6 motivi per cui la depressione maggiore è così dolorosa

La ricerca rivela perché feriamo emotivamente.

Zivica Kerkez/Shutterstock

Fonte: Zivica Kerkez / Shutterstock

Chiunque abbia avuto un episodio di disturbo depressivo maggiore ti dirà che la depressione è dolorosa. Ho visto il dolore in innumerevoli persone che si sono sedute di fronte a me nel mio ufficio di terapia; è evidente nelle loro espressioni facciali, nelle loro voci, nel loro linguaggio del corpo. Il dolore può essere preoccupante, proprio come il dolore fisico, rendendo difficile concentrarsi su qualsiasi altra cosa.

Quando diciamo che stiamo “ferendo emotivamente”, intendiamo questo in senso più che metaforico: la depressione profonda è dolorosa. Forse la migliore prova che la depressione sia dolorosa è anche la più tragica: un numero incredibile di persone trova il dolore così intollerabile che sceglie di porre fine alla propria vita per porre fine alla sofferenza.

Sono stati fatti molti studi per cercare di capire la connessione tra depressione e dolore. I seguenti fattori sono emersi come possibili spiegazioni sul perché la depressione fa male.

1. Aree cerebrali comuni.

Diversi studi hanno dimostrato che il dolore psicologico e il dolore fisico attivano alcune delle stesse regioni cerebrali. Le aree che sono spesso associate a entrambi i tipi di dolore includono l’insula (che facilita la consapevolezza dei nostri stati interni), le regioni della corteccia frontale, compresa la corteccia cingolata anteriore e il talamo (la stazione di ritrazione del cervello). La differenza più importante nel cervello tra dolore fisico e psicologico sembra essere che il dolore fisico attiva regioni cerebrali somatosensoriali, che sono coinvolte nel nostro senso del tatto. Pertanto, il cervello sembra interpretare il disagio psicologico in modi simili a disagio fisico senza un’area specifica del corpo da cui proviene il dolore.

2. Neurotrasmettitori comuni.

Oltre alle aree comuni del cervello, il dolore fisico ed emotivo sembra coinvolgere neurotrasmettitori simili, tra cui serotonina, GABA, glutammato e noradrenalina. In realtà, i farmaci che possono alleviare i sintomi della depressione, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), sono anche prescritti per alcune condizioni di dolore. Ci sono prove che un neurotrasmettitore chiamato “Sostanza P”, che è strettamente legato alla nostra capacità di rilevare minacce e provare dolore fisico, è coinvolto anche nella depressione. Inoltre, i livelli di sostanza P tra gli individui depressi sono correlati con alcune differenze strutturali relative alla depressione nel cervello.

3. Infiammazione.

Le citochine infiammatorie sono sostanze chimiche nel corpo che promuovono la risposta infiammatoria. L’infiammazione è strettamente connessa al dolore fisico (spiegando perché i farmaci antinfiammatori come l’ibuprofene alleviano il dolore) e le citochine infiammatorie sono anche elevate in alcuni individui con depressione. Ulteriori ricerche hanno dimostrato che lo stress cronico innesca il rilascio cronico di citochine infiammatorie, che a sua volta porta alla neuroinfiammazione (infiammazione nel cervello) e alla successiva depressione.

4. Maggiore sensibilità al dolore.

Quando siamo depressi, tendiamo ad essere più sensibili al dolore – il termine clinico è iperalgesia . Il fattore comune nella depressione e nella sensibilità al dolore può essere lo stress cronico; gli stressanti acuti spesso portano a una diminuita sensibilità al dolore (come quando un soldato nota a malapena una ferita grave nel calore della battaglia), mentre lo stress prolungato tende a sensibilizzarci al dolore. Questa iperalgesia nella depressione può farci notare anche dolori minori che altrimenti ignoreremmo.

5. Tutto è difficile.

Può essere una lotta solo prendersi cura delle basi quando siamo veramente depressi – mangiare, fare il bagno, vestirsi. Prendersi cura delle nostre responsabilità quotidiane, come andare al lavoro e prendersi cura dei nostri bambini, può richiedere un’enorme quantità di energia, specialmente quando la depressione ci sta dicendo di gettare la spugna. L’intenso sforzo che ci vuole per andare avanti rende tutto come una dolorosa battaglia in salita.

6. Ottenere la nostra attenzione.

Il dolore fisico è difficile da ignorare, e per una buona ragione – ci avverte che qualcosa non va, quindi possiamo agire per risolverlo (come tirare una scheggia dal nostro piede). Il dolore psicologico può svolgere una funzione simile, facendoci sapere che non tutto va bene e che ci obbliga a fare qualcosa al riguardo. Nella mia esperienza, questo dolore è spesso ciò che ci spinge alla psicoterapia, motivandoci a fare cambiamenti che aumenteranno il nostro umore e alleviare la nostra sofferenza.

