4 fattori di rischio per il burnout e come superarli

Pixabay
Fonte: Pixabay

L'equilibrio tra lavoro e vita privata è una delle cose che faccio fatica quando si tratta di costruire la mia felicità personale. Anche tu combatti con l'equilibrio vita-lavoro?

Come scrittore di felicità e consulente per lo sviluppo del programma, cerco davvero di mettere in pratica ciò che predico. Ma se sono onesto, ho la tendenza ad essere un maniaco del lavoro.

So che non sono l'unico a lottare con questo perché l'equilibrio vita-lavoro è sempre più difficile nell'era della tecnologia. Ora siamo costantemente attaccati al nostro lavoro tramite cellulare ed e-mail. E dalla grande recessione, i luoghi di lavoro hanno sempre più accentuato la produttività e l'accelerazione. Ammettiamolo: viviamo in una cultura del burnout.

In questo, il mio post sul blog di Psychology Today, voglio parlare di quattro fattori di rischio per il burnout che potresti non conoscere e come superarli.

1. Sei appassionato, laborioso e motivato

Ho iniziato a vedere le persone lottare molto di più con l'equilibrio vita-lavoro quando sono entrato alla scuola di specializzazione, e ti dirò perché. Le università selezionano studenti laureati che possono perseverare anno dopo anno per completare un dottorato di ricerca – una laurea che richiede in media 10 anni per essere completata. Quindi selezionano studenti che, come gruppo, tendono ad essere ambiziosi, concentrati, tenaci e persino ossessivi riguardo al loro lavoro. Sebbene alcune persone faticano a mettere da parte abbastanza tempo per dedicarsi al lavoro, gli studenti universitari tendono ad essere il tipo di persone che faticano a mettere da parte abbastanza tempo per non lavorare. Di conseguenza, possono trascurare di mangiare bene, esercitare, dedicarsi agli hobby o persino vedere i propri amici e familiari.

  • Se "vivi per lavoro", dimentica di programmare il tempo per attività non lavorative, e ti consideri qualcuno che è altamente motivato e persistente, allora potresti essere a rischio di esaurimento.

Che cosa fare: se sei già un tipo di pianificatore iperfocalizzato e motivato, so che puoi applicare con successo le tue abilità per creare un equilibrio migliore. Prendi il tuo calendario e pianifica il tempo da dedicare alla tua salute e alla tua felicità. Costruire nei sistemi per prevenire il backsliding. Ad esempio, pianificando le tue "attività di felicità" a intervalli regolari ogni settimana, puoi costruire abitudini salutari.

È anche utile pianificare una normale "ora di amicizia". I miei amici maniaco del lavoro e io abbiamo attività settimanali pre-programmate da fare insieme. Quindi non dobbiamo fare lo sforzo di programmare orari divertenti ogni settimana; succede e basta Poiché abbiamo accettato di incontrarci e ci riteniamo responsabili, ci aiutiamo a vicenda a creare un equilibrio. Più puoi pianificare, automatizzare e aumentare la responsabilità per il tuo comportamento, più facile sarà migliorare il tuo equilibrio tra lavoro e vita privata.

2. Ti confronti con gli altri

Mentre la scuola elementare progrediva, i paragoni sociali iniziarono a dare il via a me e ai miei coetanei. Ho sentito cose come: "Sally ha cinque pubblicazioni, ma ne ho solo due. Ho bisogno di scrivere di più "o" John ha terminato i suoi esami di qualificazione al terzo anno, ma non lo farò fino al mio quarto anno. Ho bisogno di leggere di più "o" Mila ha tenuto un discorso di ricerca così straordinario. Dovrei passare più tempo ad affinare le mie capacità di presentazione. "E così via.

Quando tutti i top performer vengono riuniti e tutti hanno chiesto di svolgere attività simili, ora solo una persona può essere la migliore. Tutti gli altri, che potrebbero essere stati considerati una rockstar in un contesto diverso, ora sono nella media o peggio. Questo tipo di ambiente porta tutti a lavorare sempre più duramente per riacquistare quel senso di padronanza, autostima e rispetto. Ma quando tutti lavorano di più, nessuno riesce più avanti. Ben presto l'equilibrio tra lavoro e vita privata è finito da tempo e tutti si sentono ancora dei perdenti.

