31 scomode verità di carriera

Ecco le parole dirette, non il gonfiore del career counser.

Pixabay, CC0 Public Domain

Fonte: Pixabay, CC0 Public Domain

Noi consulenti di carriera e allenatori siamo troppo spesso colpevoli di aver gonfiato i nostri clienti. Sentiamo che è più saggio, o almeno più comodo, sbagliare dalla parte dell’ottimismo. Senza dubbio, ciò è positivo sia per il consulente che per il cliente. . . almeno a breve termine.

Ma qui, sulla base della mia esperienza trentennale con 5.400 clienti, sono ciò che ritengo essere scomode verità di carriera per il cercatore di lavoro medio. Derivano dal mio nuovo libro, Careers for Dummies .

SCEGLIERE UNA CARRIERA

1. La scelta non deve essere complicata. Ad esempio, non c’è bisogno di un inventario degli interessi forti – Gli interessi non mappano in modo insufficiente con le competenze e con la disponibilità di posti di lavoro. Né è necessario prendere l’indicatore del tipo Myers-Briggs. Ha una validità predittiva sorprendentemente scarsa data la sua popolarità. Né hai bisogno di arringare le persone finché non ti danno un colloquio informativo. Di solito è sufficiente passare un’ora ad esplorare le 250 carriere profilate nel manuale Occupational Outlook o 350 nel mio nuovo libro, Carriere per i manichini . Filtrale in base al fatto che utilizzino il tuo attributo principale o due: parole, persone, scienza / tecnologia / ingegneria / matematica (STEM), imprenditorialità o dettagli di ufficio. Supporta che con una ricerca su Google, compresi i video, sulle prospettive di carriera – per esempio, “le carriere di counseling” – e tu abbia più saggiamente scelto una carriera rispetto alla maggior parte delle persone.

2. Seguire la tua passione di solito non è saggio. La maggior parte delle persone è appassionata di una o più di poche cose: sport, lavoro non profit, intrattenimento, ambiente, media, moda. Perseguire i lavori in queste nicchie significa in genere una grande concorrenza e, a sua volta, bassi salari e scarsa sicurezza del lavoro. A meno che tu non sia insolitamente capace, guidato e idealmente connesso, è saggio rendere tali passioni la tua vocazione. Concentrati piuttosto su ciò che finisce per essere più centrale per la felicità della carriera della maggior parte delle persone: moderata difficoltà di lavoro, stabilità del lavoro, spostamenti brevi, buon capo e colleghi di lavoro e un ragionevole risarcimento.

3. Lo stato è il nemico della contentezza. Le scelte di carriera di molte persone sono guidate più dallo status che dalla passione. Molti di loro scelgono di essere dottori, avvocati o dirigenti. Dato che lo status è ritenuto importante da così tante persone, la competizione è ottima e le esigenze educative sono aumentate. Dopo tutto questo sforzo e gratificazione ritardata, ci sono molti medici infelici, avvocati e dirigenti. In effetti il ​​mio pool di clienti è composto da più persone in quelle professioni rispetto a qualsiasi altra. Spesso è saggio perseguire carriere in cui la competizione non è così feroce, forse opzioni poco precise come l’optometria, la valutazione del programma, l’amministrazione degli affari degli studenti dell’istruzione superiore o molti lavori nel governo.

4. I posti di lavoro pubblici sono sottovalutati. Anche se si crede che il governo sia inefficiente, lento e abbia troppi impiegati che mantengono il proprio lavoro solo perché il governo raramente licenzia le persone, molti cercatori di carriera troveranno un impiego governativo, in particolare federale, per essere l’opzione migliore, specialmente mentre guardiamo avanti a un futuro in cui il settore privato continuerà probabilmente la sua tendenza ad automatizzare, part-timing e offshoring il più possibile. Il governo lo farà meno, perché è politicamente sgradevole. La paga e i benefici pubblici sono buoni e, ovviamente, la sicurezza del lavoro è impareggiabile. Inoltre, i lavoratori più anziani e le minoranze potrebbero trovare più facile ottenere un impiego governativo rispetto a una posizione nel settore privato.

