52 modi per dimostrare che ti amo: condividere

In the Park/Roni Beth Tower
Fonte: nel parco / Roni Beth Tower

Un proverbio svedese promette: "La gioia condivisa è doppia gioia; il dolore condiviso è un mezzo dolore ". Esperienze di condivisione – qualsiasi cosa, da un sogno inquietante a un cono gelato – possono mostrare" I Love You "tra culture, sesso, età. Un bambino di due anni tendere la mano per dare una svolta a un giocattolo a qualcuno di cui si fida e vuole vedere un sorriso; una relazione romantica fa un passo avanti quando una persona offre un sorso dalla sua bevanda all'altra ed è accettata; un genitore e un bambino vincono entrambi quando giocano a tennis, portano a spasso il cane o guardano una serie televisiva insieme. Comprendere cosa, come e perché di questo linguaggio dell'amare ci aiuta a diventare fluenti nel suo uso.

Cosa condividiamo?

  • Momenti. Quando condividiamo un momento nel tempo con qualcun altro, essendo pienamente presenti nella nostra esperienza, qualunque essa sia, siamo testimoni l'uno dell'altro. In tal modo, creiamo una storia di significati comuni. Il sole che tramonta dietro le Palisades attraverso l'Hudson evoca non solo immagini visive di bellezza e impermanenza, ma la meraviglia di vedere i colori cambiare caleidoscopicamente al secondo, un momento magico nel tempo. A volte quei momenti si espandono nella vita.
  • Esperienze e scoperte. La vita porta sfide, opportunità e intuizioni. Incontrando esperienze o scoperte insieme con un'altra persona, impariamo come affrontano le situazioni, raggiungono loro e sono disposte e in grado di collaborare.
  • Pensieri e opinioni. Un articolo sul giornale o online, un post su Facebook, una reazione a un incontro o un film portano opportunità per esplorare e apprezzare somiglianze e differenze. Il rispetto dei punti di vista e dei giudizi degli altri si approfondisce. Diventiamo più capaci di amarli per tutto ciò che sono, non solo per i modi in cui ci riflettono.
  • Sentimenti, preoccupazioni, reazioni . Reagiamo emotivamente a un incontro sorprendente e delizioso al supermercato, a una pagella ricevuta da un bambino oa una valutazione di un supervisore, a un invito inaspettato a una festa. Il proverbio svedese cattura il raddoppiamento della gioia e il dimezzamento del dolore quando possono essere condivisi.
  • Compiti. Calvin Trillin ha scritto: "Il matrimonio non è solo condividere i fettucini, ma condividere il fardello di trovare il ristorante fettucini in primo luogo." Per non parlare di mantenere le case e le auto mantenute, i conti bancari bilanciati, le penne arruffate levigate e gli impegni sociali presi . Molte attività richiedono un'altra persona. Che bello quando lui o lei può essere un intimo!
  • Assegnazione di priorità, impegni. Quando io e mio marito siamo diventati una coppia, ci siamo resi conto che ciò che potevo preferire e ciò che sceglieva erano spesso diversi, e che quello che era meglio per la nostra coppia potrebbe essere una terza opzione. Condividendo le nostre speranze, i nostri desideri e le nostre prospettive, siamo diventati capaci di onorare il rapporto e fare delle scelte che lo alimentano senza risentirci senza aver preso altre strade.
  • Sogni e visione. Concepire le possibilità può essere una delle attività più stimolanti o spaventose che si possano intraprendere. In una linea di ricerca intrigante, Hazel Markus ei suoi colleghi hanno dimostrato il potere dell'immaginazione per guidare la motivazione e le scelte. Formiamo il nostro futuro nelle realtà che diventano: 21 anni fa, dissi a mio marito che il mio sogno era di essere un autore, non uno scienziato il cui lavoro appariva su riviste con referee (anche se l'ho fatto per molti anni), ma un autore il cui il lavoro ha raggiunto un pubblico non professionale e li ha ispirati. Mi ha aiutato a trasformare quel sogno in realtà.
Fonte: condivisione del gesso, condivisione della lavagna / Roni Beth Tower

Come condividiamo?

