5 motivi per servire

Al culmine del boom delle dot-com nel 1999, alcuni amici esperti di tecnologia e io entrammo in un rifugio per senzatetto da dare senza alcun vincolo. La nostra motivazione? Volevamo solo servire e abbiamo scoperto rapidamente che una simile pratica di donazione disinteressata è qualcosa a cui tutti abbiamo accesso, indipendentemente da chi siamo o cosa facciamo.

Il nostro viaggio al rifugio per i senzatetto ci ha portato a costruire un sito web per loro gratuitamente. Quell'esperimento nel dare sbocciato in un'organizzazione chiamata ServiceSpace, che ha continuato a sviluppare e donare siti web a migliaia di piccole organizzazioni non profit. Ma le increspature non si sono fermate qui. ServiceSpace si è ora trasformato in un incubatore straordinario per decine di progetti, tra cui un portale di buone notizie online, "Smile Cards" che diffondono gentilezza e ristoranti di economia del regalo negli Stati Uniti e risciò in India, tutti toccando milioni di persone.

Sebbene l'impatto esterno di questi progetti sia enorme, ciò che colpisce di più è che ServiceSpace non raccoglie fondi, non ha personale e rimane al 100% gestito da volontari. Tutti i soggetti coinvolti sono guidati semplicemente dalla volontà di crescere nel servizio. In un mondo dominato da incentivi finanziari che si rivolgono a una mentalità consumistica, ServiceSpace è un invito alla controcultura di impegnarsi in piccoli atti di generosità, spostandosi continuamente verso una mentalità dal contributo ispirato.

È un fatto bello che, nella pratica della gentilezza, non possiamo fare a meno di approfondire la nostra comprensione di come i cambiamenti interiori ed esteriori siano fondamentalmente intrecciati. Ecco cinque ragioni per servire che abbiamo scoperto durante il nostro viaggio:

1. Servire per scoprire l'abbondanza: il passaggio radicale da "me" a "noi".

Quando servi, scopri che spesso le cose più importanti che hai da offrire non sono affatto le cose. Inizi a scoprire l'intera gamma di risorse a tua disposizione – il tuo tempo, la tua presenza, l'attenzione – e riconosci la capacità di dare radici da uno stato d'animo e da un cuore, un luogo molto più profondo del materiale. Ispirato dalle possibilità che si aprono in ogni momento, inizi a scoprire umili opportunità di servire ovunque.

Questo processo inizia un passaggio da un orientamento mentale a un orientamento a noi. Inizi a guardare le persone e le situazioni con un occhio per ciò che puoi offrire loro, e non viceversa. Rompi la faticosa tirannia di domande come "Cosa c'è dentro per me?" La mentalità passa dal consumo al contributo. Paradossalmente, quando si serve in questo modo, non si sta più operando da uno spazio di scarsità. La tua tazza si riempie e trabocca.

2. Serve per esprimere gratitudine.

Quando riconosci la pienezza della tua vita, puoi manifestare un cuore di servizio in ogni situazione. In questo senso, il servizio non inizia quando abbiamo qualcosa da dare: fiorisce naturalmente quando non abbiamo più nulla da fare. E questo è un posto potente dove stare.

Sì, è necessario un cambiamento esterno perché il mondo progredisca, ma se accoppiato con una trasformazione interiore, può influenzare il mondo in un modo radicalmente diverso. "Non possiamo fare grandi cose – solo piccole cose con grande amore", ha sostenuto Madre Teresa, una donna che ha fatto la differenza nella vita di milioni di persone. È una questione su cui ci concentriamo. In altre parole, non è solo quello che facciamo ciò che conta, ma l'impulso interiore dietro la nostra azione che conta veramente.

3. Servi per trasformare te stesso.

Ogni volta che pratichiamo il più piccolo atto di servizio – anche se è solo tenendo una porta per qualcuno con un cuore pieno che dice "Posso essere utile a questa persona" – questo tipo di cambiamento cambia l'abitudine profondamente radicata dell'egocentrismo . In quel breve momento, sperimentiamo l'altro-centrato. Quel centrato sull'altro rilassa gli schemi dell'ego, una collezione di tendenze non esaminate e auto-orientate che influenzano sottilmente le nostre scelte. Ecco perché nessun vero atto di servizio, per quanto piccolo, può mai essere davvero sprecato.

Servire incondizionatamente in questo modo richiede pratica e sforzo costante. Ma con il tempo e la consapevolezza acuta, iniziamo a sfiorare il potenziale di trasformazione che è incorporato in ogni atto di generosità. È una consapevolezza che quando si dà, si riceve effettivamente. Inizi a interiorizzarlo, non a livello intellettuale ma per esperienza.

4. Serve per onorare la nostra profonda interconnessione.

Nel corso del tempo, tutti questi piccoli atti, quei piccoli momenti, portano a un diverso stato dell'essere – uno stato in cui il servizio diventa sempre più privo di sforzo. E man mano che questa consapevolezza cresce, inizi inevitabilmente a percepire al di là di schemi individualistici: ogni piccolo atto di servizio è un'increspatura senza fine che si sincronizza con innumerevoli altri.

Come dice Rachel Naomi Remen, "Quando aiuti, vedi la vita come debole. Quando aggiusti, vedi la vita come rotta. Quando servi, vedi la vita nel suo insieme. "Con questa comprensione, iniziamo a recitare la nostra parte prima, prendendo coscienza delle offerte che riceviamo, poi provando gratitudine per loro, e infine continuando a pagare i nostri doni con un cuore di gioia. Ognuno di noi ha tali doni: abilità, risorse materiali, connessioni, presenza, tutto ciò che riteniamo privilegiato avere. E quando effettivamente iniziamo a usare i nostri doni come strumenti per facilitare il dare, approfondiamo la nostra comprensione delle relazioni e iniziamo a sincronizzarci con questa vasta "rete interiore".

5. Serve per allinearsi con uno spiegamento naturale.

Quando decidiamo sempre più di rimanere in quello spazio di servizio, iniziamo a vedere cose nuove. I bisogni della situazione attuale diventano più chiari, diventiamo strumenti di un ordine più grande e conseguentemente le nostre azioni diventano più facili. Quando un gruppo di persone esegue questo tipo di servizio come una pratica, crea un ecosistema che contiene uno spazio, consentendo al valore di emergere organicamente. Tutto questo valore indiretto, l'effetto a catena, ha spazio e tempo per sommarsi, sincronizzarsi con altre increspature e moltiplicarsi in qualcosa di completamente inaspettato. In modo umile queste increspature continuano a seminare manifestazioni imprevedibili. Un tale ecosistema può avere i suoi piani e le sue strategie, ma pone più enfasi sulla co-creazione emergente. Quindi molte delle increspature rimarranno invisibili per anni; alcuni forse saranno la base per una filantropia di settima generazione. Non importa, perché sono doni incondizionati.

Ciò che ognuno di noi può fare, a livello personale, è fare piccole offerte di servizio che alla fine creano il terreno per un cambiamento più profondo. La rivoluzione inizia con te e me.

Solutions Collecting From Web of "5 motivi per servire"