5. Il non profit è particolarmente incline a trattare male i lavoratori. Almeno questo è stato il consenso tra i miei clienti. È ironico, dal momento che spesso le organizzazioni no profit si preoccupano di occuparsi dei lavoratori, ma liberalmente usano lavoratori volontari e con bassi salari e si aspettano che lavorino per lunghe ore a “La causa”.

6. La felicità viene principalmente dall’interno. Certo, i fotografi del National Geographic hanno più probabilità di amare la loro carriera di quanto non facciano i lavoratori del ferro in una fabbrica che fa clangori. Ma un sacco di persone si mescolano in carriere carine e molte persone si accontentano di cose banali. Concentrarsi su un lavoro freddo o particolarmente remunerativo spesso non vale il prezzo, forse rinunciando a una carriera più etica o creativa. Meglio scegliere una carriera che ha le chiavi di cui sopra alla soddisfazione della carriera. E quelli sono più facili da trovare e avere successo in una carriera non interessante, perché c’è meno competizione.

7. Entrare nella tecnologia è rischioso. Ad esempio, mentre l’ingegneria del software è richiesta, non è facile ottenere e rimanere competenti. I datori di lavoro spesso respingono i laureati anche di prestigiosi bootcamp per la codifica che hanno competenze insufficienti. Spesso questi datori di lavoro preferiscono assumere ingegneri informatici negli Stati Uniti esperti e in Asia a basso costo, nonostante le sfide linguistiche e culturali. In effetti, qualsiasi lavoro in cui il prodotto di lavoro può essere inviato su Internet sarà, oltre l’arco della tua carriera, soggetto a offshoring. Potrebbe essere più saggio concentrarsi su carriere ad alto livello di soddisfazione che sono resistenti al largo: dall’amministratore di rete al tecnico robotico, dal dentista al parrucchiere, a, sì, consigliere.

8. Cambiare la carriera è più difficile di quanto molti consulenti e libri di carriera implichino. A meno che tu non sia brillante e / o previdente e ben collegato, è difficile convincere un datore di lavoro ad assumerti per un lavoro dignitoso su qualcuno con una significativa esperienza. E in questi giorni, con i datori di lavoro che ottengono facilmente dozzine se non centinaia di candidati semplicemente inserendo un annuncio online, le possibilità di un aspirante changer della carriera sono davvero piccole. Questo è vero anche se aspiranti cambia- menti di carriera seguono il consiglio standard per promuovere le competenze trasferibili ai datori di lavoro e ai potenziali referenti. La prescrizione più probabile per gestire il malessere di carriera è di fare pace con la scelta di carriera, quindi modificarla piuttosto che cambiarla, oltre a crescere in modo incrementale nelle tue capacità o nel tuo atteggiamento.

9. Gestire la propria attività è più difficile dei guru intimi. Le normative sono sia complesse che costose e, a meno che non si disponga di profonde tasche e si possano permettere di esternalizzare la maggior parte delle attività, è necessario essere competenti in molte cose, ad esempio, procurarsi prodotti, reperire clienti, vendere, conformità governativa, anche IT e contabilità. Devi anche essere un autodidatta. Nessuno ti spingerà a lavorare, ma il contatore è sempre in funzione, il denaro brucia sempre, e poi c’è il costo opportunità di quello che avresti potuto guadagnare se avessi lavorato per qualcun altro.

LANDING THE JOB

10. Non ci sono abbastanza buoni lavori e ce ne saranno meno. Non comprare l’argomento secondo cui la tecnologia ha sempre creato più posti di lavoro, e così sarà di nuovo. In un’era tecnologica, basta un solo team per costruire un prodotto e quindi, con la semplice pressione di un pulsante, è possibile creare milioni di copie. E stai gareggiando non solo con le persone nel tuo locale, ma anche in tutto il mondo. In breve, è una guerra per posti di lavoro limitati. A meno che tu non sia una star, devi combattere come l’inferno per sopravvivere, per non parlare di prosperare. Ciò significa collegarti in rete se sei bravo in rete o se crei applicazioni in anticipo se non lo sei. Cosa significa ahead-of-the-pack? Significa applicare solo ai lavori per i quali puoi dimostrare di essere eccellente. E il tuo curriculum / profilo LinkedIn e la lettera di accompagnamento devono essere chiari. Questo di solito significa anche aggiungere un campione di lavoro che convince il datore di lavoro che in effetti si tratterebbe di un vero e proprio top-of-the-stack.

