52 modi: cosa motiva gli altri che minacciano una relazione?

Hands/Pixabay
Fonte: mani / Pixabay

Questa serie, "52 modi per mostrare ti amo", è stata piena di tecniche, riflessioni, riflessioni e possibilità per due persone che si amano per dimostrarlo in modo più efficace. Solo un post, Expand the Circle, si concentra in particolare sull'importanza che altre persone svolgono in una relazione d'amore romantica.

I rapporti di coppia che includono altre persone sono necessari per la sua sopravvivenza, ma possono anche rappresentare delle minacce alla relazione amorosa stessa. Questa settimana esaminerò alcuni motivi consci o inconsci che altri potrebbero avere, che possono renderli da fastidiosi a tossici. Motivi diversi possono comportare lo stesso comportamento o un singolo motivo può essere espresso attraverso molti comportamenti diversi. Se è cosciente, può diventare un'intenzione. Sebbene ci siano importanti distinzioni tra "cosa è successo", "perché" e "come", una coppia in pericolo può facilmente essere d'accordo quando un comportamento problematico proviene da qualcun altro. Sono più propensi ad affrontarlo efficacemente quando capiscono il motivo che lo spinge.

Nell'interesse della chiarezza, chiamerò la persona dirompente "la terza persona" e la coppia che lotta per mantenere la loro relazione d'amore "la coppia" o "i partner". Il ruolo di una terza parte nella vita di una coppia – ad esempio, amico, bambino , fratello, suocera, collaboratore – può o non può essere rilevante. I motivi e le intenzioni sono più importanti, tagliando trasversalmente i ruoli che le persone giocano nelle rispettive vite, fornendo una lente diversa attraverso la quale è possibile visualizzare le interazioni tossiche.

Mentre ci spostiamo nel periodo di vacanza intensamente sociale dal Ringraziamento al Capodanno, come possiamo identificare meglio le influenze potenzialmente tossiche e impedire loro di danneggiare una relazione? Questa settimana, descrivo le motivazioni che possono diventare problematiche.

Quali sono le motivazioni di terzi che sfidano una coppia?

1. Una potenziale minaccia all'autostima Alcune persone definiscono la propria dignità dal modo in cui vivono le loro relazioni con gli altri. Quando uno di questi è membro di una coppia – o la coppia stessa è il punto di riferimento per l'autostima – e la dinamica tra la coppia (o uno dei suoi membri) e la terza parte si sentono minacciati dall'inevitabilità del cambiamento, la terza parte può diventare spaventosa. Questi sono quattro dei percorsi più comuni in base ai quali l'autostima può sentirsi minacciata:

