5 modi per aiutare i bambini dopo un disastro

Con la Global Humanitarian Conference programmata per iniziare lunedì a Istanbul, e gli incendi che continuano a sfuggire al controllo appena fuori Fort McMurray Alberta, dobbiamo riflettere su cosa possiamo fare per attutire l'impatto delle crisi naturali e provocate dall'uomo sui bambini. Elhadj As Sy, segretario generale della Federazione internazionale delle società della Croce rossa e della Mezzaluna rossa ci ricorda che dobbiamo essere più proattivi. I partecipanti alla conferenza di Istanbul potrebbero realizzare ben poche promesse vaghe, ma è urgente la necessità di strategie concrete per aiutare i più vulnerabili tra noi (bambini). Anche le compagnie di assicurazione lo capiscono. Man mano che aumenta il numero delle dimensioni dei disastri, è ora che iniziamo a pensare alla resilienza delle nostre famiglie, scuole e comunità e come possono attenuare l'impatto di eventi potenzialmente traumatizzanti nella vita dei bambini.

Facciamo un esempio di azione appropriata. Scortato da un mio collega della Kanto Gakuin University di Yokohama, nel Giappone, il dott. Keji Akiyama, di recente sono stato nell'area colpita dallo tsunami del nord del Giappone, vedendo in prima persona come il loro governo e le ONG hanno affrontato il grande numero di bambini orfani. Poiché lo tsunami ha colpito a metà giornata, i bambini erano a scuola e la maggior parte delle scuole aveva protocolli di evacuazione sul posto. In molti casi, i genitori dei bambini non erano così fortunati. Molti di loro vivevano e lavoravano nella pianura alluvionale. L'onda di 11 metri ha distrutto intere città, lavando in mare decine di migliaia di persone. I bambini sono tornati a casa in case vuote o distrutte, senza un adulto che si prendesse cura di loro. La cosa notevole della risposta giapponese è stata la rapidità con cui i bambini sono stati reinsediati con i parenti e con quale efficienza le famiglie hanno ricevuto alloggi temporanei di buona qualità, ciascuna unità di circa 40 metri quadrati (circa 400 piedi quadrati). Altrettanto importante, quando possibile, i bambini sono stati tenuti nelle loro stesse comunità e, in effetti, sono tornati alle loro stesse scuole con gli stessi coetanei.

Mentre tutto ciò è stato impressionante, è stato proprio quello che hanno fatto le ONG a catturare la mia attenzione. In Giappone, la normale routine di un bambino è di frequentare la scuola durante il giorno e poi di seguire programmi di insegnamento la sera. Questo, a quanto pare, non solo diventa la vita sociale di un bambino, ma offre anche la speranza di arrivare al college e un futuro sicuro che renderà orgogliosi i propri genitori. Pensando a ciò di cui i bambini avevano bisogno, le ONG hanno istituito un gran numero di programmi di doposcuola, tutti pieni zeppi di bambini che sembravano abbastanza contenti di allontanarsi dai loro caregivers e da quelle piccole case temporanee e tornare a una routine normale. Quando chiesi al dottor Akiyama se le ONG fornivano anche programmi ricreativi e altri interventi comuni per i bambini post-disastro in Nord America, mi guardò e aggrottò le sopracciglia.

"Perché Mike," disse, "vorremmo che i nostri figli perdessero tempo a giocare?"

Mentre quello era, pensai, una cosa molto giapponese da dire, mi ricordò che i bambini post-disastro hanno bisogno di sentire che le loro vite stanno tornando alla normalità. In Giappone ciò significava un ritorno a scuola e creava speranza per il futuro sulla base dell'istruzione.

Tristemente, tali schemi sono troppo spesso ignorati. Molti bambini sono rimasti fuori dalla scuola per mesi e mesi dopo l'uragano Katrina. E ai rifugiati siriani che vivevano nei campi in Libano è stato negato l'accesso all'istruzione o opportunità di integrazione. Perdiamo il potenziale di un'intera generazione quando fraintendiamo il bisogno di un bambino per la normale routine e struttura. Infatti, quando ai bambini viene data una routine che ha senso per loro, ci sono molte prove che evitano gli effetti debilitanti di eventi potenzialmente traumatizzanti.

Quindi, allora, cosa avranno bisogno i bambini dopo gli orribili incendi a Fort McMurray nel nord dell'Alberta? I miei colleghi come il dott. Robin Cox, direttore del laboratorio di ricerca ResilienceByDesign della Royal Roads University, si concentrano sul miglioramento della capacità di adattamento delle comunità. In altre parole, il suo team ha capito cosa devono fare le comunità prima e dopo una crisi per recuperare rapidamente. Tra le prime cose che hanno scoperto è che la resilienza del disastro di una comunità non è condivisa in modo uguale da tutti. I più vulnerabili hanno maggiori probabilità di essere colpiti più duramente quando accadono cose brutte. Per affrontare questo problema, dobbiamo adottare un approccio partecipativo bottom up per identificare ciò di cui le persone hanno bisogno. Persino i bambini possono dire a noi di cosa hanno bisogno durante una crisi.

Mi piace pensare che, per progetto o fortuna, coloro che hanno risposto ai bisogni degli orfani giapponesi abbiano capito che i bambini volevano tornare a scuola e avevano bisogno dei supporti necessari per continuare il loro percorso al college. Sì, avevano anche bisogno di consulenza, ma il mondo di un bambino è molto meno complicato di quanto pensiamo. Ecco, quindi, ci sono cinque grandi cose che i bambini richiederanno immediatamente dopo una crisi.