11. I gradi sono sopravvalutati. Soprattutto se hai avuto difficoltà ad atterrare un buon lavoro, è allettante investire in una laurea o un altro grado. E a volte l’apprendimento e il networking ne valgono la pena. Ma il costo in termini di tempo e denaro (quello che avresti potuto guadagnare se non fossi andato a scuola) sostiene di fare un po ‘di apprendimento just-in-time per i lavori che ti piacerebbe: leggere gli articoli chiave trovati attraverso una ricerca su Google, prendendo molto corsi a livello locale o online tramite Lynda, Udemy, Udacity, Coursera o EdX e potenti: ottenere un tutor o un mentore.

12. Un dottorato è un grado sopravvalutato. I siti web delle università possono citare un tempo “previsto” per il completamento di quattro o cinque anni, ma il tempo medio per un dottorato di ricerca. Di solito è da sei a dieci anni, a seconda della scuola e del campo. E perché un dottorato di ricerca è prestigioso, c’è un eccesso di offerta. La memoria più vivida della mia carriera è quella di quando sono stato invitato a tenere una sessione sui consigli di carriera per i dottorati di neuroscienza alla conferenza della Society for Neuroscience. Poiché la mia sessione era concomitante, mi aspettavo solo 25 o 30 partecipanti. Ne avevo 500, e in seguito 300 in fila per chiedermi aiuto. Quasi tutti, malgrado un dottorato in neuroscienza, avevano problemi a trovare un buon lavoro.

13. I curricula scritti da uno scrittore di curriculum sono entrambi non etici e inefficaci. I datori di lavoro utilizzano curriculum non solo come una recita della storia lavorativa, ma come indice della capacità dei candidati di scrivere, ragionare e organizzarsi. Di conseguenza, molti datori di lavoro considerano i curriculum scritti da uno scrittore di curriculum tanto quanto un ufficiale di ammissione al college osserva un saggio di candidatura scritto da un genitore o da una pistola noleggiata. I datori di lavoro esaminano centinaia di curriculum e hanno un senso di ciò che è stato scritto dal richiedente e che da un professionista. Anche se non lo fanno, quando intervistano un candidato, se c’è una grande differenza tra la lingua e le capacità di pensiero nel curriculum e nell’intervistato, il candidato viene di solito respinto, anche se la ragione dichiarata è solitamente meno accusa di “Hai avuto qualcuno scrivi il tuo curriculum per te. “Ho chiesto ai redattori di curriculum,” Se ritieni che sia etico scrivere il curriculum di qualcuno, come mai non lo firmi, ‘Scritto da Jane Jones, Resume Writer’? “Nessuno scrittore di curriculum ha mai offerto una risposta anche marginalmente ragionevole.

14. Sii realistico. Inizi una ricerca di lavoro con un pieno di gas emotivo, e ogni rifiuto o no-risposta ne brucia alcuni. Non vuoi rimanere senza benzina prima di iniziare un lavoro. Google ottiene 4.000 curriculum settimanali e assume 1 / 1.000 da quel pool forte. A meno che tu non sia una star o possieda una rara abilità in-demand, oltre ad avere un forte “in”, è meglio usare il tempo per concentrarsi su meno datori di lavoro stilisti.

