5 passi per recuperare la vita dopo un cattivo divorzio

Joana Lopes/Shutterstock
Fonte: Joana Lopes / Shutterstock

È passato più di un anno da quando il mio divorzio era definitivo e ho ancora degli effetti persistenti. Questi non sono effetti emotivi – volevo uscire e la cosa più difficile da affrontare era che non potevo uscire senza una grande quantità di stress, drammi e denaro inutili. Invece sono cambiamenti più sottili nel modo in cui vedo il mondo e il mio posto in esso.

Con il senno di poi, uno dei sottoprodotti più dannosi e scoraggianti di un divorzio litigioso è la perdita del senso del libero arbitrio. Molti di noi che sono catturati nelle sabbie mobili di cattivi divorzi – circa il 5 percento del totale, secondo la maggior parte delle stime – non hanno esperienza pratica con la professione legale, tranne che per incontri benevoli come fare testamento o chiudere una casa. Non siamo preparati a capire come una strategia di guida delle vostre spese legali, un incentivo per voi a piegare la tenda e accettare qualsiasi cosa, possa finire con una serie apparentemente infinita di movimenti, contro-moti, ritardi, sotterfugi, e bugie, che ti fanno sentire come se tu fossi lo spettatore pagante di una partita di ping-pong suonata da due avvocati.

La verità è che la tua sensazione di mancanza dell'agenzia riflette la realtà. Non è solo che non hai il controllo del divorzio, ma che i tuoi valori intrinseci e il senso del sé si sono persi nell'elaborato gioco del gatto e del topo. Dovresti ascoltare il tuo avvocato quando lui o lei suggerisce una strategia che non ti verrebbe mai in mente se agissi da solo? A volte è difficile capire chi dovrebbe essere il guidatore designato.

Ma come ho scoperto, puoi riprendere il tuo senso di agenzia dopo che tutto è stato detto e fatto diventando proattivo. Ecco cinque passaggi suggeriti dalla ricerca:

1. Stabilisci nuovi obiettivi per te stesso.

Quale modo migliore per reclamare la tua capacità di agire piuttosto che recitare ? Stabilire nuovi obiettivi, in particolare quelli intrinseci che riflettono i valori e le aspirazioni fondamentali, ti rimetterà al posto di guida. La scienza dimostra che scrivere i tuoi obiettivi è in realtà più motivante del semplice pensare a loro. E, sì, usare carta e penna è meglio che scrivere.

Una volta che hai deciso i tuoi obiettivi, devi metterti in una mentalità in cui la tua intenzione di realizzare quegli obiettivi è chiara. Il lavoro di Peter Gollwitzer mostra che il pensiero implementativo – "Se X succede, allora farò Y" – spinge gli obiettivi fuori dall'astratto e li rifila in termini di azione. Pensare in questo modo combatte la procrastinazione e ti permette di trarre vantaggio dai segnali situazionali. Se uno dei tuoi obiettivi è quello di uscire nel mondo e interagire con nuove persone, e ci hai pensato concretamente, vedere una nota sui volontari che sono necessari immediatamente suonerà un campanello e ti farà andare avanti. Idem quell'invito da un vecchio amico che non hai visto da secoli.

2. Gestisci i tuoi rimpianti.

Per mettere il divorzio dietro di te e la tua perdita di agenzia, lavora per smettere di rigiocare le scelte che hai fatto (come sposarsi in primo luogo) e la meccanica del divorzio. Gli studi dimostrano che il pensiero ruminante ti tiene impantanato nel passato. Consapevolmente prendere una decisione di non parlare del divorzio come se fosse ancora in corso. "Se solo" pensando – se solo non avessi sposato lui / lei, se solo avessi agito prima – ti tiene solo bloccato e sentendoti impotente.

Se ti picchi per aver commesso gli errori che hai fatto, per favore cerca aiuto: quello che stai facendo è controproducente.

