6 cose che odio nei film

Spesso trovo film che trasportano e avvincono e ho passato una quantità non salutare della mia vita a guardarli. Forse il mio godimento di film, in cui non c'è nulla che tu possa fare riguardo alla situazione del protagonista, mi ha aiutato a superare le difficoltà dei pazienti. Sicuramente penso che i film abbiano portato a casa l'importanza della cornice nella terapia. I visitatori del teatro hanno bisogno, se vogliono essere assorbiti, che le luci della casa scendono, che possono contare sui film che iniziano e finiscono quando gli viene detto che lo faranno, che i suoni distrattori dei vicini e di altri teatri saranno ridotti al minimo, e così via. Eppure, nel corso degli anni ho notato alcune cose sui film di Hollywood che mi infastidiscono.

1. Lancio. Nel 1978, Jill Clayburgh ci mostrò quanto fosse dispiaciuta per suo marito che chiedeva il divorzio vomitando sullo schermo. Da allora, quasi tutti i film hanno una scena di vomito. (Mia moglie ed io ci sbattiamo l'un l'altro quando qualcuno lancia sullo schermo, e lo facciamo così spesso che il super-fiving ha perso il suo significato originale per noi.) Il vomito è diventato banale, ma la ragione per cui odio è il disprezzo di Hollywood per le espressioni emotive quotidiane. Qualcuno ha ritratto situazioni di status complicate più abilmente di Robert DeNiro in "The Intern"? Eppure è ancora costretto a sporgersi su Anne Hathaway mentre getta su una strada cittadina. Ci ha già mostrato che è più saggio e più padrone del suo capo, ma è come se Hollywood non credesse che qualcuno fosse impulsivo, immaturo, turbato o disgustato a meno che non vomitasse.

2. Scene di sesso. Non fraintendermi; Mi piace guardare le persone belle e nude come fa il prossimo, e non ho scrupoli morali riguardo alle scene di sesso. Ammetto che di tanto in tanto ho problemi politici mentre guardo un film che cerca di mascherare un punto di vista pornografico; se hanno intenzione di vendere la possibilità di vedere Nicole Kidman o Channing Tatum svestiti, vorrei che lo pubblicizzassero come tali. Ma quello che mi infastidisce delle scene di sesso è, come nelle scene di vomito, l'insistenza di Hollywood sul fatto che devi vedere come sono le persone mentre fanno sesso per capire i loro personaggi. Il messaggio è che il resto della vita che si svolge tra fare sesso e vomitare è noioso, quella che potrebbe essere definita una visione della condizione umana indotta dalla cocaina. Il peggiore esempio di questo tentativo di scartare la possibilità di assaporare l'ordinario era alla fine di "Titanic", quando il personaggio principale vuole tornare alla sua breve relazione sulla barca piuttosto che alla sua relazione ricca e soddisfacente con suo marito. Come un grande regista disposto a scherzare per essere troppo divertente (così divertente che il pubblico non può tornare alla storia), il taglio di scene di sesso di solito migliorerebbe un buon film in generale. Soprattutto in questi giorni, con la pornografia così disponibile (non solo sul web ma anche guardando le pubblicità sul modo di lavorare), gli spettatori non hanno bisogno di farlo di nascosto.

3. Relazioni sessualizzate. Una cosa che ho amato di "The Intern" è stata la mancanza di tensione sessuale tra i personaggi principali. Ciò si accompagna alla mia esperienza personale di lavorare a stretto contatto con le giovani donne. Di solito, però, Hollywood presenta tutte le relazioni tra uomini e giovani come sessualmente motivate. Il senso pervasivo che la sessualizzazione extraconiugale delle relazioni è normale è emerso anche in "The Intern", tuttavia, quando uno dei personaggi ha una relazione. Proprio come Hollywood non sembra rappresentare un'emozione forte senza vomito o intimità senza sesso, Hollywood non sembra immaginare una coppia che abbia un conflitto oltre che l'inganno.

4. Le donne vengono salvate dagli uomini. La visione essenzialmente pornografica delle donne di Hollywood è particolarmente fastidiosa quando pervade film che hanno lo scopo di ritrarre le donne incallite. Questo accade quando sono vestiti come fantasie maschili adolescenti; i fumetti hanno lo stesso problema. Ma ciò che mi irrita veramente è quando la donna grassa deve essere salvata da un uomo. Il mio esempio preferito è "Shining Through", il film della Seconda Guerra Mondiale del 1992 in cui l'eroica Melanie Griffith si offre volontaria per combattere dietro le linee nemiche. Al culmine, tuttavia, è incosciente e portata in salvo da Michael Douglas. Un esempio più recente è stato il tanto celebrato ritratto di Charlize Theron in "Mad Max"; il suo personaggio finisce anche in stato di incoscienza, ricevendo una trasfusione dal vero asino del film, un uomo.

5. Diagrammi che dipendono dal cadere o dal non parlare. Una grande quantità del lavoro di terapia che ho svolto implica convincere la gente a dire cose a se stessi o agli altri su quello che sta succedendo. Nella terapia, sono in genere trattenuti da una falsa idea di chi sono o di chi dovrebbero essere, che il materiale non dichiarato contraddice. Nei film, le trame guidate da persone che non parlano tra loro mi irritano, ma non perché sono logorato dalle difficoltà delle persone a condividere le informazioni. Invece, quello che odio (quello che mi fa sentire vomitare se vuoi) è che Hollywood pensa che la psicopatologia sia interessante e che la vita normale sia noiosa. Non è sufficiente che il detective sia intelligente e ostinato, deve anche avere Tourette, o schizofrenia, o disturbo ossessivo-compulsivo. Amleto è piuttosto ossessivo, ma ciò che lo ostacola non è la sua patologia autoimposta, è la situazione in cui si trova. Preferisco i film che mostrano persone intelligenti e funzionali, persone normali, che gestiscono situazioni difficili. La rappresentazione di Hollywood di persone che hanno problemi a condividere le informazioni è, per me, un altro modo per dire che la salute è noiosa. Una trama in cui i personaggi non riescono a dire certe cose è, per me, come una trama che dipende da qualcuno che cade mentre viene inseguito.

6. Uso dei nomi nella conversazione. Nella vita reale, solo i venditori usano regolarmente i nomi di altre persone nel discorso, ed è inquietante. Nei film, le persone utilizzano costantemente i rispettivi nomi quando li affrontano. "Nei film, John, le persone usano costantemente i nomi l'uno dell'altro. Non è vero, John? "Forse questo è un trucco registico per ricordare al pubblico quali sono i nomi dei personaggi, o forse è il lavoro di scrittori pigri che non vogliono aggiungere le indicazioni di scena per dire agli attori chi sono parlando a. Non ho alcun punto più grande da fare su questo; è solo unengrossing quando inizi a notarlo.

Solutions Collecting From Web of "6 cose che odio nei film"