5 modi per trovare il significato nella vita dopo le avversità

Siamo produttori di significato. Ci piace che le cose abbiano un senso. Crediamo nelle religioni che forniscono un resoconto del perché il mondo è così com'è. Perseguiamo obiettivi che si adattano alle nostre concezioni di noi stessi nel mondo. Preferiamo persino cose che "hanno senso" per cose che non lo sono: per esempio, un pennarello con una singola penna di ogni colore, in contrapposizione a un set con una penna rossa extra (cioè, l'insieme a sinistra invece di al set sulla destra, anche se quello a destra ha più penne in totale).

Sarah Cotterill
Fonte: Sarah Cotterill

Ma cosa succede quando le cose non hanno senso? Quando il senso del senso nella vita viene messo a repentaglio dopo, ad esempio, un evento traumatico o inaspettato? Dopo una sparatoria di massa, o la morte di una persona cara, o una diagnosi pericolosa per la vita?

Quando il significato è già lì – quando il mondo sembra già avere un senso – non c'è bisogno di usare le nostre risorse cognitive per cercarlo. Ma quando il significato non viene da noi senza sforzo, usiamo lo sforzo per trovarlo .

Gli eventi traumatici innescano una ricerca più deliberata di significato proprio perché spesso non si adattano alle proprie visioni esistenti del mondo o del proprio senso del sé nel mondo.

E gli psicologi hanno saputo per molti decenni che le persone trovano l'esperienza della dissonanza – quando le cose non si adattano nella nostra mente – angoscianti. Ad esempio, non ci piace quando i nostri atteggiamenti non sono allineati con i nostri comportamenti (ad esempio "le patatine fritte fanno male a me, ma le mangio ancora") – al punto che tipicamente cambiamo i nostri atteggiamenti (es. , "Ho letto da qualche parte che la patata ha avuto un brutto colpo"), oi nostri comportamenti (ad esempio, smettere di mangiare le patatine fritte del tutto).

Lo stesso vale per gli eventi che scuotono le nostre visioni del mondo – può essere spaventoso e scomodo pensare che il mondo forse non lo è come lo immaginavamo. E la letteratura indica alcune strategie che usiamo (consciamente o inconsciamente) per risolvere queste discrepanze – per far sì che il disagio svanisca.

Ecco cinque esempi:

1. In primo luogo, spesso ricostruiamo il significato dell'evento per adattarlo alle nostre visioni del mondo esistenti, ciò che viene chiamato assimilazione.

Ad esempio, all'indomani della diagnosi del cancro, Jimmy Carter, un uomo devotamente religioso, ha fatto affidamento pubblicamente sulla sua fede per aiutarlo a dare un senso alla sua malattia – quella che lui definisce la sua "ultima avventura nella vita". E un membro della la sua congregazione di chiesa ha detto questo sul suo cancro: "Quando ti trovi in ​​una situazione difficile e non sai quale sia il piano di Dio, dovresti inchinarti il ​​ginocchio".

La parte cruciale qui è che il cancro non ha causato a Carter e ai suoi amici di rivedere la loro fede, anzi, sembra averlo approfondito. Sperano di capire in che modo il cancro si inserisce nel piano della sua vita.

2. Inoltre, cambiamo spesso le nostre visioni del mondo per tenere conto dell'evento, quello che viene chiamato alloggio.

Potremmo concludere, ad esempio, che mentre c'è molto bene intorno a noi, il mondo non è prevedibile come vorremmo credere. Ciò non significa che dobbiamo adottare una mentalità pessimistica. Piuttosto, riconoscere semplicemente che nel mondo ci sono il bene e il male potrebbe significare che quando il cattivo si presenta, non genera la stessa dissonanza. (Per inciso, sappiamo anche che gli aspetti del cervello rispondono più fortemente alla sorpresa rispetto alla quantità effettiva di "cattiveria" racchiusa in un dato evento: l'evento negativo che, in qualche misura, ti aspetti non è tanto spiacevole quanto lo stesso evento che non vedi arrivare).

3. Ci impegniamo in quello che viene chiamato confronto sociale, ricordando a noi stessi che, per certi aspetti, potremmo essere ancora meglio di molte persone nel mondo. Jimmy Carter ha anche detto, seguendo la sua diagnosi, "Ho vissuto una vita molto bella." In tal modo, sembra implicare che ci sono altri che sono stati meno fortunati a questo punto – sia un sentimento "prosociale", sia uno che forse gli ha permesso di sentirsi più in pace con la sua diagnosi.

4. Ci impegniamo persino a confrontarci con noi stessi. Potremmo sottolineare il fatto che abbiamo evitato i risultati anche peggiori di quelli che ci sono stati trattati, ad esempio i tumori che potrebbero essere stati scoperti in fasi successive o gli incidenti che avrebbero potuto essere più gravi.

5. Spesso "rivalutiamo" l'evento: potremmo cercare i rivestimenti d'argento, per vedere se riusciamo a trovare qualcosa di buono che è venuto fuori da una cosa negativa. Ad esempio, è normale sentire le persone (me compreso) dire che un certo evento traumatico ha permesso loro di avvicinarsi con i loro amici e familiari.

Attraverso questi processi, spesso ripristiniamo e talvolta miglioriamo anche il senso del significato nella vita.

Oliver Sacks, sull'apprendimento della sua diagnosi di cancro, ha scritto sul New York Times: "Negli ultimi giorni, ho potuto vedere la mia vita come da una grande altitudine, come una sorta di paesaggio e con un senso più profondo della connessione di tutte le sue parti. Questo non significa che io abbia finito con la vita. Al contrario, mi sento intensamente vivo, e voglio e spero nel tempo che rimane per approfondire le mie amicizie, per dire addio a quelli che amo, per scrivere di più, per viaggiare se ho la forza, per raggiungere nuovi livelli di comprensione e intuizione. "

L'idea che un maggiore benessere possa derivare da un trauma è ripresa in letteratura su quella che viene chiamata crescita post-traumatica e sarà l'argomento di un post successivo!

Heintzelman, SJ, King, LA Significato nella vita e nell'intuizione. Journal of Personality and Social Psychology, 110 (3), 477-92.

Chater, N., & Loewenstein, G. (2016). La guida poco apprezzata per la creazione di senso. Journal of Economic Behaviour & Organization, 126, 137-154.

Karlsson, N., Loewenstein, G., McCafferty, J., 2004. L'economia del significato. Nordic Journal of Political Economy, 30 (1), 61-75.

Festinger, L. (1962). Una teoria della dissonanza cognitiva (Vol. 2). Stanford University Press.

Park, C. (2010). Rendere sensato il senso della letteratura: una revisione integrativa della creazione di significati e dei suoi effetti sull'adattamento a eventi di vita stressanti. Psychological Bulletin, 136 (2), 257-301.

Fiorillo, CD, Tobler, PN, e Schultz, W. (2003). Codifica discreta della probabilità di ricompensa e incertezza dei neuroni della dopamina. Science, 299 (5614), 1898-1902.

Sacks, O. (2015, 19 febbraio). La mia stessa vita. Il New York Times. Estratto da http://www.nytimes.com/2015/02/19/opinion/oliver-sacks-on-learning-he-ha…

(C) Sarah Cotterill. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "5 modi per trovare il significato nella vita dopo le avversità"