3. Abbraccia la tua identità mutevole.

Le transizioni sono difficili per la maggior parte di noi, e il divorzio non è solo una transizione dall'essere sposati a essere single di nuovo, ma una serie di cambiamenti, alcuni più facili da gestire di altri da gestire. Nel suo libro, Transitions , William Bridges definisce una chiave "il processo di disindegno", che vede come "la parte interna del processo di disimpegno". Nel suo caso, è passato dall'essere un professore di letteratura a qualcuno che stava scrivendo, lezioni e consulenze. Il passaggio dall'essere in grado di descrivere se stesso con la stenografia di alcuni nomi prestigiosi a un gruppo di parole che finiscono in -ing si è dimostrato molto più difficile e doloroso di quanto avesse previsto. Per quanto tu non abbia voluto più essere la moglie di Jim o il marito di Lily , potresti anche sentire di aver perso lo stato o una parte importante della tua auto-definizione.

La ricerca di Patricia Linville mostra che più sono complesse le nostre rappresentazioni mentali di sé, più siamo resistenti nei momenti di stress o di sconfitta, e più siamo tamponati da emozioni negative e ricadute emotive. In effetti, uno dei suoi studi si concentra su due donne divorziate, una che si riprende da un divorzio con relativa facilità mentre le altre vacilla. La donna con le rappresentazioni più complesse di autodidatta, avvocato, collega, sorella, madre, cugino, sciatore, giardiniere, avvocato, conserva più della sua identità quando la "moglie" viene tolta dal tavolo rispetto al suo pari che si era autoproclamata più strettamente come principalmente una moglie e un avvocato.

Ridefinire il sé, che include la definizione di nuovi obiettivi, è un altro modo di reclamare la propria vita.

4. Usa l'azione simbolica.

Cambiare la tua vita in modi letterali può anche spingerti fuori dal passato e nel presente. Le persone che si stanno riprendendo dal divorzio spesso trovano utile trasformare il loro aspetto o stile, ridipingere la loro casa (specialmente se vivono in quella che era la loro residenza coniugale), o apportare altre modifiche visibili per segnalare che sono transitate. Per le donne, reclamare il tuo nome da nubile può essere simbolicamente potente. Sia gli uomini che le donne riferiscono di sentirsi meglio dopo aver dichiarato la propria indipendenza facendo qualcosa che non avrebbero potuto fare nel contesto del loro matrimonio, come viaggiare da soli, fare una battuta di pesca o fare qualcosa di totalmente auto-indulgente. Il mio gesto simbolico era reclamare il mio anello di fidanzamento che era rimasto in un cassetto per tre anni, un cerchietto scintillante abbandonato. Mi sono reso conto che, mentre lui l'aveva pagato, l'ho comprato da solo senza di lui quindi mancava un vero contenuto emotivo. Inoltre, mi piace come appare e l'ho pagato molte volte in considerazione delle dimensioni delle mie spese legali. Così ora lo indosso, alla mia destra.

5. Concentrati su ciò che puoi controllare.

Se senti un'eco della Serenity Prayer, sei sulla buona strada. Riconoscere che è necessario lasciare andare la tua pessima esperienza e andare avanti. Se hai problemi, stai ancora rimuginando sugli errori fatti o sulle opportunità perse, ancora inondati di emozioni negative o anneghi nel rimpianto, per favore ricevi supporto e parla con un consulente o terapeuta. Lavora per realizzare gli obiettivi che ti sei prefissato e metti un piede di fronte all'altro. C'è un intero futuro davanti.

Fonte: Chris Lawton. Copyright libero. Unsplash.com

Il campo di gioco non è un livello quando si tratta di lasciar andare le brutte esperienze. Ma questi cinque passaggi ti aiuteranno a rimettersi in piedi.

Copyright 2016 Peg Streep

Visitami su Facebook.

Riferimenti

  • Ponti, William. Transitions: Making Sense of Life's Changes. New York: Da Capo Press, 2004.
  • Gollwitzer, Peter M., "Intenti attuativi: forti effetti di piani semplici", American Psychologist, Vol 54 (7), luglio 1999, 493-503.
  • Linville, Patricia, "Auto-complessità ed Estremita 'affettiva: non mettere tutte le uova in un cesto cognitivo", " Cognizione sociale . 1, n. 1. (1985): 94-120.
  • Linville, Patricia W. "Auto-Complessità come un tampone cognitivo contro la malattia e la depressione correlate allo stress, Journal of Personality and Social Psychology (1987), 12, n.4, 663-676.

Solutions Collecting From Web of "5 passi per recuperare la vita dopo un cattivo divorzio"