  • Se sei circondato da persone che sono straordinarie in quello che dovresti essere fantastico, potresti essere a rischio di esaurimento.

Che cosa fare: è la natura umana confrontarsi con "altri simili". Questa non è sempre una brutta cosa; ci aiuta a lavorare di più e ad essere migliori. Ma se vuoi un maggiore equilibrio, puoi trarre beneficio dal lavorare in un ambiente in cui la maggior parte delle persone fa un lavoro che è molto diverso dal tuo. Ad esempio, diciamo che sei uno chef e lavori con un brillante team di manager, venditori e camerieri in un ristorante. Quando questi colleghi fanno bene, probabilmente non ti faranno sentire come se non stessi bene. Ma quando vieni selezionato per partecipare al popolare reality show Top Chef, all'improvviso lavori con chef brillanti che hanno lo stesso livello di abilità e conoscono gli stessi metodi di cottura. Di fronte al loro successo, potresti sentirti un fallimento.

Se ritieni che il confronto sociale stia danneggiando il tuo equilibrio tra lavoro e vita privata, potresti voler passare a lavorare in un ambiente in cui tutti hanno ruoli più definiti e discreti.

3. Non si adatta all'interno della scatola

Non è stato fino a quando ho finito il mio Master e ho iniziato il mio dottorato. in una scuola di alto livello che la mia cultura locale è diventata un fattore di rischio aggiuntivo per me. Nelle scuole di alto livello, tutti si aspettano che tu sia una star. Per amor di discussione, diciamo che definiscono una stella come gialla e con cinque punti. Ciò significa che una stella non è blu, non è circolare e non ha 3 punti. Certamente, ogni essere umano è diverso e ha diversi punti di forza e di debolezza. Quindi pochissimi di noi si adattano alla definizione di cosa significhi essere una stella negli occhi degli altri.

Cosa succede quando le persone sentono di non essere ciò che "dovrebbero essere"? Sovrastano se stessi per diventare ciò che dovrebbero essere, a volte sviluppando problemi con il sonno, la salute o anche la depressione o l'ansia.

  • Se sei in una cultura che si aspetta che tutti siano stelle, potresti essere a rischio di esaurimento.

Che cosa fare: una cosa che puoi fare è costruire una mentalità di crescita, la convinzione che le persone possano crescere, cambiare e migliorare. Significa che le persone non sono stelle nascenti; diventano stelle. Fai attenzione, però: una mentalità di crescita da sola potrebbe diventare solo un motivo in più per lavorare ancora di più. Quindi assicurati di praticare anche l'auto-accettazione e l'auto-compassione. Ricorda, nessuno dovrebbe farti sentire male per quello che sei. Forse sei un ottagono (e non una stella). Se è così, prova a vedere te stesso positivamente e celebra la tua forma distinta (a proposito, sono più di un ottagono).

4. Non ti alzi da solo

UC Berkeley – dove ho fatto il mio dottorato di ricerca – si trova proprio accanto a San Francisco e alla Silicon Valley, un'area spesso considerata una mecca tecnologica. Alcune delle aziende tecnologiche più conosciute al mondo, tra cui Facebook e Google, operano qui. Tonnellate di piccole start-up operano anche qui. Se sei seduto in un bar, sei quasi sicuro di ascoltare qualcuno che sta iniziando, lavorando o discutendo di una startup.

È una cultura stimolante e corroborante, ma è anche orgogliosa di un lavoro estremamente duro. Potresti aver sentito storie su fondatori di startup che rinunciano al sonno, al cibo e alla socializzazione per costruire le loro aziende. In effetti, la cultura delle startup rafforza l'idea che il successo può essere raggiunto solo lavorando senza sosta.

  • Se la tua cultura si aspetta che tu lavori sempre, potresti essere a rischio di esaurimento.

Che cosa fare: provare a stabilire i confini. Decidi tu: qual è il numero di ore accettabili per il tuo lavoro? Quali esperienze di vita rimpiangeresti che manchi? Quali sono i tuoi compromessi sull'equilibrio vita-lavoro? Una volta stabilito ciò che è accettabile per te, sii assertivo nel sostenere i tuoi stessi bisogni, nessun altro lo farà.

Che cosa succede se si esaurisce il burnout?

