5 Scelte difficili da affrontare quando cronicamente malato o dolorante

Pixabay
Fonte: Pixabay

Soffrire di dolore o malattia cronica – o, come spesso accade, entrambi – è un duro lavoro. Una ragione di ciò è che dobbiamo valutare e valutare costantemente se gestiamo la nostra salute e le nostre relazioni con abilità. Questo ci impone di fare una scelta difficile dopo una scelta difficile. Ecco cinque di quelli che affrontiamo continuamente.

1. Spingiamo il nostro corpo al limite o giochiamo sempre sul sicuro?

A volte, il desiderio di essere come persone sane è così forte che possiamo parlare di noi stessi spingendo il nostro corpo a fare ciò che non può ragionevolmente fare. Circa due anni fa, mia nipote Camden era in visita. Ero così frustrato nel sentirmi sempre male quando lei era qui che ho deciso di "comportarmi bene". Abbiamo un parco accanto alla nostra casa. L'ho portata lì per più di un'ora, aiutandola con le diapositive, spingendola sulle altalene. Ero di umore provocatorio: "Sono stanco di essere malato. Mi limiterò a comportarmi come se fossi in salute. "Quello che ho ottenuto per il mio impegno è stata una settimana di recupero con sintomi esacerbati.

D'altra parte, trovo che se gioco sempre al sicuro, il mio corpo si abitua così tanto al rigido regime su cui lo metto e perdo la mia capacità di essere flessibile. Per esempio, se faccio sempre un pisolino a mezzogiorno, poi se sono in ritardo di un quarto d'ora, mi sento come se dovessi crollare sul posto. Quindi mescolo intenzionalmente l'ora esatta in cui pisolino, in modo che il mio corpo non diventi condizionato a seguire un programma rigido. Detto questo, la mia capacità di essere flessibile ha i suoi limiti: non ho il lusso di saltare il pisolino.

Se è possibile per te, ti consiglio una via di mezzo per sfidare delicatamente il tuo corpo di tanto in tanto in modo da non cadere in un modello fisso di comportamento che sottovaluta ciò che potresti essere in grado di fare. Ma, come per le altre scelte difficili, trovo che questa costante valutazione e aggiustamento, valutazione e adattamento siano estenuanti in sé, sia mentalmente che fisicamente.

2. Manteniamo i nostri problemi di salute privati ​​o parliamo apertamente di loro?

Se parliamo dei nostri problemi di salute, alcuni amici e familiari possono rispondere in modo giudicante o addirittura allontanarsi da noi. E anche quelli che non si allontanano possono cambiare il modo in cui si relazionano con noi. Vogliamo essere trattati come persone intere e come adulti, ma se condividiamo le nostre lotte per la salute con gli altri, rischiamo di essere trattati come un'ombra dei nostri ex sé.

D'altra parte, se rimaniamo tranquilli sui nostri problemi di salute, rischiamo di indurre altri a fraintendere ciò che possiamo o non possiamo fare. Inoltre, stando zitti, stiamo abbandonando la possibilità di ricevere il supporto tanto necessario, sia emotivo che pratico.

Se sei come me, può essere estenuante, sia fisicamente che mentalmente, valutare e decidere continuamente ciò che vuoi e ciò che non condividi con gli altri sulla tua salute.

3. Ignoriamo un nuovo sintomo o lo facciamo controllare da un medico?

Se solleviamo un nuovo sintomo, il nostro medico penserà che siamo ipersensibili o che siamo diventati ipocondriaci? D'altra parte, un nuovo sintomo potrebbe essere il segno di qualcosa di serio. Ho letto in uno dei miei libri sulle malattie croniche di una donna che ha ignorato un nuovo sintomo perché ha deciso che era meglio presumere che fosse correlato alla sua malattia cronica. Ha anche detto che ha aspettato così tanto tempo per vedere il suo dottore perché "non voleva disturbarlo". Il nuovo sintomo si è rivelato essere il cancro allo stomaco.

Cosa fare quando appare un nuovo sintomo rende necessaria un'altra scelta difficile: attendere o agire immediatamente? Dobbiamo ascoltare attentamente il nostro corpo e decidere per noi stessi.

4. Dovremmo rischiare di provare terapie alternative e non convenzionali?

Non c'è una linea di condotta giusta o sbagliata qui, ma è una scelta che, per me, è stata costosa, sia per il mio portafoglio che, a volte, per la mia salute. Passavo ore e ore, consumando la poca energia che avevo, pettinando Internet per le cure. Come ho scritto nel mio articolo "Trovare le informazioni sanitarie necessarie su Internet", chiunque può creare un sito Web, impostare un piano di pagamento e chiedere il numero della carta di credito. Le persone spendono migliaia di dollari per cure false. Lo so perché l'ho fatto.

D'altra parte, ho anche letto di persone che sono state aiutate da trattamenti alternativi o non convenzionali, quindi potrebbe non essere saggio decidere di ignorarle del tutto. Queste sono scelte difficili: cosa prendere, cosa non prendere, come valutare i costi monetari, cosa dire al nostro medico di ciò che stiamo prendendo o non prendendo.

5. Dovremmo combattere aggressivamente per riconquistare la nostra salute o dovremmo accettare il nostro destino?

Combattere costantemente per riconquistare la nostra salute è anche estenuante, fisicamente e mentalmente. Ma l'alternativa di accettare passivamente che questo è il modo in cui saremo per il resto della nostra vita non sembra neanche una scelta saggia. Di nuovo, raccomando una via di mezzo. Mi ci è voluto un po 'per capire che potevo riconoscere e accettare la mia salute come è adesso, mentre allo stesso tempo continuavo a cercare di recuperare la salute che avevo prima di ammalarmi. Queste due linee d'azione non sono contraddittorie.

Non è stato fino a quando ho iniziato ad accettare – senza avversione – comunque mi è capitato di sentirmi in un dato giorno, di essere stato in grado di iniziare a cercare modi per godermi ancora la vita. Ma una parte integrante di quella vita è tenere d'occhio le nuove cure. Può essere una sfida accettare con garbo come mi sento in questo momento, mentre allo stesso tempo continuare a essere proattivo sulla mia salute … ma ci sto lavorando.

***

È duro lavorare continuamente per valutare, valutare e scegliere una linea d'azione già malata o dolorante. Il mio desiderio per te è che tu sia gentile con te stesso come puoi, mentre lotti con queste scelte difficili.

Guarda il brano successivo su "Altre scelte difficili …"

© 2013 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri:

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015). Il tema delle "scelte difficili" è stato ampliato in questo libro.

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni e opzioni di acquisto.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Potrebbe piacerti anche "Sei idee sbagliate comuni su Chronically Ill".

Solutions Collecting From Web of "5 Scelte difficili da affrontare quando cronicamente malato o dolorante"