5 modi per (finalmente) risolvere i conflitti nelle tue relazioni

"Quindi sto pensando di invitare i miei genitori a cena questo fine settimana", dice Ann.

"Veramente? Di nuovo? "Sospira Jake. "Non erano qui solo un paio di settimane fa?"

"In realtà era tre settimane fa. Qual è il grosso problema? Mi piace vedere i miei genitori. Non parli mai nemmeno con i tuoi. "(Ann si sta facendo impazzire)

"Che ne pensi di non iniziare, ok?" Scatta Jake. "L'ultima volta che i tuoi genitori erano qui, loro …"

Probabilmente puoi già dire che questa discussione non finirà bene.

Bernd Leitner Fotodesign/Shutterstock
Fonte: Bernd Leitner Fotodesign / Shutterstock

Se hai mai lavorato con un buon venditore al momento dell'acquisto di un'auto o di un elettrodomestico, c'erano due cose che li rendevano efficaci nel loro lavoro. Il primo, che probabilmente avete notato, è che ha ascoltato quello che stavate dicendo e chiedendo, in modo che potessero guidarvi nella giusta direzione.

L'altra cosa che probabilmente ha fatto il venditore, che potresti non aver catturato, è stata stare al passo con te . Quando ha accennato al fatto che una macchina in particolare costava qualche centinaio di dollari, ma ha una funzione di sicurezza laterale, e ti ha visto scuotere leggermente la testa, probabilmente si è fermata e ha chiesto cosa ne pensavi di questa funzione di sicurezza, o ti indicava un'auto senza di essa nella vostra fascia di prezzo.

L'arte di vendere implica ottenere risposte positive dal cliente lungo tutta la negoziazione e il tono. Eventuali obiezioni che passano inosservate o non indirizzate possono portare a un cliente che dice "ci penserò", quando è il momento di chiudere l'accordo.

Rimanere in una fase di blocco – per essere in grado di contrastare la resistenza quando si presenta – è importante quando si fa ciò che si chiama vendita non commerciale , come cercare di persuadere il proprio partner ad aiutare di più con i bambini prima di coricarsi. Oppure, in una situazione come quella di Ann, spingere la sua compagna ad accettare che i suoi genitori vengano a cena.

Nel mondo della terapia si parla molto di contenuti e processi . Ann e Jake si mettono nei guai facendo ciò che la maggior parte di noi fa istintivamente: quando percepisci qualche resistenza, il tuo prossimo passo è aumentare le prove (il contenuto ), e mentre le tue emozioni aumentano, impili ancora di più fatti per rendere il tuo caso. Il problema è che anche l'altra persona si sta arrabbiando e accumula la sua serie di fatti, che nessuno di voi è in grado di elaborare perché i vostri cervelli emotivi hanno chiuso quelli razionali. Invece, in questa situazione dovresti concentrarti sul processo, non sul cosa ma sul come; l'emozione e il flusso della conversazione.

Ecco come farlo in cinque passaggi:

1. Fermati non appena incontri resistenza.

Non appena Jake dice "Aw …." E fa un sospiro, Ann dovrebbe sapere che c'è un problema nella stanza, e che il problema non sono più i genitori e la cena, ma le emozioni di Jake. Ann ha bisogno di resistere all'impulso di cambiare idea diventando lei stessa più insistente ed emotiva e accatastando fatti. L'obiettivo primario dovrebbe essere quello di spegnere il fuoco emotivo che sta iniziando.

2. Chiedi e ascolta.

Per esempio:

"Jake, sembra che tu pensi che questa non sia una buona idea. Cosa ti infastidisce di questo? "

"I tuoi genitori erano solo qui."

3. Scopri il problema sotto il problema.

La reazione negativa che stai ascoltando è l'esito o la cattiva soluzione, non il problema . Il tuo prossimo passo è scoprire il problema sotto il problema . Qui un venditore può dire: "Ho appena notato che scuoti la testa. Cosa ti infastidisce di questo? È il prezzo o non sei sicuro di aver bisogno di questa funzione? "

Ann può fare lo stesso a casa: "Cosa ti preoccupa per i miei genitori che vengono di nuovo?" Qui può scoprire che Jake ha altri piani per il weekend, che è arrabbiato per qualcosa che il padre di Ann ha detto l'ultima volta, o forse che Jake si risente Ann sembra aver controllato il loro orario del fine settimana. Se Jake ha difficoltà ad aprirsi, può porre domande importanti come "Hai altri piani per il weekend?"

4. Parla di come risolvere il problema sotto il problema.

Questo è il prossimo passo logico. Se Jake ha altri piani, possono aggirarli? Se il suocero di Jake ferisce i suoi sentimenti, ha bisogno di dire qualcosa a riguardo prima che lui lo ritrovi di nuovo? O c'è un modo in cui Ann può aiutarti? Se si tratta di Ann che sembra avere il controllo del loro tempo, possono avere una conversazione al riguardo? Non si tratta di arrendersi ad Ann o Jake, ma riguardo a entrambi raggiungono un accordo reciprocamente soddisfacente.

5. Controlla la tua voce e le tue emozioni.

Questa è la chiave e dovrebbe essere fatta durante tutta la conversazione, ma è anche la parte più dura. Sono i nostri segnali non verbali, incluso il modo in cui suoniamo, che di solito innescano la rabbia degli altri. Quindi, suono calmo . Se ti stai arrabbiando e non puoi impedirlo, fermati e fai una pausa. Cerca solo di risolvere i problemi quando sei calmo e non emotivo.

I tuoi takeaway

Spegni il fuoco dell'emozione ascoltando e non alimentandolo con i fatti. Rimanere nella fase di blocco e affrontare le obiezioni non appena si presentano. E non andare avanti fino a quando non ottieni un solido sì.

So cosa stai pensando: è facile da dire e difficile da fare. Ma una buona comunicazione è un'abilità che può essere appresa. Se è difficile farlo con il tuo partner perché tieni facilmente i pulsanti l'uno dell'altro, inizia praticando le tecniche con sfide più semplici: persone al lavoro, i tuoi figli o venditori. Cerca di concentrarti sul processo, non sul contenuto, in modo da non perderti nei dettagli e nel rendere il tuo caso.

È tutta una questione di pratica.

Solutions Collecting From Web of "5 modi per (finalmente) risolvere i conflitti nelle tue relazioni"