  • Un bisogno di sentirsi "speciali" – In questo scenario, la terza parte trae il suo senso di valore dal modo in cui vengono trattati. Ricevono privilegi speciali? Attenzione? Risorse? Vengono affrontati i loro bisogni unici, se tali bisogni sono legati a qualcosa di specifico, come una dieta speciale (quando invitati a cena), o globale, come voler stare seduti accanto alla persona amata o elencati per primi in una email di gruppo?
  • Un bisogno di sentirsi desiderati – In questo caso, una persona dipende dai propri cari per rassicurare che sono amabili. Un diritto interno di essere vivo in questo mondo è stato danneggiato, e la persona cerca le persone che lo circondano per la conferma che lui o lei è inclusa e desiderata.
  • Un bisogno di sentirsi importante: basare la propria autostima su riflessioni esterne può porre due dilemmi. In primo luogo, alcune terze parti possono fare affidamento sul sentirsi "utili" agli altri per la loro autostima. Rischiano di prolungare – o di abilitare o promuovere – la dipendenza dalle persone che amano. Quella dipendenza non necessaria negli adulti può avere conseguenze negative sulle loro relazioni. Ad esempio, quando un partner di una coppia romantica si rivolge regolarmente a una terza parte per aiuto o consulenza o supporto, l'altro partner può ritenere che la relazione di coppia stessa non sia più sicura. In secondo luogo, la ricerca di sentimenti di importanza può focalizzarsi sulla conferma da indicatori esterni di "valore", come il denaro (quanto hai speso per il mio regalo?) O il tempo (quanto tempo dedichi al mio tempo libero? ) o energia (quanto sei disposto a interrompere la tua vita per prestare attenzione al mio?). La prima dinamica, creando dipendenza, chiede a qualcuno di sacrificare le proprie competenze, e la seconda, fornendo visualizzazioni di importanza, chiede loro di allocare più risorse di quanto dovrebbero. La conformità con tali richieste di terze parti può mettere in discussione la relazione di una coppia.
  • Una costrizione a comparare – La teoria del confronto sociale sostiene che una parte importante della nostra identità deriva dalle conclusioni che formiamo quando ci confrontiamo con gli altri. Un recente aggiornamento su questo processo esamina le conseguenze potenzialmente devastanti dell'impatto sui social media, dal momento che alcune persone distorcono chi si presentano e altri vedono la propria vita carente. Chi è più vicino a noi può offrire gli standard più potenti per misurarci. Mio fratello è più felice di me? Più amato? Sto migliorando nel mio matrimonio alla mia età di quanto non facesse mia madre? La concorrenza potenziale e il danno alle relazioni sono ovvi.

2. Frustrazione, rabbia, paura e senso di colpa – Quando una terza persona diventa frustrata (o arrabbiata o spaventata o colpevole) nell'ottenere ciò che desidera da una persona che è in una relazione di coppia o dalla coppia stessa, può provare emozioni che portano a comportamenti distruttivi. Alcune fonti comuni di tali frustrazioni sono:

  • La loro dipendenza – Quando la terza parte non ha sviluppato le risorse necessarie per prendersi cura di se stessi, possono fare affidamento sugli altri in modi che sono inappropriati (l'altro non può soddisfare i bisogni), eccessivo (non è mai abbastanza) o esigente (insistono sul proprio calendario, che potrebbe non essere fattibile). Quando l'obiettivo (un individuo nella coppia o la coppia stessa) non è conforme, la rabbia – espressa direttamente o passivamente-aggressivamente – può risultare.
  • Gelosia e invidia – Quando i bisogni di una terza parte non vengono soddisfatti, e vedono qualcun altro ricevere ciò che credono di volere o di cui hanno bisogno o meritano, la gelosia o l'invidia possono risultare e portare alla rabbia. Una migliore risposta a quelle emozioni sarebbe la gratitudine. Riconoscendo che la gelosia e l'invidia trasmettono un messaggio valido, (una persona ha una necessità insoddisfatta che vedono come soddisfatta in qualcun altro) si può accettare la responsabilità di riconoscere e soddisfare i bisogni insoddisfatti. Possono trovare una soluzione creativa e andare avanti con la vita. Ma a meno che questa emozione non venga elaborata, la frustrazione e la rabbia possono condurre la terza parte a comportamenti che danneggiano la coppia (forse idealizzata).
  • johnhaim/Pixabay
    Fonte: johnhaim / Pixabay

    Solitudine – Qualsiasi numero di fattori può contribuire alla solitudine. Queste influenze possono essere disconnesse da altre persone, ad esempio condizioni meteorologiche, perdita dell'udito o mancanza di mezzi di trasporto. Ma possono anche riflettere condizioni o cambiamenti nelle relazioni effettive. La terza parte solitaria può essere sovra-investita in una singola connessione, forse distorcendo la loro percezione delle sue qualità e rifiutando di ammettere, o addirittura riconoscere, che la relazione non è – o non è più – "abbastanza buona". Se uno o entrambi delle persone della coppia sono viste come responsabili di un cambiamento che aumenta la solitudine, può derivare un senso di tradimento. Ricerche recenti documentano la spirale negativa che la solitudine può avere sulla salute e sul benessere. Queste conseguenze possono amplificare delusione e rabbia nei confronti della persona amata nella coppia o nella coppia stessa quando non sono disponibili per la quantità desiderata di compagnia e interazione.

