6 consigli su come diventare uno studente laureato intelligente e di successo

Potresti pensare che sia troppo facile ma non lo è: praticamente tutto ciò che ho detto ai miei studenti laureati – almeno in termini di ciò che devono sapere per aiutarli a scrivere la loro tesi – può essere riassunto dai seguenti punti :

1. Scegli il tuo argomento con saggezza. La tua scelta del soggetto è molto simile alla tua scelta di compagno. Questo sarà l'inizio di una lunga e bella relazione o l'inizio di un brutto primo matrimonio. Vivrai con lui per molto, molto tempo. In un modo o nell'altro, trascorrerai del tempo serio insieme. Non lasciare che le pressioni esterne facciano le tue scelte per te. Altre persone non sanno cosa è meglio perché tu, e solo tu, devi avere una certa dose di passione nel processo.

La passione non può essere prodotta. Non puoi presumere che arriverà più tardi nella relazione. Ricercare e scrivere la tesi è, in effetti, il periodo di corteggiamento della tua vita professionale. Se non ti innamorerai di quello che stai facendo ora – ne sarai entusiasta, non vedo l'ora di tornare su di esso, ci pensi con un vero affetto e un piacevole senso di possessività – la mia scommessa è che non inizierai a sentirti così dopo tre anni. A quel punto, ti darà fastidio, facendo richieste, e molti altri argomenti sembreranno più sexy. La scelta di tutti gli altri sembrerà una scelta migliore. Se all'inizio non ci fosse un vero amore, sarai nei guai.

2. Scrivi per coloro che ti leggeranno tra 10 anni, non per quelle persone che hanno scritto sul tuo argomento 10 anni fa. Scrivi per coloro che un giorno saranno tuoi studenti, non per quelli che sono i tuoi professori e colleghi anziani ora; tieni presente che, alla fine, i lettori che saranno più interessati al tuo lavoro sono quelli che ti osserveranno come esperto nel campo. Troppo spesso scriviamo per compiacere i nostri anziani, i nostri mentori e le persone che hanno fatto un grande colpo quando sono venuti per la prima volta con le loro ricerche e il loro lavoro. Passiamo molto tempo a guardare nello specchietto retrovisore della borsa di studio, che non è davvero un modo sicuro per navigare in termini di andare avanti. Conoscere le tue cose è una cosa; essere bloccato nella tua roba e incapace di muoversi è un altro.

3. Quasi indistinguibile dal punto numero due, ma significativamente diverso e forse anche più importante, è la necessità di ricordare che non puoi contare sull'elogio degli altri per farti andare avanti. Mai. Non lo capirai quasi mai e quando lo capirai, non ne avrai mai abbastanza. E quando lo prendi, non sarà il tipo giusto. Inoltre, probabilmente non sarà la persona giusta a dirlo. O non sarà sulla cosa giusta. Semplicemente non funziona in questo modo: l'affermazione esterna è piacevole per i bambini delle scuole elementari e per i programmi in 12 fasi, ma il gioco è fatto.

Le altre persone non passeranno il loro tempo a dirti che stai facendo un buon lavoro. Nemmeno il tuo consulente lo farà. Gli adulti non lo fanno per gli altri adulti. Gli adulti sanno che quando non vengono criticati attivamente, probabilmente stanno facendo un buon lavoro.

4. Vi sono squilibri di potere affascinanti in termini di rapporto consulente-studente, e altri più saggi, più informati di quanto ho scritto su di loro. Ma una cosa che posso dirti è questa: anche il miglior consulente del mondo non avrà abbastanza tempo per te.

Il mio consigliere era un uomo enormemente paziente e generoso; ci sono stati momenti durante il mio ultimo anno di scuola di specializzazione quando mi sono aggrappato a lui come una stella marina. Ma avrebbe potuto descrivermi come a seguirlo come uno squalo. So per certo che ero meno bisognoso di altre persone. Potrei dividere la mia intensa fame narcisistica per l'attenzione tra i membri della mia commissione, per esempio. E sorprendentemente, ho avuto un grande gruppo di amici che erano disposti a sopportarmi (nb: mi capita di essere un ottimo cuoco).

Il tuo consulente è lì per consigliare, non per i genitori, per non modificare, non per coccolare, tranne che in dosi molto piccole.

5. Il perfetto è il nemico del bene. Puoi riscrivere, puoi rivedere, puoi perfezionare, ma la prima cosa che devi fare è scrivere. Naturalmente quello che scrivi sarà imperfetto. La parte divertente, ricorda, è che ciò che pensi sia buono potrebbe rivelarsi non essere (uccidere i tuoi cari e tutto il resto) ma, cosa più importante, ciò che pensi sia assolutamente terribile potrebbe rivelarsi una versione dell'idea più interessante che tu sono arrivati ​​ancora. Potresti non essere in grado di riconoscerlo quando appare nella sua prima incarnazione.

Rivedere prima di sapere cosa stai dicendo in realtà non è solo il rischio di buttare fuori il bambino con l'acqua del bagno, ma anche di rischiare di uccidere il lupo nei vestiti delle pecore. Tu vuoi quel lupo. Tu vuoi l'idea con zanne e artigli ed energia. Sarebbe un peccato macellare qualcosa di selvaggio e chiamarlo a pranzo. Il perfezionismo non è carino, non è utile e, a meno che tu non sia un sarto, un chirurgo oculista o una parte di un atto di alto livello (letteralmente, non metaforicamente) non è un tratto utile.

6. Solo la scrittura conta come scritta. Lunghe discussioni durante la cena, la lettura di un'altra ricerca, l'ennesima discussione sulle bevande, la riscoperta di un'altra brillante idea lanciata in una e-mail a un vecchio amante e poi rapidamente cancellata, niente di tutto questo conta come scritto. Non illuderti. Il tuo Sé dei sogni, i tuoi gatti, il tuo cane, il tuo coniuge, i tuoi colleghi, il tuo gruppo di scrittura e i tuoi amici: nessuno di loro può scrivere il tuo libro per te. Nemmeno se li si corrompe con dolcetti. Solo tu puoi farlo. Questa è la parte difficile, ed è ciò che è grande, ed è quello che devi fare. Andare avanti allora; iniziare.

Revisionato da un saggio pubblicato per la prima volta su The Chronicle of Higher Education

Solutions Collecting From Web of "6 consigli su come diventare uno studente laureato intelligente e di successo"