Nel perseguire il mio dottorato, ho fondato la mia prima società. Tra insegnare e fare ricerca e tesi di laurea, stavo raccogliendo fondi, concedendo la scrittura e pubblicando la mia compagnia. Ho anche preso lezioni di business e tecnologia, ho preso una piccola parte in Management of Technology Innovation e mi sono insegnato come programmare in R. Quando la mia startup ha iniziato a fallire (proprio come il 75 percento di tutte le startup), ho lavorato di più, e ho ha assunto la consulenza di posti di lavoro per costruire competenze. A questo punto, l'equilibrio non era qualcosa che stavo dando priorità a tutti. I fattori di rischio si sono sommati e hanno ottenuto il meglio di me.

Ho iniziato a ricevere emicranie, insonnia e intorpidimento alle mani e alla schiena. Ho smesso di valutare e dare priorità alle persone della mia vita, trascurando persino di passare del tempo con mio marito e i miei amici. Il mio lavoro ha smesso di darmi un senso di scopo. Mi sentivo senza scopo e ho iniziato a chiedermi perché non sentivo che la mia vita avesse un significato.

Poi è successo l'impensabile. A poco a poco, la qualità del mio lavoro ha iniziato a declinare. Pianificherei le riunioni nei momenti sbagliati, scrivevo rapporti che mancavano molte parole e non sono in grado di rispondere alle domande più semplici. "Cosa mi stava succedendo ?!" Mi sono chiesto: "Se non posso lavorare, allora cos'altro ho ?!"

Quando mi sono posto questa domanda, mi ha fermato nelle mie tracce. Stavo seriamente chiedendomi cos'altro avevo? Ho avuto un marito fantastico, una famiglia meravigliosa e grandi amici. Avevo così trascurato le parti non lavorative della mia vita che non pensavo nemmeno che esistessero più. È stato solo a questo punto che ho capito che c'era qualcosa di veramente sbagliato in me.

Si scopre che sono stato nelle peggiori fasi del burnout. Perché il burnout cresce lentamente, puoi perderlo del tutto. La tua salute, le tue relazioni e il tuo benessere iniziano a vacillare, ma potresti non sapere perché, o forse nemmeno te ne accorgi. Alla fine, il tuo corpo e il tuo cervello iniziano a spegnersi per impedirti di lavorare, per proteggerti da ciò che stai facendo a te stesso. In un caso spaventoso di burnout, Arianna Huffington è crollata e si è svegliata in una pozza del suo stesso sangue.

Il burnout è serio. E l'equilibrio è come lo fermi.

Come recuperare dal burnout

Proprio come ci vuole tempo per sviluppare il burnout, ci vuole tempo per riprendersi. Ritornare a una normale settimana lavorativa di 40 ore non è di solito sufficiente per recuperare anni di lavoro eccessivo. Potrebbe essere necessario prendere lunghi periodi di pausa, lavorare part-time per un po 'e imparare come affrontare meglio lo stress.

Cosa ho fatto? Per prima cosa, ho capito cosa era importante per me. Sì, ho dato la priorità a passare più tempo con la mia famiglia e gli amici, ma se avessi intenzione di essere in grado di mantenere l'equilibrio, c'era ancora molto lavoro da fare.

In secondo luogo, ho lasciato il mondo accademico per avviare la mia attività di consulenza per il benessere – The Berkeley Well-Being Institute, che si concentra su prodotti di benessere e tecnologia – e questa volta, l'ho fatto a modo mio. Ho deciso di non lavorare (o anche di rispondere alle e-mail) nei fine settimana. Trascorrerevo circa 20 ore alla settimana aiutando i clienti a costruire prodotti tecnologici di benessere e, con tutta l'energia che mi rimaneva, scrivere di felicità e benessere. Lavorerei con clienti che apprezzavano la mia creatività e rispettavano i miei limiti.

Non ho raggiunto subito questi obiettivi e ho dovuto fare attenzione a non perderli di vista. Ma un anno e mezzo dopo, posso dire felicemente che il mio burnout è completamente sparito. Ho imparato molto su me stesso e molto su quello che serve davvero per costruire la felicità nell'era della tecnologia. Non vedo l'ora di condividere queste opinioni con te.

Solutions Collecting From Web of "4 fattori di rischio per il burnout e come superarli"