4 principali fonti di ansia e cosa fare su di loro

L'ansia, nella definizione di Skinner, è la sensazione di non sapere cosa fare, ma a questo po 'di saggezza dobbiamo aggiungere che le persone ansiose devono anche pensare che ci sia qualcosa da fare, altrimenti potrebbero scrollare le spalle e andare avanti. In altre parole, a volte la cosa da fare è accettare che nulla può essere fatto. Se un'abilità è un comportamento che è efficace in una determinata situazione, allora l'ansia è il segno di un deficit di abilità. L'ansia è quasi sempre l'allarme antifurto, non il ladro – il segno di un problema piuttosto che il problema stesso. Per questo motivo, non consiglierò i farmaci, il rilassamento o la consapevolezza come cose da fare sull'ansia; invece, ti consiglierò di fare qualcosa riguardo a ciò che ti rende ansioso.

1. La vita è confusa. Gli umani si sono evoluti con la capacità di sentirsi ansiosi, presumibilmente perché questa capacità conferisce un vantaggio di sopravvivenza. Se la paura ci spinge a combattere, fuggire o congelare, l'angoscia ci spinge a fare qualcosa per la nostra situazione. L'accettazione è raccomandata quando non c'è niente da fare (e sto bene con consapevolezza e rilassamento in questo contesto, come percorsi di accettazione piuttosto che come modi per gestire l'ansia). L'accettazione è particolarmente necessaria per l'ordinarietà, l'incertezza e l'inevitabilità della morte. Tuttavia, l'accettazione è un compito arduo data l'intensità del nostro desiderio di fare qualcosa, e così invece sviluppiamo mitologie, finzioni esplicative e la sensazione di essere speciali. Non è difficile vedere come la religione capitalizzi sulle nostre ansie di base per fornire un balsamo per la morte, l'incertezza e l'ordinarietà, postulando una meravigliosa relazione con un dio che ti dice cosa fare e come sconfiggere la morte. E questo è ancora più facile vedere se per "religione" intendiamo non i famosi sistemi organizzati, ma quello che Goffman chiama "un corpus di racconti cautelativi [e] storie di notizie [che] confermano elegantemente una visione rilevante del funzionamento del mondo. "L'ansia è la sensazione che si prova quando questo compendio non conferma le proprie aspettative. Filosofia, storia e letteratura possono fornire altre storie che funzionano. E, sì, anche la religione (nella sua veste filosofica, storica e letteraria).

Una storia di disgrazie o punizioni crea condizioni in cui le persone sentono costantemente che qualcosa deve essere fatto perché qualcosa di brutto è imminente. Quando un'ulteriore disgrazia o punizione non è più probabile, la situazione è come quella esistenziale di cercare soluzioni per problemi che non possono essere risolti. Anche in questo caso i rituali, le superstizioni, i miti e il pensiero magico sono probabilmente dei salvi.

2. Imparare un'abilità richiede uno sforzo. L'ansia al suo meglio segnala la tua ignoranza e spinge a scoprire cosa puoi fare. Non puoi fare nulla sull'inevitabilità della morte, ma puoi fare dei passi per assicurarti che il dolce sia umido leggendo libri di cucina, che l'intervista vada meglio provando le tue risposte e che il tuo appeal sociale aumenti controllando il tuo effetto su altri. L'ansia è uno stimolo per la competenza, e la migliore reazione ad esso è di solito per sviluppare le tue abilità.

3. L'apprendimento di una competenza richiede il riconoscimento che non lo hai già. L'ansia ci dice che non sappiamo cosa fare e, sfortunatamente, spesso crediamo che dovremmo sapere cosa fare, specialmente quando siamo sotto l'influenza del perfezionismo. Ad esempio, un uomo orgoglioso della sua intelligenza ottiene ansioso di risolvere un cruciverba perché crede che dovrebbe essere facile per lui. Usa una penna perché le matite sono per i dullard. Dovrebbe rispondere lavorando di più al puzzle e passando alla matita, ma invece protegge il suo perfezionismo criticando il puzzle o proclamando la noia. Una donna crede che dovrebbe essere gradita da tutti, e invece di indagare su se stessa potrebbe essere noiosa, critica chiunque non soccomba al suo fascino. La psicoterapia organizzata attorno all'accettazione, che si chiami ACT o intersoggettività, può aiutare.

4. Per apprendere un'abilità è necessario riconoscere che ne hai bisogno. L'ansia è aggravata quando ciò che dovremmo fare è qualcosa che pensiamo di non essere il tipo di persona da fare. Una donna vede la sua carriera appassire, e sa che affermare il proprio valore per la sua compagnia sarebbe d'aiuto, ma si è impegnata a placare anziché confrontarsi con gli altri. Un uomo guarda i suoi figli attutire il loro gioco quando torna a casa dal lavoro, e sa che giocare con loro sarebbe d'aiuto, ma è impegnato a fare il signore del maniero. La psicoterapia organizzata attorno alla scoperta di sé può aiutare.

Quindi l'ansia è favorita dall'arroganza, che è spesso mascherata da passività e imbarazzo, o come libertà e dimenticanza, a seconda di ciò che la persona è arrogante. L'ansia deriva dal perfezionismo, da stigmatizzare gli errori e le risposte di pensiero dovrebbero venire facilmente. L'ansia è l'opposto di avere un'abilità, ma l'acquisizione di abilità richiede umiltà, flessibilità e impegno, i tratti che il perfezionismo non tollererà.

Solutions Collecting From Web of "4 principali fonti di ansia e cosa fare su di loro"