5 modi per affrontare la paura di intimità di un partner

Come terapeuta, sento spesso le coppie lamentarsi che ogni volta che un partner cerca di avvicinarsi, l'altro si allontana. È una realtà dolorosa che l'amore non è sempre facile da dare e ricevere come vorremmo pensare. Molte persone hanno sviluppato difese che le rendono intolleranti per troppo amore, attenzione o affetto. I nostri limiti e insicurezze personali vengono regolarmente interpretati nei nostri rapporti più stretti. Molto spesso, le nostre attuali reazioni (specialmente le nostre reazioni eccessive) sono basate su una programmazione negativa del nostro passato. Nel blog "Perché continui a finire nello stesso rapporto", ho discusso di come e perché formiamo difese che rendono difficile avvicinarsi. In questo blog, voglio offrire alcuni modi per lavorare sul superamento della paura dell'intimità che può esistere nei nostri partner e anche in noi stessi:

Non costruire un caso
Anche se le relazioni possono sembrare un tiro alla fune con uno di noi che lotta per avvicinarsi mentre l'altro resiste, l'impegno nel gioco della colpa non è mai la soluzione. Troppo spesso, costruiamo un caso contro le persone con cui siamo coinvolti. Usiamo i loro difetti contro di loro, catalogando i loro difetti nelle nostre menti fino a quando l'ammirazione lentamente si placa in cinismo. Quando si verifica questa trasformazione, diventiamo molto in sintonia con i tratti meno desiderabili dei nostri partner. Iniziamo a filtrare e distorcere la nostra visione di essi, in modo che si inseriscano nel caso che abbiamo costruito contro di loro. Non riusciamo a vedere i nostri partner così come sono realmente, con punti di forza e con punti deboli. Quando non vediamo tutti gli aspetti di una persona, diventiamo noi stessi deformati. Possiamo agire o comportarci in modi che non approviamo. Al contrario, quando interrompiamo questa tendenza a costruire un caso, possiamo concentrarci su noi stessi e agire in modi che rappresentano veramente chi siamo e come ci sentiamo. Rimanere vulnerabili, aperti e compassionevoli verso il nostro partner può farli sentire al sicuro e permettere loro di avere una possibilità di essere vicini. Essere il nostro migliore è il modo più sicuro per tirare fuori il meglio dai nostri partner.

Guarda noi stessi
Se notiamo che i nostri partner si stanno allontanando in determinati punti, è utile esplorare i modi in cui potremmo contribuire al problema o persino provocarlo. Siate aperti alla realtà che aiutiamo a creare le situazioni in cui ci troviamo. Un buon esercizio è guardare ciò che fa il nostro partner che non ci piace di più, quindi pensate a ciò che facciamo prima. Se un partner non è disposto ad aprirsi, facciamo qualcosa che potrebbe contribuire a chiuderli? Ci arrabbiamo? Distrarsi? Discutiamo con loro cercando di risolvere i loro problemi o dicendo loro cosa fare? Ci lamentiamo con loro? Li estraiamo o li lasciamo sfogare? Possiamo assumere una posizione di forza nel rendere più stretta la nostra relazione cambiando il nostro comportamento. Come psicologo e autore, il dott. Pat Love dice: "Senti i tuoi sentimenti, quindi fai la cosa giusta".

Identificare i modelli
Quando le persone si sentono vicine, reagiscono. A volte queste reazioni sono positive e talvolta negative. Le ragioni di questo sono complesse e hanno molto a che fare con il modo in cui abbiamo imparato a vedere noi stessi e il mondo che ci circonda per tutta la vita. Potremmo rispondere perversamente a un trattamento positivo, perché è in conflitto con i modi negativi a cui siamo abituati a essere visti o correlati. Ovunque queste sfide vengano, possiamo iniziare a superarle identificando schemi e dinamiche distruttive nelle nostre relazioni. Ad esempio, quando il nostro partner si ritira, come rispondere? Forse questa azione crea una certa dose di disperazione dentro di noi, che a sua volta potrebbe lasciarci agire più bisognosi o dipendenti nei loro confronti. I nostri comportamenti angosciati possono rendere il nostro partner più critico, percependoci come deboli o appiccicosi, e possono quindi ritirarsi ulteriormente. In alternativa, la ritenuta di un partner può lasciarci arrabbiati o induriti contro di lui o lei. Possiamo ritirarci in risposta e diventare più freddi nelle nostre azioni. Naturalmente anche questo ci lascerà estraniati ed emotivamente distanti l'uno dall'altro.