  • Trascorrendo del tempo insieme. Nulla sostituisce i minuti di clock in presenza di un altro. La ricerca sull'impatto positivo delle cene familiari sullo sviluppo dei bambini sottolinea l'impatto di front-time. Anche se l'elettronica offre alternative di contatto distanti, i momenti trascorsi in presenza degli altri aprono le porte al contatto e uno scambio di energia che non è possibile nello spazio-tempo bidimensionale, non importa quanto simultaneo sia lo Skyping.
  • Coordinando e organizzando. Lavorando attraverso le sfide di stabilire le priorità e sviluppare un piano che possa implementarle, le persone arrivano agli accordi. Essere in grado di fidarsi l'un l'altro di non modificare unilateralmente un accordo diventa una solida base per la fiducia che l'un l'altro onorerà la relazione comportandosi con integrità.
  • Attraverso l'assegnazione e il lavoro, i compiti . Quando due persone possono contare l'una sull'altra per completare la propria quota di lavoro concordato, ciò che potrebbe deteriorarsi in fastidiosi sentimenti di tradimento o, peggio, una lotta passiva-aggressiva per il controllo, può essere evitato.
  • Discutendo e comunicando. La condivisione richiede comunicazione, specialmente quando non è verbale. Le gioie di una coccole, la sorpresa di una cena ben presentata, anche questi eventi preziosi non possono aver luogo senza comunicare il desiderio e l'intenzione di essere nello stesso posto nello stesso momento.
  • Fornendo un test di realtà, un secondo paio di orecchie. Non ci sono due persone che percepiscono esattamente allo stesso modo. La condivisione di esperienze consente di espandere la prospettiva, di vedere una situazione da una nuova angolazione, di conservare bit di informazione altrimenti ignorati, di ampliare i modi in cui un problema o un evento o una decisione possono essere considerati. Percezione e memoria possono essere validati o corretti.
  • Attraverso la visione e la visualizzazione. Inserendo i poteri delle immagini, due persone possono co-creare un'idea del presente, una storia sul passato, una speranza per il futuro. Da tempo noto come un aiuto efficace nella risoluzione dei problemi, le immagini visive possono apportare miglioramenti nella regolazione emotiva, nella comprensione sociale e nel controllo degli impulsi. Può anche amplificare i sentimenti positivi, rendendoli quindi più propensi a ricorrere.
  • Attraverso la definizione di problemi e la ricerca e test di soluzioni. Se il problema è come capire e lavorare con il temperamento di un bambino, decidere una destinazione per una vacanza, o scegliere una città o una città in cui vivere, condividere – con discussione e comunicazione, ascoltare i dati da entrambe le orecchie, usare visione e visualizzazione – rafforza i risultati finali. In effetti, non condividere può facilmente lasciare una persona scartata o invisibile.
  • Attraverso il mirroring inconscio (convalida emozionale – ma anche contagio). Quando le persone sono in presenza degli altri, assorbono energicamente le emozioni l'una dell'altra. A seconda delle differenze individuali, delle caratteristiche della situazione e delle dinamiche nella relazione, questo processo inconscio può portare alla convalida, con una persona che rispecchia le reazioni dell'altro, o al contagio emotivo, in cui una persona assimila empaticamente l'emozione dell'altro . L'invio e la ricezione di messaggi inconsci di sentimenti positivi – e negativi – influisce profondamente sulla qualità della relazione, sia che due persone vivano in un campo energetico di emozioni cronicamente positive, negative o mutevoli. Essere in grado di godere della convalida quando è positivo e distaccarsene quando è negativo è la chiave per gestire gli effetti della vicinanza e della distanza.

Perché condividiamo?

  • Siamo cablati per cercare contatti sociali. Come ho già descritto altrove, il nostro bisogno di essere collegati agli altri è universale. Senza di esso, non riusciamo a formare legami che possano sostenerci mentre cresciamo e le nostre aspettative sulle nuove relazioni sono tristi.
  • Condivisione della lotta alla solitudine. Recenti articoli sui pericoli della solitudine amplificano solo precedenti scoperte che documentano l'impatto negativo della solitudine sulla salute, il contributo alla depressione e la capacità di accorciare la vita. L'aiuto concreto e il sostegno fornito con la condivisione hanno benefici documentati decenni fa (e supportati da) nel Alameda County Study, che documenta il ruolo delle relazioni sociali nella longevità. L'intero campo dell'epidemiologia psicosociale attesta i loro benefici.
  • La condivisione amplifica l'intimità. Il mio lavoro ha dimostrato che essere in grado di contare su un partner per la vicinanza che passa attraverso la condivisione è associato a una vita più lunga, a un minor numero di sintomi depressivi ea una valutazione più elevata della propria salute.
  • La condivisione facilita la correzione del corso. Nella misura in cui siamo nati in questa vita con una mappa interna di doni destinati a fiorire mentre cresciamo e contribuiamo al mondo, le relazioni possono aiutarci a permettere che si sviluppi. Quando una direzione viene bloccata attraverso l'infertilità, una scelta lavorativa diventa insignificante, le limitazioni della disabilità o ambientali restringono, o la posizione di una persona su una linea temporale personale porta frustrazione, una persona può aver bisogno di una spinta o di un supporto extra per cambiare rotta. Quanti hanno aiutato uno studente a prosperare?
  • La condivisione aiuta a capire e ad apprezzare le differenze. Qualsiasi coppia di persone è simile l'una all'altra e diversa. Attraverso la condivisione della loro relazione, possono arrivare a riconoscere e rispettare tali differenze, un dono che può estendersi ben oltre le due persone.
  • La condivisione favorisce la risoluzione di problemi creativi. Le abilità sviluppate attraverso il "come" possono diventare capacità disponibili per innumerevoli altre relazioni e situazioni. Carol Ryff ha documentato che un senso di maestria è una componente fondamentale del benessere.
  • La condivisione porta esperienze positive. John Gottman e i suoi colleghi hanno dimostrato creativamente l'enorme importanza di condividere le emozioni positive all'interno di una relazione. Sentimenti di gioia, piacere. Sorpresa, interesse o di essere ricompensati, confortati, amati, deliziati, rendono la condivisione la chiave per rafforzare le fonti di buoni sentimenti che in origine hanno attirato due persone l'uno con l'altro.
  • La condivisione può espandere il senso di spiritualità, essendo parte di qualcosa al di là del sé. Il rispetto di se stessi, la connessione con gli altri, il sentimento di scopo e l'essere parte di un piano o di un mondo più ampio fanno anch'essi parte della concettualizzazione del benessere di Carol Ryff. Vivere in un universo più grande e più misterioso del proprio angolo isolato, vivere in un quadro spirituale può essere la sua ricompensa.

Per favore condividi con me le tue esperienze di mostrare amore attraverso la condivisione. Quando ti senti più amato? Quando ti senti più amante? In che modo la condivisione ha contribuito a queste esperienze?

Copyright 2017 Roni Beth Tower

Visitami su www.miracleatmidlife.com

Solutions Collecting From Web of "52 modi per dimostrare che ti amo: condividere"