4 mesi e 22 giorni: la storia di una madre della resilienza

Il club che nessun genitore desidera aderire

Cosa faresti se avessi solo 4 mesi e 22 giorni da trascorrere con il tuo neonato? Nessun genitore vuole mai pensare alla vita del loro bambino abbreviata, ma questo è il club doloroso che Christine ha raggiunto nel 1995. Christine stava lavorando in una tradizionale carriera aziendale quando è nata sua figlia. Come è vero per molti genitori, il mondo di Christine ruotava attorno al suo giovane fascio di gioia. Come è anche vero, Christine e suo marito, come molti genitori che lavorano, hanno lottato con quale tipo di regime di assistenza diurna sarebbe meglio per la loro figlia.

Christine ti dirà che "qualcosa non andava bene" quando lasciò sua figlia all'asilo quel primo giorno. Il posto che lei scelse venne altamente raccomandato ed era a corto di casa di una donna. Cosa c'era da indovinare? Le settimane passarono e il 5 maggio Christine ricevette una chiamata da un ufficiale di polizia che le diceva di andare all'ospedale, ma non di farsi prendere dal panico. Quando arrivò all'ospedale, le fu detto che sua figlia era morta di SIDS (sindrome della morte improvvisa infantile). È diventata insensibile. Fu solo poche settimane dopo, però, che scoprì la verità. Sua figlia, legata alla sua portabagagli all'asilo, è stata messa su un letto ad acqua e lasciata incustodita. Fu determinato a soffocare quando la sua auto portante fu rovesciata, a faccia in giù con lei ancora legata. Un'indagine criminale non andò da nessuna parte, e una causa civile seguì. Secondo Christine, è stato successivamente scoperto che il fornitore di assistenza diurno non era autorizzato o assicurato.

Il processo di guarigione e lezioni apprese

Il momento più buio di Christine è stato il mese che ha trascorso sul divano, pedalando tra emozione dopo emozione. Abbiamo parlato del fatto che quando le persone subiscono un trauma così grande, non tutti vengono "fuori dal divano". Le ho chiesto: "Come hai iniziato ad andare avanti?" Ha detto che ha preso una decisione, una scelta consapevole da fare qualcosa e per ascoltare la sua saggezza interiore. Aveva bisogno di uscire di casa, così andò in libreria. Mentre esaminava le migliaia di libri sullo scaffale, apparve uno sugli angeli. Lo ha letto, e questo è ciò che ha avviato il suo processo di "spirale". Sua figlia è diventata la sua stella guida.

Per ogni genitore che potrebbe passare attraverso la morte di un bambino, Christine ha qualche consiglio molto specifico. In primo luogo, sii gentile con te stesso perché ci sono così tante emozioni che ti portano su un giro sulle montagne russe quotidiano. Sta bene essere dentro e con quelle emozioni; e, se questo è tutto ciò che puoi fare in un dato giorno, è abbastanza. In secondo luogo, non prendere decisioni rapide. E terzo, permetti a te stesso di "sentire" ogni passo del cammino. Per passare dal punto A al punto B del processo di guarigione, devi passare attraverso tutte le emozioni.

Grazie alla volontà di Christine di affrontare questo processo, sta ancora imparando le lezioni oggi dall'esperienza. Soprattutto, decise di riconnettersi con chi era da bambina. Non è il tipico studente di scuola media, Christine ha letto Dale Carnegie Come conquistare gli amici e influenza le persone nell'ottava classe e sapeva che voleva passare la sua vita aiutando le persone a sentirsi bene su chi fossero.

Il potere dello scopo

Christine ha vissuto la sua missione negli ultimi dieci anni, aiutando molte persone a connettersi con quello che dovrebbero essere. È stata anche impegnata a crescere i suoi figli. Ha detto che la sua vera svolta è arrivata circa sei anni dopo l'inizio del calvario. Sapendo che era a corto di opzioni legali per portare questo caso alla giustizia, decise di lasciar andare. Stava aggrappandosi così strettamente alla memoria di sua figlia che si trovava incapace di andare avanti nella sua vita nella misura più ampia possibile. Christine e io abbiamo parlato un po 'di questo paradosso. Spesso pensiamo che è trattenendo così saldamente che manteniamo le nostre vite in movimento e i ricordi vivi, quando è proprio l'opposto. La guarigione e la crescita non possono realmente accadere finché non lasciamo andare e facciamo spazio per la guarigione e la crescita.

Christine riassume la resilienza nelle sue parole come segue: "La resilienza sta trovando la forza interiore e il coraggio di muoversi attraverso l'oscurità per uscire meglio dall'altra parte." Ben detto.

Solutions Collecting From Web of "4 mesi e 22 giorni: la storia di una madre della resilienza"