cattiva relazione, le tue opinioni possono aiutare a convincerlo a porre fine alla sua sofferenza. Le opinioni negative espresse da amici e familiari sono associate a una maggiore probabilità di porre fine a una cattiva relazione (Copp et al., 2015), e le nostre relazioni saranno probabilmente più felici e di maggior successo quando i nostri amici e familiari sostengono le nostre relazioni (Sinclair et al., 2014).

Porzioni di questo post sono state tratte da The Social Psychology of Attraction e Romantic Relationships disponibili su Amazon . Copyright 2015 Madeleine A. Fugère.

  • Si prega di vedere i miei altri post qui.
  • Seguimi su Twitter @SocPscAttrRel e non perdere mai un post!

Riferimenti

Adams, JS (1965). Ingiustizia nello scambio sociale. Progressi in Psicologia sociale sperimentale, 2, 267-299.

Barber, N. (2003). Divorzio e ridotta interdipendenza economica ed emotiva: uno studio transnazionale. Journal of Divorce and Remarriage, 39 (3-4), 113-124. doi: 10,1300 / J087v39n03_06

Buss, DM, & Shackelford, TK (1997). Dalla vigilanza alla violenza: tattiche di fidelizzazione dei compagni nelle coppie sposate. Journal of Personality and Social Psychology, 72 (2), 346-361.

Conley, TD, Roesch, SC, Peplau, L., & Gold, MS (2009). Un test di illusioni positive contro modelli di realtà condivisa di soddisfazione relazionale tra coppie gay, lesbiche ed eterosessuali. Journal of Applied Social Psychology, 39 (6), 1417-1431. doi: 10.1111 / j.1559-1816.2009.00488.x

Copp, JE, Giordano, PC, Longmore, MA, & Manning, WD (2015). Prendi o lascia il processo decisionale nei rapporti di fidanzamento nonviolento e violento. Violenza e vittime, 30 (4), 581-599.

Cousins, AJ & Fugère, MA (in corso di stampa). Manipolazione. In TK Shackelford e VA Weekes-Shackelford (Eds.), Enciclopedia delle scienze psicologiche evoluzionistiche. New York: Springer.

Edwards, KM, Gidycz, CA e Murphy, MJ (2011). Le decisioni di permanenza / abbandono delle donne universitarie in relazioni di fidanzamento abusive: un'analisi prospettica di un modello di investimento ampliato. Journal of Interpersonal Violence, 26 (7), 1446-1462.

Fletcher, GO, Simpson, JA e Thomas, G. (2000). Ideali, percezioni e valutazioni nello sviluppo della relazione iniziale. Journal of Personality and Social Psychology, 79 (6), 933-940. doi: 10,1037 / 0022-3514.79.6.933

Holden, CJ, Shackelford, TK, Zeigler-Hill, V., Minatore, EJ, Kaighobadi, F., Starratt, VG, e Jeffrey, AJ, Buss, DM (2014). La stima del marito prevede le sue tattiche di fidelizzazione. Psicologia evolutiva, 12 (3), 655-672. doi: 10,1177 / 147.470.491.401,200311 millions

Kassin, SM, Fein, S., e Markus, HR (2011). Psicologia sociale (8 ° ed.). Belmont, CA: Wadsworth, Cengage Learning.

Luciano, EC, & Orth, U. (2017). Transizioni nelle relazioni romantiche e sviluppo dell'autostima. Journal of Personality and Social Psychology, 112 (2), 307-328. doi: 10,1037 / pspp0000109

Montoya, R. (2008). Sono caldo, quindi direi che non lo sei: l'influenza dell'attrattiva fisica oggettiva sulla selezione del compagno. Bollettino di personalità e psicologia sociale, 34 (10), 1315-1331. doi: 10,1177 / 0146167208320387

Morry, MM, Reich, T., & Kito, M. (2010). Come ti vedo rispetto a me stesso? La qualità della relazione come predittore dell'aumento di sé e dei partner nelle amicizie tra persone, relazioni di incontri e matrimoni. The Journal of Social Psychology, 150 (4), 369-392. doi: 10,1080 / 00224540903365471

Rego, S., Arantes, J., & Magalhães, P. (2016). C'è un effetto costo affondato nei rapporti commessi? Psicologia corrente, 1-12.

Sinclair, HC, Hood, KB, & Wright, BL (2014). Rivisitazione dell'effetto Romeo e Giulietta (Driscoll, Davis, & Lipetz, 1972): Riscrivere i legami tra le opinioni dei social network e gli esiti della relazione romantica. Psicologia sociale, 45 (3), 170-178. doi: 10,1027 / 1864-9335 / a000181

Thibaut, JW, & Kelley, HH (1986). La psicologia sociale dei gruppi. Piscataway, NJ, Stati Uniti: Transaction Publishers.

Zayas, V., & Shoda, Y. (2015). Ti amo? Ti odio? Forse è entrambi: prova che gli altri significativi innescano l'innesco bivalente. Scienze sociali psicologiche e di personalità, 6 (1), 56-64. doi: 10,1177 / 1948550614541297

Solutions Collecting From Web of "6 motivi per cui restiamo in cattive relazioni"