6 cose che non sapevi su come funziona il tuo cervello

Grisha Bruev/Shutterstock
Fonte: Grisha Bruev / Shutterstock

"Penso di sì," disse Cartesio. Mentre scrivevo il mio libro, Smetti , ho analizzato come le persone pensano, elaborano e prendono decisioni. Mentre mi immaginavo una persona riflessiva, attenta ai dettagli e completa, la mia ricerca ha rivelato i punti ciechi che condividiamo quando elaboriamo i dettagli per fare scelte intelligenti.

Se stai per apportare un cambiamento o una decisione, la qualità della scelta dipende dalla tua capacità di pensare attraverso le opzioni. Ma i tuoi processi mentali sono affidabili? La scienza dice no. Il grado in cui il nostro modo di pensare è inconscio, automatico, influenzato da segnali esterni, e di parte può essere uno shock per te, come certamente ha fatto per me.

Di seguito ci sono 6 miti che ho creduto nel pensare, e la vera storia:

1. Baso le mie decisioni sui fatti.

Potremmo non riflettere le nostre decisioni tanto quanto pensiamo. Secondo i vincitori del premio Nobel Daniel Kahneman e Amos Twersky, ci affidiamo alla "euristica disponibilità" più spesso quando facciamo una scelta o una decisione. Questa scorciatoia mentale – mettendo in evidenza i "fatti" più recenti e mentalmente disponibili – dà al nostro cervello una pausa quando prende una decisione. Il rapido ragionamento "connettere i punti" era prezioso nella storia evolutiva umana quando pericoli e pericoli richiedevano una risposta rapida. Nel mondo iperconnesso di oggi, siamo più sensibili ai fatti "disponibili" quando appaiono.

2. Ponderare i pro e i contro con attenzione quando si considerano le opzioni.

Non proprio. Sebbene ci consideriamo aperti a nuove opportunità e rischi, più spesso diamo la priorità a quanto tempo, energia e denaro abbiamo già investito in un determinato percorso. La "fallacia del costo irrecuperabile" ci spinge a rimanere in relazioni insoddisfacenti, in posti di lavoro e in qualsiasi altra cosa oltre la data di scadenza.

3. Penso più logicamente rispetto alle altre persone

Probabilmente no. Studi ripetuti mostrano che gli americani pensano di essere "sopra la media" in quasi tutti i settori. Un famoso studio condotto negli anni '70 dal College Board ha mostrato che il 70% degli intervistati pensava di possedere capacità di leadership superiori alla media. Quando è stato chiesto loro di valutare la propria capacità di andare d'accordo con gli altri, il 60% si posiziona tra i primi 10% e il 25% si classifica come primo percentile. (Quindi, da dove vengono tutte le persone difficili?)

Un articolo di David Dunning, Chip Heath e Jerry M. Suls suggerisce che quasi tutto ciò che pensiamo di noi stessi è colorato da un pregiudizio o da un altro. Ciò include la nostra capacità di prevedere quanto saremo generosi, quanto rapidamente completeremo un compito e come agiremo o reagiremo in una situazione futura.

4. Sono un pensatore obiettivo.

Forse no. Mentre possiamo notare i pregiudizi di altre persone, i ricercatori Emily Pronin, Daniel Lin e Lee Ross hanno scoperto che la maggior parte delle persone ha un "punto debole" per se stessi. Quando si tratta di autovalutazione, David Dunning ei suoi colleghi riferiscono che, "in generale, le opinioni di sé delle persone hanno solo una relazione tenue con il loro comportamento e le loro prestazioni effettive".

5. Sono bravo ad anticipare le mie reazioni.

Secondo Timothy Wilson e Daniel Gilbert, quando immaginiamo uno scenario futuro, lo semplifichiamo. Più complessa risulta una situazione futura, quindi, tanto più improbabile che la tua previsione su come reagirai sarà accurata.

