5 domande da porre a uno psicologo infantile

James K./Flickr
Fonte: James K./Flickr

Il tuo bambino ha lottato per settimane, mesi, forse anche anni. Forse sono problemi di amicizia. Forse è lo stress della scuola. Forse tuo figlio sembra ansioso o irritabile per la maggior parte del tempo. Forse sei preoccupato per l'umore di tuo figlio. Forse la tua famiglia sta attraversando una transizione difficile e sembra che stia colpendo duramente tuo figlio. Ti stai chiedendo se tuo figlio ha bisogno di parlare con uno psicologo.

Per la maggior parte dei genitori, l'idea di portare il loro bambino a vedere uno psicologo sembra spaventoso. Cosa succede se lo psicologo peggiora le cose o convince il bambino che è "pazzo" o insiste che il bambino debba essere in terapia per sempre? Cosa succede se lo psicologo è uno di quei biasimatori? Il fatto di dover portare il bambino a vedere uno psicologo significa che sei un fallito come genitore?

Inizierò prima con l'ultima domanda: No, il fatto di dover portare il bambino a vedere assolutamente uno psicologo non significa che tu sia un fallimento come genitore! Infatti, avere il giusto aiuto può essere un dono straordinariamente amorevole che può ridurre la sofferenza, migliorare la comunicazione o dotare il bambino di far fronte. Uno psicologo infantile non è un genitore – quel ruolo è unicamente tuo. Portare tuo figlio a vedere uno psicologo aggiunge piuttosto che sostituire la tua relazione. Uno psicologo bambino è un allenatore combinato, cheerleader e fata madrina, che ha anche una profonda conoscenza dello sviluppo del bambino, delle relazioni personali e della ricerca clinica.

Molte persone rimandano la ricerca di aiuto perché si dicono che il problema non è così male … Ma se non è così male, probabilmente non ci vorrà molto per migliorare le cose! Lo psicologo giusto aiuterà il tuo bambino – e tu – a sentirti ancora più capace, non meno.

La cosa difficile è trovare lo psicologo giusto per il tuo bambino e la tua famiglia. Proprio come quando si sceglie un pediatra, ci sono molti professionisti competenti là fuori, ma è necessario trovare qualcuno con cui poter lavorare e avere fiducia.

Inizia chiedendo agli amici, al pediatra di tuo figlio o al consulente di orientamento scolastico suggerimenti per gli psicologi infantili locali. La psicoterapia con i bambini è diversa dalla psicoterapia con gli adulti, perché i bambini sono spesso partecipanti riluttanti inizialmente, sono pensatori più concreti, e ci sono altri responsabili (genitori, insegnanti, baby-sitter …). Dovresti trovare sicuramente qualcuno a cui piacciono i bambini e ha esperienza nel lavorare con loro. Almeno il 50% della pratica dello psicologo dovrebbe comportare il lavoro con i bambini.

Una volta che hai dei nomi, fai qualche telefonata. Descrivi brevemente la situazione, quindi fai domande per capire come funziona con quel particolare psicologo.

Abbi fiducia nel tuo intestino: nessuno conosce tuo figlio meglio di te. Sei la persona migliore per decidere quale psicologo è adatto per il tuo bambino e la tua famiglia.

Cinque domande da porre a uno psicologo infantile

Per aiutare con la tua ricerca, ecco alcune domande da porre a uno psicologo infantile. Come punto di riferimento, ho anche incluso come risponderei.

D: Come lavoreresti tipicamente con questo tipo di problema?

Non ho incontrato tuo figlio, quindi non posso rispondere a questa domanda in modo specifico, ma, in generale, mi concentro sull'aiutare i bambini a diventare esperti nell'area in cui lottano e ad apprendere utili strategie per affrontarli. [Questo potrebbe implicare imparare a comunicare meglio, a pensare a situazioni da una prospettiva diversa, a raggiungere gli altri in natura piuttosto che a modi sciocchi, a gestire la frustrazione, a costruire la fiducia che possano gestire situazioni che provocano ansia …] Anch'io lavora a stretto contatto con i genitori per aiutarti a capire modi efficaci per sostenere il tuo bambino o affrontare situazioni difficili. La mia speranza è che io possa essere una fonte di supporto sia pratico che emotivo per il tuo bambino e te.

D: Quanto sono coinvolti i genitori nella terapia?

