4 modi per impostare e mantenere i confini personali

Victorpr/Shutterstock
Fonte: Victorpr / Shutterstock

Madeline si vantava sempre di essere "una brava ragazza". Da bambina, le veniva insegnato che essere gentili con gli altri era una virtù; è cresciuta prestando particolare attenzione al feedback positivo che ha ricevuto per essere gentile e gradito agli altri. Ha tratto gran parte della sua autostima dal mettere i sentimenti e le esigenze delle altre persone ben al di sopra dei suoi.

A 31 anni, Madeline non riusciva a capire il motivo per cui i suoi colleghi di lavoro lasciavano il lavoro extra su di lei; perché la sua famiglia si è sempre intromessa nel suo spazio personale; e perché gli uomini che aveva frequentato anni prima continuavano a provare a far parte della sua vita, anche dopo che lei aveva detto loro che aveva iniziato a vedere qualcun altro. Stressato e bruciato, Madeline ha finalmente raggiunto la sua fine di spirito dopo che il suo fidanzato di due anni ha concluso la loro relazione perché non poteva smettere di rispondere ai pretendenti per gentilezza. Madeline sapeva che era ora di cambiare: aveva bisogno di confini più forti.

I confini possono essere definiti come i limiti che impostiamo con altre persone, che indicano ciò che riteniamo accettabile e inaccettabile nel loro comportamento nei nostri confronti. La capacità di conoscere i nostri confini deriva generalmente da un sano senso di autostima o di valutazione di te stesso in un modo che non dipende da altre persone o dai sentimenti che provano nei tuoi confronti. A differenza dell'autostima (che alcune ricerche hanno scoperto essere fortemente correlate alle dimensioni della personalità relativamente fisse di alta estroversione e basso nevroticismo), l'autostima sta trovando valore intrinseco in chi sei, in modo che tu possa essere consapevole del tuo:

  • valore intellettuale e limiti (hai diritto ai tuoi pensieri e opinioni, così come lo sono gli altri)
  • valore emotivo e limiti (hai diritto ai tuoi sentimenti per una determinata situazione, come lo sono gli altri)
  • valore fisico e limiti (hai diritto al tuo spazio, per quanto ampio possa essere, così come lo sono gli altri)
  • valore sociale e confini (hai diritto ai tuoi amici e al perseguimento delle tue attività sociali, così come lo sono gli altri)
  • valore spirituale e confini (hai diritto alle tue credenze spirituali, come lo sono gli altri)

Conoscere i nostri confini e impostarli sono due ostacoli molto diversi da superare. L'impostazione dei confini non viene sempre facilmente. Spesso è un'abilità che deve essere appresa. Come ha notato il noto psicologo Albert Bandura, gran parte dell'apprendimento sociale umano deriva dal comportamento di modellizzazione, quindi se non abbiamo modelli di comportamento adeguati il ​​cui comportamento possiamo codificare attraverso l'osservazione e successivamente imitare, siamo in perdita, spesso lasciati a bocca aperta e frustrati.

Nel caso di Madeline, anche se aveva un'alta stima di sé, ricavava i suoi sentimenti di autostima da parte delle persone, il che era malsano e, se immutato, le sarebbe costato le relazioni e il futuro che voleva. Oltre a trovare un forte senso di autostima che esisteva indipendentemente dai giudizi di valore degli altri, aveva anche bisogno di imparare come impostare i confini.

Per iniziare a definire i tuoi limiti, prova queste quattro cose.

1. Conosci i tuoi limiti.

Definisci chiaramente quali sono i tuoi confini intellettuali, emotivi, fisici e spirituali con estranei, colleghi di lavoro, amici, familiari e partner intimi. Esamina le esperienze passate in cui hai sentito disagio, rabbia, risentimento o frustrazione con un individuo. Potrebbe essere stato perché i tuoi limiti erano stati superati. Crea un 'Boundary Chart' che delinea ogni limite per ogni categoria di relazione e riempi con i criteri di limite con cui ti senti a tuo agio e al sicuro, e viceversa ( non mi sento a mio agio quando i colleghi di lavoro mi chiedono della mia malattia infantile / appuntamenti vita / divorzio dei genitori ).

