5 motivi per cui non puoi dire quando ti stai mentendo

Molte persone credono di essere abbastanza brave a sapere quando gli altri mentono. Ma la ricerca dimostra chiaramente che le persone sono notoriamente cattive nel rilevare le bugie degli altri. Persino i migliori rivelatori di menzogne ​​sono solo leggermente migliori del caso (nonostante ciò che potrebbe essere stato rappresentato nello show Lie to Me).

Ecco 5 motivi per cui le persone non sono dei buoni rivelatori di bugia:

1. Facciamo affidamento sugli stereotipi. E questi stereotipi non sono sempre precisi. Ad esempio, la maggior parte delle persone userà la mancanza di contatto visivo come spunto di inganno, ma la nostra ricerca ha scoperto che i bugiardi sono effettivamente impegnati in un maggiore contatto visivo, presumibilmente nel tentativo di apparire più veritieri. Crediamo anche che gli stimoli del nervosismo (agitarsi, torcersi le mani, sudare) siano associati all'inganno, ma a volte le persone mostrano questi segnali per ragioni diverse dall'inganno.

2. Abbiamo un pregiudizio fidato. La ricerca mostra che abbiamo una sorta di meccanismo "predefinito" che ci fa credere che la maggior parte delle persone stia dicendo la verità. Anche negli studi in cui ai partecipanti viene detto che metà delle persone sta mentendo, giudicano la maggior parte di loro come onesti. [Ciò vale a meno che tu non sia un agente di polizia, un agente doganale o lavori per il servizio segreto – tendono ad avere un errore di parzialità di fiducia.]

3. Alcune persone sembrano solo più oneste o ingannevoli. Ci sono differenze individuali nello stile espressivo non verbale che portano alcune persone a sembrare più oneste e gli altri più disonesti. Questo è chiamato "pregiudizio da comportamento". Le persone che sono emotivamente espressive e che si muovono e parlano più liberamente e fluidamente sono giudicate oneste. Coloro che sono stoici, con uno stile di discorso esitante e staccato, sono considerati più disonesti.

4. Non riceviamo molti feedback sulla nostra precisione di rilevamento. Di conseguenza, non siamo in grado di affinare le nostre capacità di rilevamento. Potremmo pensare che qualcuno stia mentendo, ma se in realtà non scopriamo se era una bugia o una verità, non siamo in grado di imparare a migliorare al rilevamento.

5. Siamo semplicemente fuori di testa. L'inganno è una complessa interazione sociale, molto simile a una danza o una performance. I migliori mentitori sanno come apparire onesti (pregiudizi di comportamento), controllano il loro comportamento, provano le loro risposte e studiano il comportamento non verbale dei rilevatori per vedere se sono sospettosi o creduloni e si adeguano di conseguenza.

Quindi, come puoi essere un rivelatore di inganno migliore?

1. Non essere credulone. Riconosci il pregiudizio fidato in te stesso. Non dare per scontato che tutti stiano dicendo la verità (ma non diventare eccessivamente sospettosi). Non fare affidamento solo su semplici segnali (sta evitando il contatto visivo, sta balbettando).

2. Analizza. Contrariamente a quanto molti credono, i segnali verbali sono spesso il modo migliore per scoprire l'inganno. Considera la plausibilità della storia. Ha senso e sembra ragionevole? Notare discrepanze negli stili comportamentali, dagli episodi noti di verità, piuttosto che concentrarsi su segnali specifici.

Riferimenti

Bond, CF, & DePaulo, B. (2006). Precisione dei giudizi di inganno. Rassegna di personalità e psicologia sociale, 10, 214-234.

Ekman, P. (2001). Dicendo bugie. New York: Norton.

Seguimi su Twitter:

twitter.com/#!/ronriggio

Solutions Collecting From Web of "5 motivi per cui non puoi dire quando ti stai mentendo"