5 modi vincenti e come farli funzionare per voi

La competizione è una parte intrinseca delle nostre vite quotidiane. Che si tratti di una conversazione online di Words with Friends con il tuo amico più vicino o di una corsa fino alla fine in una maratona di maratona 5K, molti di noi amano il brivido di cercare una vittoria. Anche se non ti consideri particolarmente orientato alla competizione, è probabile che se esaminerai il tuo comportamento quotidiano, scoprirai che competi molto più di quanto tu possa realizzare. Forse proverai a vedere se puoi essere il primo in fila per i biglietti del cinema, o il primo a iscriversi per un'offerta a tempo limitato. Forse ti diverti anche solo a provare il brivido di battere la macchina accanto a te mentre ti allontani da un incrocio o il primo ad attraversare la strada tra un branco di pedoni. La competizione non deve avere la "C" maiuscola per qualificarsi come una forma di mettersi contro di qualcun altro o, addirittura, di se stessi.

Sfortunatamente, per molte persone il brivido della competizione è eguagliato solo dall'agonia della possibile sconfitta. Invece di godersi la fretta di provare a battere un avversario, diventano sopraffatti dalla paura di arrivare in seconda, terza o ultima posizione. Quando si trovano in una situazione competitiva che non possono evitare, come dover provare per un nuovo lavoro o anche un gioco di softball del quartiere, provano ansia, preoccupazione e insicurezza. Come risultato di sperimentare queste emozioni, trovano difficile esibirsi al loro massimo, e quindi confermare le loro peggiori paure – che non potranno mai vincere.

Probabilmente hai familiarità con il fatto che anche atleti e musicisti superstar possono sperimentare un'ansia da prestazione paralizzante. Non tutti si sentono in questo modo. Alcuni artisti apprezzano il brivido di essere sul palco o sul campo di gioco. Altri ancora sentono un complesso mix di emozioni. Gli artisti di successo sanno che devono usare le loro emozioni a proprio vantaggio, o la loro carriera è condannata.

Un team di ricercatori francesi guidati da Guilluame Martinent all'Università di Lione ha deciso di esplorare i sentimenti complessi che le persone provano quando entrano in competizioni sportive. Hanno intervistato un gruppo altamente elitario di 11 giocatori francesi di ping-pong che sono stati registrati su video mentre giocavano durante una partita. Le interviste si sono svolte poco dopo le partite mentre i giocatori si guardavano sul video. Questo metodo ha permesso ai ricercatori di scoprire come si sentivano i giocatori in ogni punto del gioco. Di conseguenza, i ricercatori non hanno dovuto fare affidamento sulla memoria, che è notoriamente inaffidabile quando sono coinvolte le emozioni. Potrebbero anche valutare le emozioni durante la partita, non solo a un certo punto. Nelle loro analisi, hanno confrontato le emozioni "single point" (vissute contemporaneamente) con le emozioni "multiple point", quelle che trasportavano due o più scambi di punti.

Sebbene in genere pensiamo che le emozioni si verificano una per una, Martinent e il suo team credono che le persone possano sperimentare più di un'emozione alla volta. La tua esperienza emotiva, in altre parole, è una miscela di tutti i sentimenti che ti irrompono contemporaneamente in una data situazione. Molte persone provano ansia prima di entrare in una competizione, ma questo non significa che non possano provare anche speranza, gioia e piacere. Per fare gli stessi psichiatri, alcuni concorrenti rifiutano di parlare con i loro avversari e, nel processo, accumulano i loro sentimenti di rabbia. I concorrenti possono anche provare rabbia verso se stessi. È la sensazione che provi quando ti maledici internamente per un errore incauto che ti fa perdere una partita, o peggio, essere il "Charlie Brown" della tua squadra e deludere i tuoi compagni di squadra.

Come ti senti è importante quando gareggi, ma alla fine quello che conta davvero è se i tuoi sentimenti ti aiutano o ti ostacolano. La tua rabbia nei confronti del tuo avversario indebolirà la tua performance, causandoti irrazionale e sciatto? In alternativa, la rabbia ti licenzierà e ti consentirà di colpire con precisione feroce e infallibile? Partiamo dal presupposto che l'ansia è debilitante, ma è troppo poco per farti riposare sugli allori e perdere per mancanza di sforzo?

