5 ° giorno: Paula Caplan su pregiudizi in diagnosi psichiatrica

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Paula Caplan

Gli attivisti in quella che viene chiamata la psicologia critica, la psichiatria critica o il movimento antipsichiatrico tendono ad essere d'accordo sul fatto che quella che viene chiamata "diagnosi psichiatrica" ​​è più un gioco linguistico e un gioco di potere che niente di scientifico o di medico. Qui la ricercatrice e attivista Paula Caplan condivide le sue opinioni sulla natura non scientifica della cosiddetta diagnosi psichiatrica.

EM: hai scritto sul tema della parzialità nella diagnosi psichiatrica. Puoi condividere alcuni dei titoli su questo argomento?

PC: Nonostante ciò che è ampiamente creduto, la diagnosi psichiatrica (1) non è scientifica, (2) non porta quasi mai alla riduzione della sofferenza umana, e (3) comporta una vasta gamma di rischi di danno, inclusa la morte. Se non ti diagnosticano, non possono "curarti" o curarti, ma una volta che ti hanno diagnosticato, possono giustificare qualsiasi cosa sulla base del fatto che stanno curando una malattia mentale. La diagnosi psichiatrica è completamente sregolata, rendendola ancora meno regolamentata rispetto alle istituzioni finanziarie che hanno danneggiato l'economia statunitense. Di conseguenza, coloro che sono danneggiati non possono fare ricorso.

Ho organizzato l'archiviazione di nove reclami presso l'American Psychiatric Association (perché pubblica e gode di enormi profitti dal Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali), e li ha licenziati su basi totalmente assurde e senza alcuna attenzione ai loro meriti. L'Ufficio dei diritti civili degli Stati Uniti del Dipartimento della Sanità e dei servizi umani ha fatto lo stesso con le cinque lamentele che ho aiutato a presentare lì. Ciò fornisce una traccia cartacea che dimostra che nessuno sta regolando la diagnosi psichiatrica o sta fornendo riparazione dal danno o cercando di prevenire danni futuri, e nessuno con alcun potere intende farlo. Le cause legali devono essere archiviate per fermare questo.

EM: Hai anche scritto di rammendare la relazione madre-figlia. Cosa a tuo avviso può aiutare a guarire quella relazione?

PC: Comprendendo che nella nostra società ancora sessista, le madri e le figlie sono spesso messe insieme l'una contro l'altra da una serie di miti sulle madri, e la comprensione di quei miti può aiutare a portare alla guarigione delle fratture tra loro. Madri e figlie sono spesso, e hanno il potenziale per essere, i sostenitori degli altri.

EM: Ti interessi in particolare per i problemi dei veterani. Quali sono i tuoi pensieri sulla salute emotiva e mentale dei veterani?

PC: i militari in servizio attivo ei veterani, come molte persone che non hanno prestato servizio militare, sono spesso diagnosticati come malati mentali, mentre in realtà la loro sofferenza è in realtà la manifestazione di risposte comprensibili al trauma (spesso traumi di guerra o traumi da stupro) o altre esperienze sconvolgenti e disorientanti come gli enormi shock culturali che vanno dalla vita civile ai militari e viceversa … con i molti cambiamenti e perdite che questo può comportare. Credo che sia inconcepibile che i terapeuti classifichino tali reazioni come malattie mentali, perché (1) la diagnosi psichiatrica non è scientifica e quasi mai porta alla riduzione della sofferenza, (2) la diagnosi psichiatrica spesso porta le persone in direzioni sbagliate e dannose a cercare di alleviare la sofferenza , allontanandoli dall'enorme varietà di approcci alternativi non patologizzati a basso rischio o senza rischio (come quelli mostrati nei brevi video della conferenza della Harvard Kennedy School, "A Better Welcome Home", che ho organizzato nel 2011), e (3) classificare qualcuno come malato di mente si aggiunge al loro fardello, perché ora viene loro dato il messaggio che c'è qualcosa di strano o inappropriato nelle loro reazioni. Questa è una delle ragioni per cui ho creato The Welcome Johnny e Jane Home Project, in cui qualcuno che non è un veterano ascolta semplicemente un silenzio totale e rispettoso con il 100% della loro attenzione e tutto il cuore per tutto ciò che un veterano (combattente o non combattente) desidera dire.

EM: Quali sono i tuoi pensieri sull'attuale paradigma dominante di "diagnosi e trattamento dei disturbi mentali" e sull'uso dei cosiddetti "farmaci psichiatrici" per "trattare i disturbi mentali" nei bambini, negli adolescenti e negli adulti?

PC: Questo è parzialmente risolto sopra, ma sembra troppo grande per rispondere adeguatamente in un breve spazio. Lasciatemi solo dire quanto segue. I cosiddetti farmaci psichiatrici sono stati mostrati – in particolare nel libro ottimamente studiato di Robert Whitaker, Anatomia di un'epidemia – per aiutare alcune persone a volte, almeno per un po 'e forse più a lungo, ma molto più spesso a causare più danni che benefici. Come Whitaker ha mostrato con i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità e dell'Istituto nazionale di salute mentale, se si confrontano i tassi di remissione e di disabilità a lungo termine tra il momento in cui ciascuna classe di tali droghe è andata sul mercato e al momento attuale, si scopre che il i tassi di remissione sono crollati ei tassi di invalidità a lungo termine sono saliti alle stelle.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

PC: Vorrei raccomandare che per chiunque sia in difficoltà emotiva o mentale, vorrei sapere se vivono e / o lavorano in posti non sicuri e, se lo sono, per aiutarli a uscire. Se sono poveri o sono vittime di violenza o sessismo, razzismo, omofobia, età, classismo o maltrattamento in base al loro aspetto, vorrei assicurarmi che sappiano che il loro turbamento non è una forma di malattia mentale. Prendi in considerazione uno dei 28 diversi approcci non patologici, a basso rischio o senza rischi mostrati in questi brevi video … o altri non inclusi in questo, come il giardinaggio, il canto, la musica o gli amici, un lavoro o un buon posto vivere. (Questi 28 approcci sono stati presentati alla nostra conferenza sui veterani e le loro famiglie, ma tutti sono certamente utili a chiunque.)

**

Paula J. Caplan è psicologa e ricercatrice clinica, attivista e avvocato, pluripremiata sceneggiatrice, drammaturga e sceneggiatrice. Attualmente è associata al DuBois Institute, all'Università di Harvard e ai blog di paulajcaplan.net e Psychology Today. paulajcaplan.net, psychdiagnosis.weebly.com, whenjohnnyandjanecomemarching.weebly.com

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com. Per saperne di più su The Future of Mental Health: Decostruire il Paradigma del Disturbo Mentale visita qui.

Per vedere il roster completo di ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

Solutions Collecting From Web of "5 ° giorno: Paula Caplan su pregiudizi in diagnosi psichiatrica"