Creando questo tipo di modello hai un punto di riferimento per valutare quando qualcuno potrebbe oltrepassare i tuoi limiti. I criteri del tuo limite si evolveranno nel tempo, quindi assicurati di aggiornare continuamente il tuo grafico con la tua crescente esperienza e le esigenze risultanti.

2. Sii risoluto.

Creare e affermare i confini è grande, ma è il follow-through che conta. L'unico modo per avvisare veramente gli altri che i tuoi confini sono stati superati è quello di essere diretti con loro. Essere assertivi, soprattutto se non si è abituati a farlo, può essere spaventoso. Quindi inizia in piccolo con qualcosa di gestibile e costruisci la tua abilità assertiva per compiti più grandi come questi:

  • La cameriera ha sbagliato il tuo ordine? Chiedile quello che hai effettivamente ordinato.
  • La cassiera ti ha sovraccaricato? Chiedi una correzione da fare.
  • Ti piacciono gli amanti romantici indesiderati? Spiega che non sei interessato e apprezzeresti se si fermasse.
  • È un lontano cugino che si intromette nella tua vita di appuntamenti? Dì che preferiresti parlare di qualcos'altro.
  • Un collega di lavoro sta spingendo il suo lavoro su di te? Ricorda loro che non è nel tuo campo di applicazione, sei impegnato con il tuo lavoro e indirizzalo a qualcuno che avrà un servizio migliore.
  • Un amico ha fatto qualcosa per ferirti? Chiedi loro di incontrarti per pranzo e spiega perché le loro parole o azioni ti hanno ferito.

3. La pratica rende perfetti.

Quando inizi a recitare per la prima volta in modo assertivo, se è una partenza dal tuo stato abituale, potresti temere che altri ti percepiscano come meschino o maleducato. Ma affermare i propri limiti significa valorizzare te stesso, i tuoi bisogni e i tuoi sentimenti più dei pensieri e delle opinioni degli altri. Essere assertivi non vuol dire che tu sia scortese, significa solo che sei onesto e onesto con loro (e, quindi, gentile con loro nel lungo periodo), pur mantenendo la tua pace, dignità e rispetto di sé.

Dopotutto, non informare qualcuno che ha attraversato una linea porta solo al risentimento da parte tua e alla confusione sulla loro. L'unico modo per stabilire dei limiti migliori è praticare come dire a qualcuno che hanno attraversato i tuoi.

4. Se tutto il resto fallisce, cancella e ignora.

Prima metti a fuoco i tuoi confini, poi segui con l'azione. Fintanto che hai accumulato maglie e dato parenti / amici / ex-partner o chiunque altro possa essere la chiusura di qualsiasi promessa che potresti aver fatto, non devi più niente a loro. Se hai affermato te stesso e hai chiarito a un'altra persona che non rispetta i tuoi limiti, va bene ignorare la corrispondenza da quel punto in poi. Ricordati del tuo valore e nessuno ha il diritto di farti sentire a disagio o di portare via il tuo spazio personale.

Riferimenti

  • Bandura, A., & Walters, RH (1963). Apprendimento sociale e sviluppo della personalità (Vol. 14). New York: Holt, Rinehart e Winston.
  • Watson, D., Suls, J., & Haig, J. (2002). Autostima globale in relazione a modelli strutturali di personalità e affettività. Journal of Personality and Social Psychology , 83 (1), 185.
  • Whitfield, CL (1993). Confini e relazioni: conoscere, proteggere e godersi il sé . Health Communications, Inc.

© Mariana Bockarova, PhD

Solutions Collecting From Web of "4 modi per impostare e mantenere i confini personali"