Non importa quanto tu sia talentuoso, sono le emozioni che senti durante la competizione che spesso fanno le differenze tra una vittoria e una perdita. A parità di condizioni, i giocatori che hanno il controllo delle proprie emozioni – i professionisti raffinati – saranno quelli che emergeranno come vincitori. Esposizioni stravaganti, eccessivamente istrioniche possono vendere i biglietti per il gioco, ma lo faranno per giocatori irregolari che finiscono per perdere quando vengono premiate le medaglie (o i contanti) dei campionati. Possono anche essere più probabilità di essere penalizzati per tali azioni antisportive come fare il tifo per la palla nel calcio americano o per eseguire una raffinata schiacciata nella pallacanestro mentre pendono dal cerchio.

I giocatori nello studio Martinent hanno vissuto non 1, non 2, e nemmeno 3, ma un totale di 12 emozioni diverse durante il corso della loro partita di ping-pong. Queste emozioni coprivano la gamma dai sentimenti negativi di ansia e rabbia per il senso positivo di gioia e persino di serenità. Di tutte e 12 le emozioni, i giocatori avevano più probabilità di sperimentare la rabbia auto-diretta. Se hai mai giocato anche a un gioco casuale di ping-pong, questo è comprensibile. Quel piccolo globo di plastica bianca ti spara oltre, e mentre sventoli impotente la tua pagaia, tutto quello che puoi pensare è quanto sei frustrato che non potresti raggiungerlo in tempo. I giocatori non erano arrabbiati con la palla o con la pagaia ("rabbia orientata alle cose"); erano pazzi di se stessi. Tuttavia, da vicino la rabbia auto-valutata è stata l'emozione positiva della gioia. È quella meravigliosa euforia che provi quando vedi quella piccola palla oltrepassare il tuo avversario che ora è quello che dondola impotente la pagaia nell'aria vuota.

Quando si esaminava più di uno scambio di punti, i giocatori potevano anche sperimentare una miscela di emozioni piuttosto che una sola alla volta. Queste combinazioni includevano una miscela di due emozioni come rabbia auto-orientata e delusione, scoraggiamento e disgusto, rabbia e ansia auto-orientate. Alcuni giocatori hanno provato fino a quattro emozioni nel corso di due o più scambi di colpi. Chiaramente, l'esperienza di giocare uno sport altamente competitivo fa emergere una serie complessa di reazioni emotive.

Non tutte le emozioni sono uguali per aiutare a ostacolare la tua capacità di competere. Nello studio Martinent, molti giocatori sentivano di poter ignorare le loro reazioni emotive in qualsiasi momento mentre si concentravano sullo scatto. I giocatori erano meno in grado di affrontare le proprie emozioni negative quando persistevano nel corso di diversi colpi all'interno del gioco, tuttavia: il 34% ha affermato che le loro emozioni li hanno aiutati a ottenere risultati migliori. Nel doppio dei casi, però, i giocatori sentivano che le loro emozioni diminuivano la loro capacità di segnare. Le emozioni più utili erano la serenità, la speranza e la gioia e il più debilitante era lo scoraggiamento e la rabbia auto-diretta che persisteva su più punti. Le emozioni di sollievo, orgoglio e delusione non hanno avuto alcun effetto sulle prestazioni. A seconda della situazione, i giocatori sentivano che le emozioni negative dell'ansia e della rabbia auto-diretta (oltre un singolo punto mancato) potevano aiutare o ostacolare la loro performance.

Questo studio evidenzia la complessità delle nostre reazioni emotive nel corso di una situazione competitiva. Mostra anche che è importante monitorare le proprie emozioni. Puoi arrabbiarti o essere ansioso se le cose non vanno per la tua strada, ma se ti preoccupi di queste emozioni negative, alla fine implodi e la tua performance ne risentirà.