Parla di problemi in momenti non riscaldati
Quando i motori sono in subbuglio e gli accordi vengono colpiti, non è sempre il momento migliore per entrare in una conversazione sullo stato della nostra relazione. Tuttavia, una volta che ci siamo calmati e abbiamo tenuto sotto controllo le nostre emozioni, dovremmo avere un dialogo aperto con il nostro partner sui modelli o problemi che osserviamo. Possiamo disegnarli e ascoltare davvero come è stata l'esperienza per il nostro partner. Possiamo anche discutere perché abbiamo reagito nel modo in cui abbiamo agito nell'interazione dolorosa. Possiamo sviluppare la nostra compassione l'uno per l'altro. Possiamo mostrare sincero interesse quando chiediamo ai nostri partner di pensare a cosa li provoca. Possiamo anche chiedere come questa reazione potrebbe essere correlata al loro passato. Avevano un custode invadente che li lasciava come se avessero bisogno di essere sorvegliati? Hanno un genitore manipolatore che li ha lasciati senza parole?

Vedere un terapeuta può essere molto utile per scoprire perché ognuno di noi è sensibile a determinati fattori scatenanti. Possiamo creare connessioni tra eventi passati e tendenze attuali. Ognuno di noi può imparare da dove vengono le nostre auto-immagini critiche e perché ci minaccia di farle contraddire da qualcuno che ci ama. Più comprendiamo noi stessi e cosa guida il nostro comportamento, meglio potremo scegliere le nostre azioni ed essere aperti con i nostri sentimenti; meglio possiamo anche vivere più pienamente nel presente invece di ricreare il nostro passato. Quando due persone in una relazione si conoscono reciprocamente, possono indicare quando l'altra reagisce in modo esagerato senza dare la colpa o costruire un caso.

Non prendere un approccio impotente
Non importa cosa succede nella nostra relazione, è importante non sentirsi senza speranza o che siamo in balia di qualcun altro. Non importa quanto miriamo a essere perfetti, la gente lotta, e quando i nostri partner hanno difficoltà, non dovremmo sempre prenderla sul personale. Possiamo imparare ad essere solidi e sicuri in noi stessi, mantenendo il nostro potere personale e costruendo la nostra capacità di recupero emotivo. Possiamo farlo conoscendo noi stessi e imparando a non reagire ai nostri cari da un luogo infantile o primordiale.

Quando un partner lotta, possiamo imparare ad essere compassionevoli invece di sentirci vittimizzati o cinici. Guarda te stesso per assicurarti di non fare affermazioni che iniziano con "Mi fai …" Da adulti, raramente possiamo essere fatti per fare qualsiasi cosa. Controlliamo il nostro comportamento. Piuttosto, potresti dire "Quando lo fai, sento …" che non dà la colpa, ma invita invece il tuo partner a conoscerti meglio.

Quando si tratta di obiettivi relazionali, il nostro obiettivo principale dovrebbe essere quello di essere gentili e amorevoli, non provocatori o reattivi. Dovremmo essere aperti a lavorare su noi stessi e ad evolvere psicologicamente in modo da poter esprimere i nostri sentimenti in modo maturo e indipendente dalle ferite del nostro passato. Dovremmo cercare di capire meglio e sviluppare più compassione per i nostri partner e noi stessi. Con queste iniziative in mente, le nostre paure di intimità possono ancora esistere, ma saranno fortemente indebolite nel loro sforzo di limitare la nostra ricerca dell'amore.

Maggiori informazioni dalla Dott.ssa Lisa Firestone su PsychAlive.org

Solutions Collecting From Web of "5 modi per affrontare la paura di intimità di un partner"