Nella maggior parte dei casi, fortunatamente, ci sono buone ragioni per sperare, nonostante la disperazione che spesso la depressione comporta. La maggior parte delle persone ottiene un grande sollievo dal trattamento, sia sotto forma di psicoterapia che di farmaci. Se tu o qualcuno che ami è chiaramente un dolore emotivo, prendi in considerazione uno dei seguenti passaggi:

  • Parla con una persona amata di come ti senti, e trova insieme un piano per trovare sollievo.
  • Pianifica un appuntamento con il tuo medico di base per discutere del tuo umore.
  • Cerca negli psicoterapeuti della tua zona specializzati nel trattamento della depressione. È possibile utilizzare la funzione di ricerca Trova una terapeuta di Psychology Today .
  • Guarda in trattamenti autoguidati per la depressione. Ho scritto una cartella di lavoro per il trattamento della depressione e dell’ansia, e ho anche avuto l’emozione di vedere un nuovo libro che offre molte tecniche basate sull’evidenza per la gestione della depressione. Puoi verificarlo qui: la cartella di lavoro in sollievo dalla depressione in 10 passaggi.   (Full disclosure: proviene dallo stesso editore della mia cartella di lavoro, e il primo autore è un mio conoscente professionista).
  • Leggi di più sulla depressione da fonti affidabili per determinare se sei attualmente depresso. Potresti iniziare con il National Institute of Mental Health .

Attraverso il giusto trattamento, è possibile trovare di nuovo gioia e serenità.

Riferimenti

Goesling, J., Clauw, DJ, e Hassett, AL (2013). Dolore e depressione: una revisione integrativa dei fattori neurobiologici e psicologici. Rapporti di psichiatria attuali, 15 , 421-428.

Imbe, H., Iwai-Liao, Y., & Senba, E. (2006). Iperalgesia indotta da stress: modelli animali e meccanismi putativi. Frontiers in Bioscience, 11 , 2179-2192.

Kim, YK, Na, KS, Myint, AM e Leonard, BE (2016). Il ruolo delle citochine pro-infiammatorie nella neuroinfiammazione, nella neurogenesi e nel sistema neuroendocrino nella depressione maggiore. Progressi in Neuro-Psychopharmacology e Biological Psychiatry, 64 , 277-284.

Meerwijk, EL, Ford, JM e Weiss, SJ (2013). Regioni cerebrali associate a dolore psicologico: implicazioni per una rete neurale e la sua relazione con il dolore fisico. Brain Imaging and Behavior, 7 , 1-14.

Schwarz, MJ, & Ackenheil, M. (2002). Il ruolo della sostanza P nella depressione: implicazioni terapeutiche. Dialoghi in Neuroscienze cliniche, 4 , 21-29.

Sommer, C., & Kress, M. (2004). Recenti scoperte su come le citochine proinfiammatorie causano dolore: meccanismi periferici nell’iperalgesia infiammatoria e neuropatica. Lettere di neuroscienza, 361 , 184-187.

Ha vinto, E., Kang, J., Choi, S., Kim, A., Han, KM, Yoon, HK, … e Kim, Y. K. (2017). L’associazione tra sostanza P e integrità della materia bianca in pazienti naive ai farmaci con disturbo depressivo maggiore. Rapporti scientifici, 7 , 9707.

  • Affrontare la malattia cronica e il dolore? Il suggerimento n. 1 che ho trovato
  • Fare stress tuo amico - è tutto nella tua mentalità
  • Non dirmi di smettere di allenarti!
  • La maggior parte dei bevitori problematici imparano a cambiare il loro bere
  • Dipendenza e salvataggio
  • Terapia artistica, bambini e violenza interpersonale
  • Love & Lies on The Bachelor
  • L'intera verità del dott. Mayim Bialik
  • Cosa succede realmente in una sessione di terapia
  • Psychologist Group solleva preoccupazioni circa la decisione sull'etica dell'APA
  • Lo stress sta uccidendo il tuo rapporto? Perché non sei solo.
  • Perché gli adolescenti hanno smesso di inviare email? E dovremmo tutti noi?
  • Fare qualcosa di diverso per l'ansia e la depressione
  • Una prospettiva clinica sul panico e PTSD in Iron Man 3
  • La salute mentale e lo sversamento: smettiamo di discriminare
  • Ricaduta della relazione durante le vacanze
  • Amore e debito
  • Il mio adolescente è un naufragio nervoso
  • 5 modi in cui le nostre relazioni influenzano la nostra salute
  • Gatti neri, specchi rotti e disturbi alimentari
  • 25 citazioni divertenti e utili sulla mente umana
  • Addio perfezionismo: sono fatto con l'ansia che porti
  • Mummificazione sessuale
  • È più sicuro andare a una partita a baseball?
  • Questo San Valentino, il regalo perfetto potrebbe essere il tempo
  • Impaziente? Perché e come praticare la pazienza
  • Andando avanti dopo l'elezione
  • L'evoluzione della fede
  • Cosa succede quando siamo troppo autoprotettivi?
  • Gli Early Bird Specials sono la chiave per dimagrire?
  • Dieci o dodici motivi per cui le persone ingrassano
  • 5 modi per smettere di dare alle persone negative troppa energia
  • Da genitori reattivi a genitori riflessivi
  • Rimanendo Mentalmente in forma
  • 5 aggettivi che indicano un problema di droga
  • L'abitudine sorprendente che ti fa iniziare sul piede giusto