4 passi per costruire l'auto-disciplina e la forza di volontà negli studenti

Uno degli studi più affascinanti che ho letto nell'ultimo decennio è stato condotto dai ricercatori dell'Università della Pennsylvania, Angela Duckworth e Martin Seligman. Poco più di dieci anni fa hanno eseguito uno studio longitudinale su due gruppi di adolescenti per misurare l'autodisciplina negli studenti. I risultati provenivano dall'autovalutazione, dalla relazione genitoriale, dalla relazione degli insegnanti e dai questionari di scelta monetaria, forniti nel semestre autunnale. I risultati di questi studi sull'autodisciplina studentesca hanno previsto con precisione i loro voti finali, la frequenza alle lezioni, i punteggi dei test standardizzati e persino la selezione in un programma di liceo competitivo la primavera successiva.

Nel secondo round sono state aggiunte domande su abitudini di studio e QI. I risultati furono profondi e inconfondibili. L'autodisciplina ha avuto un impatto più che doppio rispetto al QI nei voti, nei punteggi dei test, nella selezione della scuola, nella frequenza scolastica, nelle ore trascorse a fare i compiti, ore trascorse a guardare la televisione, (inversamente) e gli studenti hanno iniziato a fare i compiti.

In breve, le prestazioni scolastiche avevano molto più a che fare con la morbida abilità dell'autodisciplina rispetto al QI dello studente.

Questi risultati illustrano una delle principali ragioni per cui gli studenti non riescono a raggiungere il loro potenziale intellettuale: il loro fallimento nell'esercizio dell'autodisciplina.

Lo so. Lo so. Probabilmente stai pensando "Duh!" Giusto?

Esaminando le ipotesi convalidate da questi ricercatori, è emerso chiaramente che sia i genitori che gli insegnanti devono superare la semplice misurazione delle "hard skills" o della crescita intellettuale se ci aspettiamo che i nostri studenti emergano come adulti sani. Le ipotesi erano:

  • L'autodisciplina in autunno predicherà la performance accademica in primavera.
  • L'autodisciplina rappresenterà una variazione accademica maggiore di quella del QI
  • L'autodisciplina predice il GPA finale, controllando il QI e il GPA del primo periodo.
 CB101515 via photopin (license)
Fonte: credito fotografico: CB101515 via photopin (licenza)

Non c'è niente di più comune che trovare studenti che sono carichi di potenziale, intellettualmente o atleticamente, ma che finiscono con prestazioni molto scarse. Quindi, come coltiviamo la forza di volontà e l'autodisciplina in loro?

Non conosco nessuna "bacchetta magica" per costruire la forza di volontà. Tuttavia, poiché ho lavorato con studenti universitari nel corso dei decenni, ho scelto di gamify lo sviluppo dell'autodisciplina in questo modo:

1. Fallo se lo odi.

Anni fa, stavo insegnando agli studenti universitari e abbiamo deciso di costruire l'autodisciplina nella nostra routine. Una competizione che abbiamo scelto è stata: "Fallo se lo odi". Abbiamo scelto tutti un'attività che noi odiamo assolutamente (come pulire la stanza del dormitorio, portare fuori la spazzatura, leggere un libro di testo, ecc.) E volutamente lo ha reso un quotidiano atto. Abbiamo scoperto che quando abbiamo fatto questo, non solo è diventato divertente, ma abbiamo sfruttato le nostre pigre disposizioni. Il concorso è diventato un aiuto per diventare più autocontrollo e per migliorare la nostra forza di volontà. Ognuno di noi è diventato più forte nella nostra autodisciplina, eseguendo la stessa attività che naturalmente abbiamo evocato in passato. Anche il nostro muscolo "forza di volontà" si è rafforzato.

2. La responsabilità aumenta la resilienza.

Un'altra lezione che abbiamo imparato è stata la potenza del supporto emotivo. Ognuno di noi ha fatto coppia con un "amico" per la responsabilità. Ogni coppia era consapevole degli obiettivi disciplinari che l'altro si era prefissato. Mentre la responsabilità era amichevole, sapendo che ci sarebbe stato chiesto delle nostre abitudini ci ha permesso di attenerci meglio ai nostri standard. Un'altra lezione che abbiamo imparato è stata questa: tutti i partner sono stati abbinati a qualcuno in grado di leggere le sue dichiarazioni "BS". In breve, potevano leggere se la loro controparte stava mentendo o esagerando. Questo ha prodotto risultati. L'ho detto prima: tutti noi facciamo meglio quando siamo osservati, e tutti noi facciamo meglio quando siamo incoraggiati.

3. Parlare di pagelle carriera.

Ho pochi dubbi sul fatto che ognuno calcoli la "pagella" per ogni stazione di vita in cui si trovano. Gli studenti sanno che la loro pagella riguarda gli esami e i voti. Sfortunatamente, imparano abbastanza da passare, ma spesso non riescono a rendersi conto che una volta laureati, il loro datore di lavoro ha una scheda punteggi diversa. Si tratta di comunicazione, lavoro di squadra, vendita, profitti e perdite e intelligenza emotiva. Credo che educatori e genitori debbano iniziare presto a parlare delle differenze tra le pagelle scolastiche e le pagelle della vita. Fai attenzione: l'obiettivo non è quello di de-incentivare i bambini a esibirsi a scuola. Hanno solo bisogno di iniziare a sviluppare competenze trasversali che il futuro supervisore si aspetta che abbiano nell'età adulta.

4. Sfrutta la tua immaginazione.

Prova a visualizzare ciò che desideri e poi rilassati e lascia riposare il cervello. Come ho affermato, il nostro cervello funziona molto come un muscolo. Se lavori in modo coerente, costruisci la massa muscolare. Ma se ti alleni troppe volte al giorno, danneggi i tuoi muscoli. Chiamiamo questa pratica "ripetizioni e riposo". Dobbiamo lavorare sulla nostra forza di volontà, e poi riposare con un altro atto. Possiamo fare la stessa cosa per tenere a bada le tentazioni indesiderate. L'autore del diciannovesimo secolo, Fëdor Dostoevskij, scrisse: "Cerca di porsi questo compito: non pensare a un orso polare, e vedrai quella cosa maledetta che ti verrà in mente ogni minuto". Quindi, come sconfiggi questa realtà? Prova a sostituire pensando a un orso nero o un orso bruno.

Infine, aiuta gli studenti a riconoscere che devono coltivare la forza di volontà un passo alla volta. Qual è la frase? "Mangi un elefante un boccone alla volta." Aiutali a celebrare le vittorie minori lungo il percorso verso la costruzione dell'autodisciplina. Quindi, guarda i loro voti salire.

Solutions Collecting From Web of "4 passi per costruire l'auto-disciplina e la forza di volontà negli studenti"