15. La rete non è per tutti. Dawn Marie Graham nel suo libro di prossima uscita , Switchers, scrive: “Per gli Switcher, il networking è assolutamente necessario.” Ma la maggior parte delle persone che acquistano una guida di carriera, per non parlare dell’assunzione di un consulente di carriera, di solito hanno provato a fare rete senza alcun risultato. Potrebbero anche aver lavorato per migliorare il loro networking, ma mancano ancora abbastanza je ne sais quoi per convincere qualcuno con il potere a fare il pipistrello per loro così fortemente da produrre un lavoro decente in una nuova funzione o campo. Se tali cercatori di lavoro seguono il consiglio standard di “rete, rete, rete”, troppi finiscono per unirsi ai milioni di persone non occupate e sottoccupate che hanno rinunciato a cercare un lavoro dignitoso, che, a proposito, sono non conteggiato nel tasso di disoccupazione riportato dal governo. Rispondere agli annunci è sottovalutato, soprattutto per i networker poveri. Per loro, le applicazioni di qualità superano il networking aggiuntivo.

16. La persistenza è sopravvalutata. Dopo 20, 30, senza risposte e interviste che non rendono un lavoro decente, è un cattivo consiglio incoraggiare un’ulteriore persistenza, come, per esempio, Graham lo fa. Scrive che i programmatori di successo “persistono e non vacillano mai. Non rallentano mai. E non tengono in considerazione gli oppositori né prendono personalmente le critiche. Mentre ti imbarchi nel tuo cambio carriera, lascia che siate tu? “Ma se hai ottenuto 20 rifiuti e nessuna risposta, piuttosto che fare la stessa cosa e aspettarti un risultato diverso, riconosci la saggezza nell’ammonizione di Emerson che una consistenza folle è la hobgoblin of little minds e la versione più folk di Kenny Rogers: “Devi sapere quando tenerli, sapere quando piegarli e sapere quando andartene.” Dopo dieci o più respinti o mancate risposte, la domanda giusta è, “La mia prossima serie di sforzi probabilmente produrrà risultati persistendo con lo stesso obiettivo e approccio, apportando modifiche minori o perseguendo una nuova direzione?”

17. L’ageismo è meno un impedimento di quanto affermano alcuni attivisti. Mancanza di competenza e guida feriscono molto chi cerca lavoro.

18. Non è facile per i genitori di rimanere a casa a lungo termine. Hanno difficoltà a farsi assumere da qualcuno con esperienza, esperienza e Rolodex. Ho visto che queste persone vengono assunte principalmente quando la persona ha un “in” molto potente, ad esempio, il loro coniuge o BFF è un giocatore potente in un’organizzazione.

19. Le lettere di ringraziamento non aiutano abbastanza. Devi scrivere una lettera di influenza. Questa è una e-mail che ricorda al datore di lavoro le cose che gli intervistatori sembravano particolarmente apprezzare nell’intervista, in cui prendi un secondo colpo a una domanda che hai appiattito, e forse include un campione di lavoro che dimostra che puoi fare bene il lavoro.

SUCCESSIVA

20. Siamo meno malleabili di quanto ci dicono molti consiglieri. Di solito è saggio accettare il tuo sé di base e limitare i tuoi sforzi di cambiamento per trovare un lavoro ben fatto, modificandolo per adattarlo e apportando cambiamenti incrementali nel tuo set di abilità o atteggiamento.

Questa settimana, una revisione della letteratura sull’intelligence di David Reich di Harvard nel New York Times sottolinea i limiti della nostra malleabilità. Questo articolo afferma la criticità dell’intelligenza e che ha una componente genetica significativa.

Ahimè, desideroso di dare ai lettori la speranza di un grande miglioramento, molti consulenti e guide di carriera afferrano il congetturale o persino il disprezzo. Ad esempio, il libro in uscita , Switchers, cerca di persuadere che un grande cambiamento è possibile citando premesse dello spirito pop come “power poses” e “mindset di crescita” anche quando una ricerca solida ha definito la loro potenza una seria domanda.

È generalmente saggio, come ho detto, accettare i principali punti di forza e di debolezza, posizionarsi in modo appropriato e perfezionare la soddisfazione professionale.

