5 passaggi per l'illusione ottimale

Auto-inganno – il tabù più dolce e più aspro: non c'è un modo più affidabile per stimolare una ricca discussione che non provare dispiacere per le auto-inganni altrui. E non c'è modo migliore per intrufolarsi in una conversazione che accusare qualcuno di autoinganno sul suo viso: l'autoinganno è la follia dell'altro. Siamo sopra di esso. O, almeno, lo pensiamo per un po '.

Ecco uno schizzo sul retro del tovagliolo di come veniamo a patti con il nostro potenziale di auto-inganno:

Fase 1- Naïve: Veniamo al mondo senza alcuna nozione di inganno, per non parlare dell'auto-inganno. A poco a poco, ci viene in mente che le persone mentono e talvolta mentono anche a se stesse. Questo ci rende prudenti. Impariamo a individuare l'autoinganno degli altri.

Fase 2: esenti dal disprezzo: siamo abbastanza bravi a individuare l'autoinganno degli altri. Partiamo dal presupposto che, poiché siamo in grado di individuare i loro inganni e non possono, dobbiamo essere esperti nell'individuare gli inganni. Come esperti, quando esaminiamo i nostri stessi pensieri presumibilmente con lo stesso scrutinio che applichiamo agli altri, non notiamo alcun autoinganno. Quindi dobbiamo essere esenti. Quanto più disprezzo proviamo per le auto-inganni altrui, tanto più esperti ed esenti ci sentiamo.

Fase 3 – Una volta ero perso, ma ora sono cieco: prima o poi intravediamo il nostro potenziale di auto-inganno. Forse sentiamo qualcuno al palco 2 dandoci un assaggio della nostra stessa medicina. Forse ci prendiamo Ora dobbiamo fare i conti con esso – e venire a patti che facciamo. Ci arrendiamo. Ammettiamo di avere un potenziale per auto-inganno. Ci diamo credito per averlo visto. Non siamo più esenti dal disprezzo. La nostra consolazione è che siamo abbastanza coraggiosi da affrontare le nostre auto-inganni, il che ci offre un'esenzione diversa e più sofisticata. OK, quindi eravamo persi. Non ci conoscevamo. Ma abbiamo imparato. Ora conosciamo noi stessi. Colpetto. A questo punto, parliamo di autoinganni di altre persone e raccontiamo storie schiaccianti sulle nostre follie passate.

Stage 4 – Eternamente non esente: scopriamo che anche con l'eccezionale auto-conoscenza acquisita nel terzo stadio, mentiamo ancora a noi stessi. Si scopre che l'autoinganno non è una cosa da fare una sola volta: non importa quanto scettici ci portiamo con noi stessi, non possiamo proprio tenere il passo. Non importa quanto perseguiamo la verità su noi stessi, non ci prenderà mai. Ora siamo diffidenti nei confronti di noi stessi. Nella fase 4, parlare di auto-inganno è un peccato. È una persona rara che supera lo stadio 3, perché la fase 4 è così poco divertente.

Fase 5: Illusione ottimale: se non c'è sfuggita all'auto-inganno, forse non è del tutto negativo. Che cos'è, comunque? È auto-ingannevole sperare e pregare e credere che dei molti modi in cui una situazione potrebbe rivelarsi, andrà bene? Ovviamente no. Tuttavia, se la situazione si presenta male, ti chiedi perché ti sei preso in giro, e la gente bloccata al secondo stadio ti ridaccherà dietro di te. Ma forse si sbagliano. Forse il trucco non è eliminare l'autoinganno, ma imparare a usarlo bene. Qui, abbracciamo l'illusione ottimale:

Il trucco non è essere un realista ortodosso o un sognatore ortodosso, ma, piuttosto, ottenere il giusto mix dei due, prendendoti in giro dove aiuta a lungo termine, non dove fa male. L'illusione ottimale assorbe e ignora i test di realtà nella giusta combinazione per mantenerci motivati, concentrati e flessibili, ma con i piedi ben saldi. Non è un equilibrio facile da raggiungere. In realtà, è irrealizzabile: l'illusione ottimale è una ricerca per tutta la vita.

Non tutti arrivano a tutti e cinque i livelli. Non ci diplomiamo da uno stadio all'altro; piuttosto, espandiamo il nostro repertorio, aggiungendo le fasi mentre andiamo e cambiando la frequenza con cui visitiamo ciascuna. Persino i migliori illusionisti ottimali si arrabbiano a volte, come se fossero ancora allo stadio 2. A volte, ridere della follia altrui è l'illusione ottimale, il modo migliore per resistere alla resa al loro punto di vista alternativo.

Senza cattività, potrebbe essere impossibile salire agli stadi più alti. La cattività rafforza i nostri artigli. Mentre crescono, si piegano verso di noi, causando il dolore auto-inflitto da cui ci sviluppiamo verso l'illusione ottimale.

ILLUSIONE OTTIMALE

I musicisti possono sentire la musica anche se conoscono le note per nome?

Gli atleti possono giocare una partita mortale anche se sanno che è solo un gioco?

Poteva Vargas sentire il calore e la lussuria di una pinup che aveva dipinto?

Quando i materialisti sanno che è ghiandolare, i loro affari amorosi vengono contaminati?

Quando sai che sono le luci sullo schermo d'argento, i film sembrano più pallidi?

Se vedi Dio attraverso il suo creatore, il tuo credo diventa meno valido?

No, a quanto pare siamo in grado di vedere e credere

Che meraviglioso dono di Dio è questo, il nostro potere di auto-ingannare.

Solutions Collecting From Web of "5 passaggi per l'illusione ottimale"