5 motivi per cui la teoria della "crisi di mezza età" può essere un mito

mbolina/Shutterstock
Due studi canadesi hanno scoperto che la "crisi di mezza età" può essere un mito. Lo stesso vale per gli americani?
Fonte: mbolina / Shutterstock

Avere una "crisi di mezza età" è accettata dalla maggior parte delle persone come se fosse la par-for-the-course quando si passa dalla giovane età adulta agli anni della mezza età. Il termine "crisi di mezza età" è stato coniato da uno psicoanalista canadese Elliott Jaques. L'età specifica per avere una crisi di mezza età è dubbia e ampia: questa "crisi" può verificarsi in qualsiasi momento dalla fine degli anni '30 ai primi anni '60.

In genere, una crisi di mezza età viene vissuta quando qualcuno si rende conto di aver raggiunto un punto medio nella loro durata di vita e le probabilità che la vita stia effettivamente andando a finire nel modo in cui uno aveva immaginato, o sognato, probabilmente non succederà. . È facile per il cinismo, il malcontento e la depressione insinuarsi quando ti rendi conto che i tuoi sogni e le tue aspettative sulla vita potrebbero non avverarsi mai. . . o che sei passato al meglio.

La teoria della "crisi di mezza età" è un mito?

La buona notizia è che due studi longitudinali condotti da ricercatori dell'Università di Alberta in Canada hanno identificato che la felicità non si ferma necessariamente durante la mezza età. Il gruppo di ricerca, che comprendeva Nancy Galambos, Harvey Krahn, Matt Johnson e colleghi, ha scoperto che c'era una traiettoria di felicità verso l'alto per i soggetti di test canadesi che hanno iniziato a fare i tarda adolescenza all'inizio degli anni '20 e sono passati ai trent'anni.

Il documento del settembre 2015, "In alto, non in basso: la curva dell'età nella felicità dai primi anni dell'adulte alla mezza età in due studi longitudinali", è stato originariamente pubblicato online su Psicologia dello sviluppo . Sebbene questi studi canadesi fossero longitudinali, è impossibile sapere esattamente come questi risultati si tradurrebbero in altre nazioni a livello globale.

Per questo studio, il team di ricerca ha seguito due gruppi di persone: un gruppo di anziani delle scuole superiori canadesi di età compresa tra 18 e 43 anni e l'altro un gruppo di studenti universitari di età compresa tra 23 e 37 anni. Entrambi i gruppi hanno registrato un aumento della felicità nei trent'anni. Dopo aver tenuto conto delle variazioni nella vita dei partecipanti, come cambiamenti nella salute fisica, nell'occupazione e nello stato civile auto-valutati; entrambi i campioni hanno dimostrato un generale aumento di felicità dopo il diploma di scuola superiore e la frequenza all'università.

I ricercatori hanno anche controllato importanti covariate di base tra cui genere, educazione dei genitori, rendimento scolastico e autostima. Secondo i ricercatori, questo studio sulle crisi di mezza età è più affidabile delle ricerche precedenti perché misurava i livelli di felicità negli stessi individui per un lungo periodo di tempo. Di seguito sono riportati cinque factoid dello studio che possono sfatare la teoria della crisi di mezza età:

5 motivi per cui la teoria della "crisi di mezza età" può essere un mito di Galambos et al.

  1. Le persone sono più felici nei loro primi anni '40 (mezz'età) di quando avevano 18 anni.
  2. La felicità aumenta più rapidamente tra i 18 ei 30 anni.
  3. La felicità è più alta negli anni in cui le persone sono sposate e in una migliore salute fisica, e più basse negli anni in cui le persone sono disoccupate.
  4. L'aumento della felicità tra gli adolescenti e i primi anni '40 non è coerente con una crisi di mezza età.
  5. L'aumento della felicità verso la mezza età smentisce la presunta "curva a U" nella felicità, il che presuppone che la felicità diminuisca tra gli adolescenti e gli anni '40.

Perché sono così tanti americani bianchi di mezza età che stanno morendo giovani?

Petar Paunchev/Shutterstock
Fonte: Petar Paunchev / Shutterstock

Sebbene i risultati ottenuti dall'università di Alberta in Canada sulla felicità durante la mezza età siano promettenti, è lo stesso vero per le persone che vivono in America? Nel novembre 2015, due ricercatori hanno pubblicato due studi diversi negli Stati Uniti, dimostrando che gli americani di mezza età erano più depressi di quanto lo fossero stati da decenni. Come gruppo demografico, anche gli americani bianchi di mezza età stanno morendo giovani.

Ho scritto su questi risultati in due post sul blog di Psychology Today separati, "Perché sono così tanti americani bianchi di mezza età che muoiono giovani?" E "7 modi per creare una spirale ascendente di emozioni positive".

Secondo i dati del 1999-2013 raccolti dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), dall'United Census Bureau, dai singoli record di morte e da altre fonti, le tre cause di morte che spiegavano il cambiamento nei tassi di mortalità tra bianchi non ispanici erano: suicidio, avvelenamento da alcol e droghe, malattie epatiche croniche e cirrosi. Questi fattori hanno causato un aumento esponenziale dei tassi di mortalità per gli americani bianchi di mezza età rispetto agli altri gruppi demografici negli ultimi dieci anni.