21. Non tutti dovrebbero provare a diventare un esperto. Molte guide di carriera esortano a diventare esperti in qualcosa. È vero, se sei intelligente, con un talento e l’interesse per quella specialità, e avere il tempo, diventare esperti può valerne la pena, ma in mancanza di questi, potrebbe essere più intelligente concentrare la tua carriera sul fatto di essere solo solido: affidabile e ragionevole competente. Naturalmente, poiché molte persone hanno questi attributi, dovrai cercare di ingraziarti con i padroni, i colleghi e le persone fuori dal tuo posto di lavoro, indipendentemente dal fatto che in seguito dovrai cercare un altro lavoro.

22. Lavorare in modo intelligente potrebbe non essere sufficiente. Il successo più che moderato di solito richiede non solo di lavorare in modo intelligente, ma di lavorare a lungo.

23. Sii elitario. Cresceremo tutti dall’essere con persone che sono moderatamente migliori di noi: più brillanti, più abili, con un atteggiamento migliore. Quando c’è una scelta, scegli di essere con persone di qualità superiore, anche se ciò ti fa sentire insicuro. Di solito ne vale la pena.

24. Microbreak, non meditare o vacay. Build di stress. Frequenti pause di due minuti a piedi sono quindi più utili di tutte le attività di distensione in meditazioni di 20 minuti o di una settimana di ferie, dopo di che si ritorna al lavoro di aumento dello stress accumulato mentre si era in vacanza.

25. Gestire la procrastinazione con una singola decisione, non una razionalizzazione. Le radici della procrastinazione sono meno spesso il risultato della paura del fallimento e del rifiuto rispetto a quanto alcuni psicologi e consulenti vorrebbe farci credere. Spesso più fondamentale è l’insistenza inconscia della persona a evitare il dolore combinata con la convinzione che la produttività non valga la pena, anche se promette guadagni a lungo termine.

26. Presto il mio passato. Qualsiasi lezione possa essere estratta dalla revisione delle iniquità del passato, di solito può essere appresa solo con un po ‘di diario. Da quel punto, è più saggio concentrarsi sulla soppressione di quei pensieri miranti e mai fare il prossimo passo avanti. È più probabile che la ruminazione addizionale ti tinga di risentimento o tristezza piuttosto che aiutarti ad andare avanti.

27. Succhia. Molti consulenti e libri di carriera affermano che i buoni capi rispettano il disaccordo. Ma nel mondo reale, molti capi preferirebbero essere d’accordo con la maggior parte del tempo, anzi risucchiati. Per la ricerca di Jennifer Chatman di UC Berkeley, l’adulazione funziona.

28. I capi tengono poche riunioni. Le riunioni sono ad alta intensità di risorse e spesso risultano più posticce dei progressi. Ottieni input via email, telefono o camminando verso la scrivania di una persona. Tranne forse un breve incontro settimanale per costruire esprit de corp, riservare incontri soprattutto per quando è necessario uno scambio dinamico in tempo reale su un problema difficile, in cui la lettura del linguaggio del corpo è importante.

29. Installa un po ‘di paura di te. Che cosa?! Sì, infondere una misura di paura può effettivamente renderti più gradito e rispettato. Se sei troppo facile, troppe persone ti danno per scontato o sentono che possono farla franca con prestazioni scadenti o trattarti ingiustamente. No, non dovresti essere Hannibal Lecter ( Silence of the Lambs ) ma una risata troppo facile e un perdono troppo facile per un cattivo comportamento possono tornare a morderti.

30. Fuoco veloce. Secondo il classico libro di guida, da buono a grande , e dall’esperienza dei miei clienti, dopo anche pochi giorni con un nuovo dipendente, se hai il forte buonsenso di assumere la persona, di solito è più saggio usare il tuo tempo per taglia le tue perdite e recluta una persona migliore che aspettare il tempo per cercare di rimediare.

31. Fondamentalmente, è tutto su di te. La mentalità “Prende un villaggio” è spesso inutile: non si può contare su altri abbastanza, inoltre questa mentalità può essere scoraggiante, rendendoti troppo dipendente. Spesso, puoi davvero contare principalmente su te stesso.

Ho letto questo su YouTube.

Solutions Collecting From Web of "31 scomode verità di carriera"