Julia Woodzicka e Marianne La France hanno condotto un esperimento in cui hanno chiesto a quasi 200 donne come reagirebbero se un maschio anziano chiedesse loro domande inappropriate durante un colloquio di lavoro, come se avessero un fidanzato, se gli uomini le trovassero desiderabili o se pensavano che le donne dovessero indossare reggiseni per lavorare – e il 62% delle donne immaginava che sarebbero stati proattivi, dicendo in qualche modo al ragazzo in tilt, mentre il 28% ha detto che si sarebbe semplicemente liberato e abbandonato; Il 65% ha dichiarato che si rifiuterebbe di rispondere ad almeno una domanda.

Poi i ricercatori hanno fatto fare ai partecipanti quello che credevano fosse un vero colloquio per una posizione di assistente di laboratorio. Alla metà delle donne è stata posta la domanda molesta da parte dell'intervistatore di sesso maschile; al gruppo di controllo sono state poste domande strane e casuali che non erano moleste. Più della metà delle donne ha ignorato le molestie. E mentre il 36% ha chiesto il motivo per cui sono state poste queste domande, quattro su sei di questi partecipanti hanno chiesto solo alla fine dell'intervista. E nessuno uscì.

6. Presto molta attenzione ai dettagli.

Il tuo cervello è bombardato da così tanti stimoli che deve usare scorciatoie per poter formare un'immagine, riempiendo gli spazi vuoti in modo da ottenere coerenza. Nel loro articolo, "Gorilla in Our Midst", Daniel Simons e Christopher Chabris mostrano quanto siano limitati i nostri poteri di percezione quando ci stiamo concentrando. Gli sperimentatori hanno chiesto ai partecipanti di guardare un video di una partita di basket per contare il numero di passaggi o rimbalzi tra i giocatori; secondi nel video, qualcuno vestito con un costume da gorilla camminava nel mezzo dei giocatori. Più della metà delle persone ha mancato il gorilla.

L'esperimento ha esposto ciò che viene chiamato "cecità disattenzione", che si riferisce alla nostra incapacità di notare o registrare l'alterazione di un dettaglio importante. Gli studi hanno dimostrato che le persone non riescono a notare che le teste su una fotografia di due persone sono state cambiate; analogamente, un esperimento condotto da Daniel Simons ha rivelato che il cambiamento della cecità si è effettivamente verificato in situazioni di vita reale. Uno sperimentatore ha posato come qualcuno perso in un campus universitario, mappa in mano; ha sollecitato il consiglio dei passanti. Ma, mentre lo sperimentatore e il pedone stavano parlando, due uomini che portavano una porta passarono tra loro, bloccando lo sperimentatore alla vista per qualche istante. Un altro sperimentatore ha preso il posto del primo sperimentatore, tenendo anche una mappa. Ancora una volta, solo la metà dei pedoni ha notato l'interruttore.

VISIT ME ON, http: //www.Facebook.com/PegStreepAutore e LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Padroneggiare l'arte di smettere: perché è importante nella vita, nell'amore e nel lavoro

RIFERIMENTI

Kahneman, Daniel. Pensare, veloce e lento. New York: Farrar, Straus & Giroux, 2011

http://www.geog.ucsb.edu/events/department-news/1195/forget-sharks-cows-are-more-likely-to-kill-you/

Dunning, David, Chip Heath e Jerry M. Suls, "Autovalutazione difettosa: implicazioni per la salute, l'istruzione e il luogo di lavoro", Scienza psicologica nell'interesse pubblico Dicembre 2004 vol. 5 n. 3 69-106.

Pronin, Emily, Daniel Y. Yin e Lee Ross, "The Bias Blind Spot: Percezioni di preconcetto nel Sé rispetto ad altri" , Bollettino di Psicologia della Personalità e Sociale, 28, n. 3 (marzo 2002): 369-381

Wilson, Timothy e Daniel Gilbert, "Previsione affettiva", Advances in Experimental Social Psychology , 35 (2003): 346-411.

Woodzicka, Julia e Marianne La France, "Molestie sessuali reali contro l'immaginazione", Journal of Social Issues , 57, n. 1 (2001): 15-39.

Simons, Daniel J. e Christopher F. Chabris, "Gorilla in mezzo a noi: sostenuta cecità disattenta per eventi dinamici", Perception , vol. 28 (1999), 1059-1074.

Copyright © 2014 Peg Streep

Solutions Collecting From Web of "6 cose che non sapevi su come funziona il tuo cervello"