3 Sorprendenti verità su genere e solitudine

Stocksy/Daxiao Productions
Fonte: Stocksy / Daxiao Productions

La maggior parte delle persone percepisce dalle proprie esperienze che uomini e donne gestiscono le emozioni negative in modo diverso. Quando le cose non stanno andando bene per le donne, hanno una propensione a sperimentarlo come depressione. Quando gli uomini si sentono giù, spesso lo esprimono come rabbia.

Mentre queste affermazioni sono (ovviamente) generalizzazioni, uomini e donne hanno dimostrato le differenze nella funzione cerebrale quando si tratta di elaborare emozioni negative.

Un'emozione negativa che uomini e donne hanno chiaramente in comune è la solitudine. Questo solleva alcune domande: uomini e donne processano la solitudine in modo diverso? C'è un genere più incline rispetto all'altro? Chi è meglio per superarlo? Chiediamo la ricerca

1. Chi è più incline ad esso?

Secondo una ricerca sostanziale, le donne di tutte le età e stili di vita riportano livelli più elevati di solitudine rispetto agli uomini. Tranne, forse sorprendentemente, in un sottoinsieme di persone – persone singole. Mentre le donne sposate sfoggiano gli uomini sposati per il gruppo dei solitari, gli uomini single superano di gran lunga le donne single come il gruppo più solitario.

Gli studi che dimostrano questa differenza non forniscono ragioni causali per cui questo è il caso. Ma sapendo cosa sappiamo delle abitudini sociali di uomini e donne, possiamo speculare. Le donne tendono ad essere più socializzate rispetto agli uomini e possono quindi mantenere più strette amicizie al di fuori di una relazione romantica primaria, portando a una minore solitudine quando non si è sposati.

Certo, c'è un altro aspetto della tendenza socialmente consapevole delle donne. Poiché generalmente si concentrano sulle relazioni più degli uomini, quando le loro relazioni sono acide, possono cadere più facilmente nella solitudine.

2. In che modo la cultura influisce sul modo in cui uomini e donne elaborano la solitudine?

Mentre molti studi indicano che le donne sono più solitarie rispetto agli uomini in generale (tranne l'eccezione degli uomini single discussi sopra), uno studio condotto da Shelley Borys all'Università di Waterloo ha scoperto che le donne potrebbero non essere necessariamente il genere più solo, potrebbero semplicemente essere più confortevole ammettere vulnerabilità.

Come dice Borys, "… le donne sono più inclini a riconoscere la loro solitudine rispetto agli uomini perché le conseguenze negative dell'ammettere la solitudine sono meno per le donne".

Questa conclusione è supportata da un altro studio che mirava a comprendere il ruolo della mascolinità nell'esprimere la vulnerabilità. In esso, i ricercatori hanno scoperto che gli uomini erano davvero più riluttanti ad ammettere eventuali sentimenti "deboli", compresa la solitudine. In effetti, più "maschile" si percepiva un uomo, più era riluttante a riconoscere qualsiasi deficit sociale di qualsiasi tipo.

3. Chi si occupa della solitudine meglio?

Sebbene non sia evidente quale genere abbia meccanismi di coping migliori quando si tratta di solitudine, è chiaro che ogni genere ha il suo stile distintivo di affrontare. Quando si sentono soli, gli uomini tendono a inseguire gruppi di amici casuali – gruppi di conoscenti, in realtà – mentre le donne tendono a gettarsi in relazioni più serie, uno a uno.

Come dimostrato da uno studio pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology, gli uomini hanno riferito di sentirsi meno soli quando i loro gruppi di amici erano più "densi", mentre le donne mostravano una scarsa correlazione tra i sentimenti di solitudine e la densità del gruppo di amici. In altre parole, per gli uomini, sembra essere più sulla quantità. Per le donne, è più sulla qualità.

Come gli autori spiegano, "Si suggerisce che gli uomini possano usare criteri più orientati al gruppo nella valutazione della solitudine, mentre le donne si concentrano maggiormente sulle qualità delle relazioni [individuali]".

Alcune possibili conclusioni …

Sulla base dei risultati di questi studi, possiamo ipotizzare un possibile modello per come uomini e donne sperimentano la solitudine in modo diverso:

Le donne tendono a valutare relazioni strette e individuali. Ma poiché queste relazioni richiedono più tempo ed energia per mantenersi rispetto a quelle casuali, le donne hanno meno relazioni che allontanano la solitudine rispetto agli uomini.

Se e quando queste strette relazioni finiscono, le donne possono sentirsi estremamente socialmente disconnesse e sperimentare alti livelli di solitudine. Per ragioni sociali e culturali, è probabile che ammettano facilmente di avere questi sentimenti negativi.

D'altra parte, gli uomini tendono a prosperare con molte relazioni occasionali. Si sentono socialmente più connessi e meno soli quando fanno parte di una fitta rete di amici, familiari e connessioni romantiche.

Ma se questa rete si assottiglia, gli uomini – specialmente gli uomini single – diventano pronti a sperimentare alti livelli di solitudine. Per ragioni culturali, questa solitudine rischia di non essere riconosciuta. E il "manierista" dell'uomo, meno probabile è che si rivolga alla sua solitudine.

Spero che questa recensione di solitudine e genere ti aiuti a capire meglio le tue esperienze con la solitudine – e cosa fare se colpisce la solitudine!

New World Library
Fonte: New World Library

Kira Asatryan è un allenatore di relazioni certificate e autore di Stop Being Lonely: tre semplici passaggi per sviluppare strette amicizie e profonde relazioni .

Per ulteriori consigli sulle relazioni, visita kiraasatryan.com e seguila su Twitter @KiraAsatryan.

Solutions Collecting From Web of "3 Sorprendenti verità su genere e solitudine"