Come puoi imparare a usare le tue emozioni per aiutarti a darti un vantaggio competitivo? Lo psicologo della University of Hull Adam Nicholls e collaboratori hanno studiato le reazioni emotive di oltre 550 atleti competitivi prima e dopo una partita, nonché i modi in cui gli atleti affrontano le loro emozioni. Il risultato chiave di questo studio non è stato solo il modo in cui gli atleti si sono sentiti, ma quello che hanno fatto per usare le loro emozioni per aiutarli a sentirsi meglio con le loro prestazioni. Considerando la situazione come una sfida piuttosto che come una minaccia, potrebbero radunare le loro risorse emotive e concentrarsi sul gioco. Le emozioni negative, al contrario, li hanno portati a utilizzare diversi metodi di coping che li hanno indotti a ritenere che le loro prestazioni si deteriorassero. Questi metodi di coping comprendevano arrendersi, sfogare la loro rabbia e distrarsi mentalmente dal gioco.

In sintesi, per avere successo nella competizione, in qualsiasi forma tu lo incontri, puoi beneficiare di queste 5 strategie:

  1. Guarda la situazione come una sfida, non come una minaccia. La metà della battaglia in una competizione sta guardando la situazione in una luce positiva. Come ha dimostrato lo studio Nicholls, l'ansia dipende dal modo in cui giudichi la concorrenza. Vedere la situazione come una sfida ti aiuterà a mettere in risalto la tua eccitazione e a calmare la tua ansia.
  2. Pensa, non sentire. I giocatori di ping-pong di maggior successo sono riusciti a superare il loro gioco senza lasciare che le loro emozioni si intromettessero. Durante una competizione, più ti concentri sui tuoi sentimenti, buoni o cattivi, meno sarai in grado di focalizzare la tua energia fisica e mentale su ciò che devi fare per vincere.
  3. Lascia andare i tuoi errori. Non puoi sempre impedirti di sentirti arrabbiato per i tuoi errori. Tuttavia, è necessario superare quella rabbia e frustrazione il più presto possibile. Usa la tua energia mentale per prendere il colpo successivo, fare la prossima mossa vincente, o andare a quella nota successiva nella tua performance.
  4. Approfitta dei metodi di coping positivi. Non esiste un metodo di coping migliore per ogni situazione. Tuttavia, nelle competizioni, stai meglio impegnando i metodi di coping che ti aiutano a focalizzarti sull'attività piuttosto che sui tuoi sentimenti di delusione o frustrazione. Questi metodi di coping positivi includono immaginarti come un successo, rilassare e mobilitare le tue risorse mentali e fisiche . A volte, puoi trarre vantaggio dal cercare un sostegno sociale dalle persone più vicine a te.
  5. Goditi i tuoi successi e impara dai tuoi fallimenti. Hai vinto, quindi assapora il momento! L'orgoglio, la gioia e la serenità sono emozioni a vantaggio sia a breve che a lungo termine. Se hai perso, analizza la tua performance obiettivamente. Potresti essere scoraggiato e frustrato, ma per prepararti alla prossima competizione, devi analizzare cosa hai sbagliato e provare a risolverlo. Se hai fatto del tuo meglio e semplicemente perso per cattiva sorte o per essere fuori da un giocatore migliore, non picchiarti. Potresti preferire ottenere l'oro per la medaglia d'argento, ma qualcuno deve vincere, e se non sei tu, sentiti felice per la persona che l'ha fatto.

Con questi metodi di coping nel tuo arsenale, non avrai solo maggiori probabilità di riuscire, ma sentirai meglio l'esperienza. Che i giochi inizino!

Seguimi su Twitter @swhitbo per aggiornamenti quotidiani su psicologia, salute e invecchiamento . Sentiti libero di unirti al mio   Facebook   gruppo, "Adempimento a qualsiasi età", per discutere del blog di oggi o per porre ulteriori domande su questo post.

Copyright Susan Krauss Whitbourne 2012

Riferimenti:

Martinent, G., Campo, M., & Ferrand, C. (2012). Uno studio descrittivo del processo emotivo durante la competizione: natura, frequenza, direzione, durata e co-occorrenza di emozioni discrete. Psicologia dello sport e dell'esercizio , 13 (2), 142-151. doi: 10.1016 / j.psychsport.2011.10.006

Nicholls, AR, Polman, RJ, & Levy, AR (2012). Un'analisi del percorso di valutazione dello stress, emozioni, coping e soddisfazione delle prestazioni tra gli atleti. Psicologia dello sport e dell'esercizio , 13 (3), 263-270. doi: 10.1016 / j.psychsport.2011.12.003

Solutions Collecting From Web of "5 modi vincenti e come farli funzionare per voi"