Tendo a lavorare in modo molto collaborativo con i genitori. Il modo in cui penso è che sono l'esperto di psicologia in generale, e tu sei l'esperto di tuo figlio e della tua famiglia in particolare. Il nostro compito è mettere insieme le nostre idee e trovare idee per aiutare questo particolare bambino in questo particolare momento.

Più il bambino è piccolo, più i genitori coinvolti attivamente devono essere in terapia. Con i bambini molto piccoli, in un certo senso, i genitori sono i terapeuti principali, perché tu sei quello che è con il tuo bambino la maggior parte del tempo, e tu sei quello che aiuterà ad attuare le strategie che ci vengono in mente .

Ma anche con i bambini più grandi e i giovani, penso che l'input dei genitori sia molto importante. I bambini non mi dicono necessariamente quello che ho bisogno di sapere, quindi generalmente incontro un genitore per i primi cinque o dieci minuti di una sessione, prima di incontrare il bambino, solo per sentire come stanno andando le cose e se ci sono nuove preoccupazioni. Spesso, al termine della sessione, farò tornare il genitore con il genitore, in modo che il bambino possa spiegare a cosa stiamo lavorando. Questo mi aiuta a verificare ciò che il bambino sta capendo e mantiene il genitore nel ciclo. A seconda di cosa sta succedendo, potrei anche fare delle sessioni con tutta la famiglia o solo con i genitori.

Credo che la terapia non debba essere misteriosa e che tu, in quanto genitore, hai il diritto di sapere in generale su cosa stiamo lavorando e come. D'altro canto, anche i bambini hanno bisogno di un po 'di privacy per potersi fidare di me, quindi non ho intenzione di riferire, blow-by-blow, cosa ha detto il bambino in una sessione con me. Se c'è qualcosa di importante che penso che dovresti sapere, incoraggerò tuo figlio a dirti o chiedere il permesso al bambino di dirtelo. Se c'è un serio problema di sicurezza, te lo dirò sicuramente.

Q: Come iniziamo?

Mi piacerebbe incontrare inizialmente solo il / i genitore / i. Lo faccio per due motivi: in primo luogo, mi dà la possibilità di fare un sacco di domande per conoscere la tua famiglia, capire la storia del problema, cosa ha o non ha aiutato finora, e anche per conoscere il tuo punti di forza del bambino. È semplicemente più facile ottenere tutte queste informazioni senza il tuo bambino presente. Secondo, questo primo incontro con i genitori ti dà la possibilità di guardarmi, per decidere se sono lo psicologo giusto per tuo figlio e famiglia.

Sappiamo dalla ricerca che uno dei principali fattori predittivi del funzionamento della terapia è se il paziente si sente in contatto con il terapeuta. Alla fine della sessione, ti chiederò se sembro qualcuno che puoi immaginare con il quale tuo figlio si connette. Se dici di no, non ferirai i miei sentimenti. Mi assicurerò di entrare con qualcuno di buono. Ma se tu dici di sì, è grandioso. Quindi puoi dire a tuo figlio: "Abbiamo incontrato la dottoressa Eileen e pensiamo che ti piacerà". Questo rende più facile per il tuo bambino venire a conoscermi.

Q: Penso che mio figlio sarà nervoso nel venire a trovarti. Cosa dovrei dire?

Purtroppo, pochissimi bambini vogliono venire a trovarmi all'inizio! È normale che i bambini siano preoccupati di venire a vedere uno psicologo, perché non sanno cosa aspettarsi e sono spesso preoccupati che questo significhi che sono cattivi. Posso quasi sempre conquistarli, però! Il mio obiettivo nella prima sessione è quello di aiutare il bambino a sentirsi a proprio agio e compreso e ad uscire con un senso di speranza che possiamo lavorare insieme per migliorare le cose.

Se a tuo figlio piace il consulente scolastico, puoi dire che sono un po 'come lui o lei.

Con i bambini piccoli, potresti voler dire qualcosa sulla falsariga di "È una simpatica signora che aiuta i bambini a sentirsi più felici e ad andare d'accordo con la famiglia e gli amici. Ha anche molti giocattoli e giochi divertenti nel suo ufficio. "

Con i bambini più grandi, pensa a cosa vuole il tuo bambino: quale problema vuole risolvere tuo figlio? Quali aree della sua vita vorrebbe migliorare il tuo bambino? Stabilire obiettivi importanti per tuo figlio può aiutare il tuo bambino ad essere più ricettivo alla terapia. (Questi obiettivi possono o non possono sovrapporsi ai tuoi obiettivi).