In primo luogo, i bambini devono mantenere le connessioni con coloro che li amano. La continuità delle relazioni è stata conosciuta per proteggere i bambini fin dal Blitz di Londra durante la seconda guerra mondiale. I genitori potrebbero pensare che sia meglio mettere i loro figli con i parenti per un po 'di tempo mentre gli adulti capiscono le cose, ma il nostro istinto di proteggere i bambini dal caos potrebbe effettivamente far loro più male che bene. I mondi dei bambini sono tamponati dai loro caregivers. Finché ci sono ancora pasti, abbracci e storie della buonanotte, la maggior parte dei bambini fa meglio a rimanere con i genitori piuttosto che essere mandati in un posto che noi adulti percepiamo come più sicuri. Senso di colpa e preoccupazione possono perseguitare un bambino quando viene rimosso dai genitori.

Il che mi porta alla seconda cosa di cui i bambini hanno bisogno dopo un disastro. I bambini hanno bisogno che le loro vite diventino più abituali. Quando lo fanno, gran parte del potenziale trauma può essere evitato, o almeno spostato fino a tardi, quando le loro vite sono più tranquille e c'è tempo per addolorarsi. Ho visto questo stesso modello tra gli orfani dell'AIDS in Botswana e giovani senzatetto che corrono da case abusive in Canada. Dare a un bambino routine, struttura e conseguenze ragionevoli, e sopravvive meglio di quanto ci si potrebbe aspettare.

Se le prime due lezioni apprese tengono i bambini in contatto e riportano i bambini alla routine, il terzo è mantenere il senso del posto di un bambino . Il luogo, naturalmente, è di solito fisico, ma può anche essere sia psicologico che sociale. La propria casa è ovunque si è amati e si sente un senso di appartenenza. Lo spazio psicologico nasce dalla sensazione di continuità nella propria identità e cultura. Pensando al disaster recovery come questo, si vede che un bambino ha bisogno di meno psicologi e più coetanei, anziani e mentori se il reinsediamento procede senza intoppi. Sono stato particolarmente colpito dalle comunità in Alberta che hanno accettato gli sfollati residenti a Fort McMurray. In una storia in primo piano, un ragazzo di 14 anni che aveva giocato a calcio per la sua scuola superiore è stato immediatamente offerto un posto in una squadra della scuola che si è iscritto in pochi giorni dopo che la famiglia è fuggita dalla loro casa. Potrebbe aver perso la sua squadra, ma almeno non ha perso quella parte della sua identità che lo ha reso più orgoglioso. Per gli altri bambini, è rimasto con i loro genitori che è stato il fattore più protettivo, o andando a vivere con una famiglia allargata che ha trasformato un disastro in un'opportunità per connettersi con coloro che li amano. In nessun modo tali soluzioni così semplici possono farci trascurare l'incredibile spostamento di stress causato o la perdita della propria casa. Ma fare tutto il possibile per creare una continuità infantile nel senso in cui essi appartengono e chi sono nella loro comunità, li aiuterà ad adattarsi a una situazione orribile.

In quarto luogo, i bambini devono sapere che qualsiasi cosa sia accaduta non è stata colpa loro . Non sono in alcun modo da incolpare per la loro sfortuna. Questo può essere difficile per i bambini, soprattutto se hanno dovuto lasciare gli animali domestici (migliaia di animali sono stati abbandonati mentre le famiglie correvano per le loro vite quando le fiamme hanno inghiottito i sobborghi di Fort McMurray). I bambini devono essere chiari e anche i sentimenti di tristezza, rabbia e persino regressione nel loro comportamento (ad esempio, l'enuresi notturna) sono tutte reazioni perfettamente normali quando si riceve uno shock terribile.

In quinto luogo, i bambini devono partecipare. Hanno bisogno di sentire il controllo sulla loro situazione. Non dovrebbero essere gravati da decisioni che vanno al di là delle loro capacità, ma devono essere offerti una scelta. Durante un disastro, un bambino può improvvisamente sentirsi completamente privo di potere. Sono stati costretti ad accettare che altri diranno loro cosa fare. Da un lato, un ambiente prevedibile con regole fa si che un bambino si senta al sicuro e con la sicurezza viene la resilienza. Ma un bambino ha anche bisogno di provare un certo senso di potere. Non c'è niente di sbagliato nel dare una responsabilità reale a un bambino in un rifugio. Compresi quelli nelle faccende domestiche. Insistendo prendono alcune decisioni per se stessi e ricevono compiti che danno loro una sensazione di realizzazione. La cosa peggiore che possiamo fare è trasformare i bambini in vittime o, peggio, trasformare giovani perfettamente competenti in bambini di cui non ci aspettiamo nulla. I bambini saranno più traumatizzati se maneggiati delicatamente rispetto a quando qualcuno chiederà loro di intervenire e di aiutare con i compiti a portata di mano (purché tali compiti siano appropriati all'età). Se questo significa camminare con il cane, o mantenere i propri effetti personali, scegliere cosa indosseranno il loro primo giorno di scuola, o aiutare con lo shopping, questi sono tutti compiti che anche i bambini più piccoli possono aiutare a decidere.

Questo elenco non è esaustivo, ma fa eco a ciò che i ricercatori hanno detto rende le famiglie e le comunità resilienti. Il recupero non significa terapia. Significa progettare l'ambiente di un bambino per restituirgli una vita normale come possono gestire i loro caregivers.

Solutions Collecting From Web of "5 modi per aiutare i bambini dopo un disastro"