  • Disapprovazione – A volte una persona ha un'idea fissa di ciò che è accettabile e può disapprovare altri che non seguono le stesse regole, sono d'accordo con le stesse credenze e valori, o vogliono le stesse cose fuori dalla vita. La terza parte potrebbe sentirsi frustrata (e poi arrabbiata) che il mondo delude la loro visione di come la vita dovrebbe essere vissuta. Quando vedono una coppia – o qualcuno con cui hanno avuto una relazione e che diventa parte di una coppia – che abbraccia nuove priorità, la disapprovazione può trasformarsi in rabbia.
  • Un desiderio di maggiore vicinanza o distanza – La teoria dell'attaccamento e gli studi sull'attaccamento degli adulti hanno documentato che diverse persone sono a proprio agio con diversi livelli di vicinanza e inconsciamente si impegnano in strategie per mantenere ciò che è familiare. Una terza parte che preferisce la distanza può rifiutare le offerte di inclusione di una coppia, lasciando che la coppia si senta rifiutata, lasciando forse che ogni partner si chieda cosa è andato storto. Se la terza parte desidera una maggiore vicinanza rispetto a quella offerta dalla coppia, il desiderio inconscio di quella persona può lasciarli desiderare il contatto intimo e sentirsi arrabbiato e frustrato che la coppia – o un partner in essa – non sia disposta o non sia in grado di fornirla.

3. Quelli che temono la perdita – A volte il grilletto della rabbia non è uno dei precedenti, ma piuttosto la consapevolezza di una terza parte che ogni relazione potenzialmente comporta perdita. Le persone fanno mosse geografiche, si ammalano, muoiono o diventano altrimenti non disponibili. Terzi che hanno avuto perdite irrisolte nelle loro vite potrebbero essere pronti a temere un'altra perdita. Forse si preoccupano che non saranno in grado di farcela. Forse non sono in grado di affrontare ciò che percepiscono come una perdita, perché la natura dell'interazione è cambiata. Forse temono che l'accesso ai ricordi comuni e l'intimità che hanno condiviso saranno interrotti. I timori di terzi di abbandono o rabbia per l'impermanenza possono essere tossici per gli altri.

4. Coloro che distorcono – Forse una terza parte proietta problemi che hanno avuto in un'altra relazione con la tua coppia. A volte gli analisti chiamano questo "transfert" o "proiezione". Immaginano di provare ciò che hanno vissuto e si sentono desiderosi di salvarti dal loro stesso destino o di vederti soffrire le stesse conseguenze. Queste errate percezioni, in cui la realtà sembra fluttuare, possono devastare le interazioni sane.

Oggi ho rivisto i motivi comuni di terzi il cui comportamento può minacciare una coppia che condivide una relazione d'amore. Mi sono concentrato sulle preoccupazioni sulla propria autostima e sulle emozioni (in particolare frustrazione, rabbia, paura, senso di colpa) come forze che possono motivare il comportamento, consciamente o inconsciamente. La prossima settimana descriverò i comportamenti che possono derivare da queste motivazioni e la settimana seguente offrirò suggerimenti su come affrontarli.

Hai mai pensato che il tuo rapporto d'amore fosse minacciato da una terza persona? Sei riuscito a identificare perché quella persona ti sentisse così minacciosa? La tua consapevolezza della loro motivazione ti ha aiutato a chiarire come potresti affrontare la situazione? Hai identificato ed esaminato le motivazioni della terza parte da solo o in collaborazione con il tuo partner?

Copyright 2017 Roni Beth Tower

Visitami su www.miracleatmidlife.com

Solutions Collecting From Web of "52 modi: cosa motiva gli altri che minacciano una relazione?"