Potresti anche voler dire, "Provalo per alcune sessioni e guarda come va".

D: In quanto tempo mi aspetto un miglioramento?

È difficile da prevedere, perché le persone cambiano a ritmi diversi. In generale, i problemi più gravi, che si verificano da molto tempo o che riguardano molte aree della vita di tuo figlio, richiedono più tempo per cambiare. Avremo bisogno di un po 'di tempo perché tuo figlio si senta a suo agio con me e per noi capire quali strategie sono più utili. Se ci fosse una soluzione rapida e facile, la mia ipotesi è che l'avresti già fatto tu!

Di solito, mi aspetto di vedere progressi notevoli di dodici settimane. Potremmo essere fatti prima, o forse non potremmo farlo a quel punto, a seconda di quanto sia complicata la situazione. Trovo che i bambini debbano venire regolarmente, su base settimanale, per essere abbastanza presenti nelle loro vite per avere un'influenza positiva. Raramente riesco a vedere i bambini da più di un anno, anche se alcuni tornano dopo aver fatto buoni progressi, prendendo una pausa dalla terapia per mesi o anni.

Il progresso non tende a muoversi in linea retta. I bambini potrebbero mostrare un rapido miglioramento e poi rimanere in equilibrio per un po ', o potrebbero essere lenti a iniziare, quindi fare un grosso passo avanti, poi colpire un punto duro e scivolare all'indietro per un po' … Parleremo regolarmente di come le cose stanno andando a fare certo ci concentriamo sulle questioni più importanti e, nel complesso, ci stiamo muovendo nella giusta direzione.

Articoli correlati:

Dentro e fuori

Sfide sociali dei bambini con ADHD

L'intuizione della mamma: ce l'hai?

_____________________________________________________

© Eileen Kennedy-Moore, PhD. Google+ Twitter: psychauthormom

Eileen Kennedy-Moore, PhD, è autrice e psicologa clinica a Princeton, NJ (lic. # 35SI00425400). Parla frequentemente a scuole e conferenze sullo sviluppo sociale ed emotivo dei genitori e dei figli. www.EileenKennedyMoore.com

Iscriviti alla newsletter mensile del Dr. Kennedy-Moore per essere informato sui nuovi post sul blog Growing Friendships.

Eileen Kennedy-Moore, used with permission
Fonte: Eileen Kennedy-Moore, usato con permesso

Libri e video del Dr. Kennedy-Moore:

– Hai mai desiderato un corso per genitori che potresti fare a tuo piacimento? Dai un'occhiata a questa divertente e affascinante serie audio / video sui sentimenti e le amicizie dei bambini di The Great Courses®: Raising Emotionally & Socialally Healthy Kids . || Gli argomenti includono: insegnare ai bambini a prendersi cura; Sviluppare un'autostima genuina; Come i bambini gestiscono l'ansia e la rabbia; Giocare bene con gli altri; Crescere sociale nell'era digitale. Anteprima VIDEO

In vendita scontato del 70% su www.TheGreatCourses.com/Kids

– Smart Parenting per Smart Kids: nutrire il vero potenziale del tuo bambino || I capitoli comprendono: Perfezionamento del temperamento; Costruzione di connessione; Sviluppare la motivazione; Trovare gioia Anteprima VIDEO

– Le regole non scritte dell'amicizia: semplici strategie per aiutare il tuo bambino a fare amicizia || I capitoli comprendono: The Shy Child; The Little Adult; Il bambino con un fusibile corto; The Different Drummer.

– Per quanto riguarda me? 12 modi per attirare l'attenzione dei tuoi genitori senza colpire tua sorella . Anteprima VIDEO

I post sui blog di Friendships in crescita sono solo a scopo didattico generale. Possono o non possono essere rilevanti per la tua situazione particolare. Siete invitati a collegarvi a questo post, ma per favore non riprodurlo senza il permesso scritto dell'autore.

Credito fotografico: "Illustrazione di Derek" di James K. / CC BY 2.0

Solutions Collecting From Web of "5 domande da porre a uno psicologo infantile"