Il secondo studio del novembre 2015, "Più felicità per i giovani e meno per gli adulti maturi: Differenze del periodo di tempo nel benessere soggettivo negli Stati Uniti, 1972-2014", è stato pubblicato sulla rivista Social Psychological and Personality Science . In un comunicato stampa, l'autore principale e collega blogger di Psychology Today , ha detto Jean Twenge,

"La cultura americana ha sempre più enfatizzato le grandi aspettative e il seguire i tuoi sogni – cose che si sentono bene quando sei giovane. Tuttavia, l'adulto medio maturo ha capito che i loro sogni potrebbero non essere soddisfatti, e meno felicità è il risultato inevitabile. Gli adulti maturi nelle epoche precedenti non si sarebbero aspettati così tanto, ma le aspettative ora sono così alte che non possono essere soddisfatte. "

Dopo aver letto delle scoperte di Twenge, le ho mandato un'email per chiedere se avesse visto una correlazione tra questi due studi del novembre 2015. Nella sua risposta via email a me, Twenge ha scritto,

"È così divertente che tu parli dello studio dei bianchi americani che muoiono giovani, perché anche questo è stato il mio primo pensiero: scommetto che l'aumento della mortalità e l'aumento dell'infelicità hanno le stesse radici. Poi, quando ho letto il giornale e ho visto che la mortalità era principalmente causata dal suicidio e dall'abuso di sostanze stupefacenti, sono diventato ancora più convinto. Come hai visto nel mio blog, penso che le maggiori aspettative e la rottura delle relazioni della nostra cultura individualistica siano i principali colpevoli ".

Nella mia email, ho scritto a Jean Twenge: "Questo è un problema così complesso e importante per così tante persone. Sono ottimista sul fatto che il benessere soggettivo (SWB) non sia mai scolpito nella pietra. Come pensi che qualcuno con più di 30 anni e infelice, come riflesso dal basso benessere soggettivo, possa trasformare la sua vita in giro e creare una spirale ascendente di emozioni positive e benessere? "In risposta, Twenge ha detto,

"Certo, non posso pretendere di avere soluzioni facili al problema. Penso che la ricerca sulla gratitudine sia puramente informativa, suggerisce di concentrarsi su ciò che si ha invece di ciò che non si ha e di scrivere una "lettera di ringraziamento" a qualcuno che ti ha aiutato. Prendere degli impegni nei rapporti è anche un buon consiglio: abbiamo bisogno che le altre persone siano felici, contrariamente al mantra moderno di "non hai bisogno di nessun altro per renderti felice". E la mia amica Sonja Lyubomirsky, che è co-autrice del giornale, ha molte soluzioni nel suo libro The How of Happiness . "

Conclusione: il potere di concentrarsi sulla prossima generazione nella mezza età

Hai avuto una crisi di mezza età? Pensi di averne uno adesso? Se non sei più un giovane adulto, come hai affrontato la transizione dalla gioventù alla mezza età?

Sono nato nel 1966 e quest'anno compirò 50 anni. Statisticamente, questo mi mette oltre il punto intermedio tra la mia nascita e la mia morte. Fortunatamente, ho evitato di avere una vera crisi di mezza età. Ringrazio la mia tranquilla transizione verso la mezza età con la decisione di reinventarmi e di riadattare le mie priorità quando ho compiuto 40 anni, basandomi sulle fasi dello sviluppo psicosociale di Erik Erikson.

Erik Erikson era uno psicologo dello sviluppo e uno psicoanalista che tra le altre cose coniò le frasi "crisi dell'identità" e "generatività". Erikson descriveva la generatività come "una preoccupazione per stabilire e guidare la prossima generazione". Tra i 40 ei 65 anni, Erikson abbiamo teorizzato che tutti noi affrontiamo la domanda esistenziale: "Posso rendere la mia vita conto?" e ​​la crisi psicosociale della "generatività contro la stagnazione". Personalmente, ho trovato estremamente utile la struttura di Erikson sia come genitore che come qualcuno che era molto suscettibile ad avere una debilitante crisi di mezza età.

Si spera che la saggezza di Erikson sull'importanza di passare da una mentalità del "tutto su di me" a una mentalità e priorità basate sulla generosità, la generosità e la gratitudine ti aiuterà a evitare anche una crisi di mezza età.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "Lavoro, amore, gioco: hai un sano equilibrio interiore?"
  • "The Dark Side of Mythic Quest e lo spirito di avventura"
  • "Esperienze di punta, disillusione e potenza della semplicità"
  • "Ama quello che fai, versa il tuo cuore dentro e avrai successo"
  • "L'eccessiva durata dello schermo indebolisce lentamente la resilienza dei nostri bambini?"
  • "Discutendo 'Gioventù' Jane Fonda Touches su" Superfluidità ""
  • "7 modi per creare una spirale ascendente di emozioni positive"
  • "Il potere del timore: un senso di meraviglia promuove la gentilezza amorevole"
  • "Il tuo cervello può essere addestrato per autoregolare il pensiero negativo"
  • "Piccoli atti di generosità e la neuroscienza della gratitudine"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "5 motivi per cui la teoria della "crisi di mezza età" può essere un mito"