5 miti su PTSD

KieferPix / Shutterstock
Fonte: KieferPix / Shutterstock

Scossa della conchiglia. Ceppo di guerra. Combattere la stanchezza. Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è stato chiamato molte cose nel corso degli anni, ma cosa è veramente? È una sfortunata afflizione riservata ai soldati e ai rifugiati di guerra? È un violento gremlino rinchiuso in ogni paziente, pronto a scoppiare da un momento all'altro? La forza interiore protegge dal PTSD? La debolezza interiore è un prerequisito?

Sebbene i clinici siano stati consapevoli della realtà del DPTS sin dagli anni '80, molte persone hanno ancora credenze infondate su questo disturbo. Questo articolo esaminerà cinque miti comuni associati a PTSD e perché si sbagliano.

1. Solo i soldati ricevono PTSD.

Quando la maggior parte delle persone pensa al PTSD, immagina veterani di guerra induriti. Mentre il PTSD colpisce comunemente i veterani – il 2stimates che ovunque dall'11 al 30 per cento dei soldati svilupperà PTSD nella loro vita – chiunque può sviluppare il disturbo.

Otto milioni di americani fanno fronte al PTSD ogni anno, molti dei quali non hanno mai prestato servizio militare. Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare PTSD rispetto agli uomini, con un'incidenza di 1 su 10 a vita (gli uomini, al contrario, hanno un'incidenza di 1 su 25.) Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare PTSD a causa di violenza sessuale e abuso sessuale su minori , mentre gli uomini hanno maggiori probabilità di sviluppare il disturbo a causa di incidenti, aggressioni fisiche, disastri naturali e combattimenti.

2. L'esperienza del trauma è sufficiente per sviluppare PTSD.

Sfortunatamente, le esperienze traumatiche sono molto comuni. Secondo il Department of Veterans Affairs degli Stati Uniti, circa il 60 percento degli uomini e il 50 percento delle donne subiscono almeno un trauma nel corso della propria vita. Gli eventi traumatici possono includere violenza sessuale, aggressione fisica, incidenti, pedofilia, combattimento, calamità naturali o morte o lesioni.

La maggior parte delle persone che subiscono un trauma, tuttavia, non sviluppa PTSD. Possono manifestare segni di stress acuto dopo l'incidente, inclusi insonnia, ansia e depressione, ma con il tempo queste persone tendono a riprendersi. Altri, nel frattempo, sperimentano sintomi gravi che durano per diversi mesi se non anni, potenzialmente in grado di diagnosticare PTSD.

3. Le persone con PTSD sono deboli.

Dal momento che non tutti coloro che sperimentano un trauma sviluppa PTSD, questo significa che le persone che sviluppano PTSD sono più deboli di quelle che non lo fanno?

PTSD, come ogni malattia mentale, non è un difetto di carattere. Alcuni individui che sviluppano PTSD possono farlo a causa di una predisposizione genetica al disturbo – non diversamente da una predisposizione genetica alle malattie cardiache. Altri possono sviluppare PTSD perché il trauma che hanno vissuto è stato particolarmente orribile, o perché l'esperienza traumatica è durata a lungo.

Poiché il PTSD è una malattia biologica reale con conseguenze neurologiche reali, nessuno può migliorare cercando semplicemente di essere più sano. Il trattamento professionale non è un'ammissione di sconfitta, ma piuttosto un passo essenziale nel trattamento di una malattia del cervello.

4. Le persone con PTSD sono pericolose.

Molti di noi hanno familiarità con il classico tropo del film – un personaggio con PTSD non riconosce che non è più in guerra e che si scaglia violentemente contro le persone intorno a lui.

In realtà, tuttavia, né la psicosi né l'aggressività sono un sintomo caratteristico del DPTS. Infatti, i sintomi principali associati al PTSD includono:

  • Pensieri intrusivi
  • incubi
  • Difficoltà di concentrazione
  • Evitare pensieri, sentimenti, luoghi e persone associate all'evento traumatico
  • Flashback o la sensazione che l'evento stia accadendo di nuovo
  • ipervigilanza
  • Irritabilità
  • Insonnia
  • Colpa
  • Incapacità di godere dei vecchi hobby
  • Isolamento
  • Umore basso

Sebbene alcuni studi abbiano rilevato che le persone con PTSD sono più inclini alla violenza rispetto alla popolazione generale, questi effetti sono stati eliminati una volta che i ricercatori hanno esaminato fattori confondenti come abuso di sostanze e disturbi psichiatrici concomitanti. Anche senza tener conto di questi fattori, tuttavia, la stragrande maggioranza delle persone con PTSD non violenta – meno dell'8% della comunità PTSD commette comportamenti violenti.

5. PTSD non può essere trattato.

Malattie mentali come il DPTS non possono essere curate, ma possono essere curate.

Ricercatori e clinici hanno scoperto diverse modalità di trattamento che riducono i sintomi associati al PTSD, tra cui la terapia comportamentale cognitiva, la terapia di esposizione prolungata e la terapia di desensibilizzazione del movimento oculare, o EMDR. I farmaci psichiatrici come stabilizzatori dell'umore possono aiutare se la persona ha un sottostante disturbo dell'umore ciclico. Spesso, i farmaci più utili – un tale prazosina (Minipress) – sono quelli che calmano il cervello e l'individuo e permettono il sonno normale senza incubi.

È completamente possibile vivere una vita normale mentre si affronta anche il PTSD. Probabilmente hai incontrato più persone con PTSD nel corso della tua vita, e non l'hai mai nemmeno realizzato.

I fatti, i miti e lo stigma

Dal momento che così poche persone riconoscono le realtà associate al PTSD, le persone che lottano con il disturbo spesso si sentono fraintese – e per una buona ragione. Le persone con PTSD possono resistere a dire ai propri amici o ai propri cari riguardo la diagnosi, per paura che vengano considerate pericolose o instabili. Potrebbero resistere al trattamento, credendo erroneamente che il modo migliore per combattere il DPTS sia semplicemente "essere mentalmente forti".

I miti associati al PTSD creano uno stigma che impedisce ai pazienti di ottenere aiuto, rendendo la disinformazione su questo disturbo non solo errato, ma pericoloso. È vitale che tutti noi capiamo come separare i fatti dai miti quando si tratta di malattie mentali.

Contributo di Courtney Lopresti, MS, Sovereign Health

Solutions Collecting From Web of "5 miti su PTSD"