3 Segnali di avvertimento di un potenziale problema di memoria

Come distinguere un “brain blip” da un problema di memoria e cosa fare al riguardo.

Nadino/Shutterstock

Fonte: Nadino / Shutterstock

L’oblio è comune e succede alla maggior parte delle persone, inclusi i campioni di memoria. Distrazione, affaticamento, depressione, ansia, distrazione e molti altri fattori possono contribuire. Fortunatamente, la maggior parte dei problemi di memoria sono semplicemente “capricci del cervello“: episodi temporanei di dimenticanza che non sono un presagio dell’Alzheimer o di un altro disturbo della memoria.

I comuni capricci del cervello includono il riporre male gli oggetti usati di frequente, come chiavi o occhiali, dimenticando perché siamo entrati in una stanza e difficoltà periodiche a ricordare una parola che vogliamo dire. I salti al cervello sono spesso legati a fattori situazionali e normali cambiamenti legati all’età. Per la maggior parte delle persone, la flessibilità mentale inizia a diventare un po ‘meno efficiente con il passare degli ultimi vent’anni, e la memoria inizia a declinare verso la fine degli anni ’30, quindi è normale notare più problemi di memoria man mano che invecchiamo.

Tuttavia, poiché il tasso di Alzheimer e altri disturbi della memoria aumenta anche con l’età, e poiché la memoria influisce su quasi ogni aspetto della vita quotidiana, molte persone sono desiderose di una guida su come distinguere tra i normali cambiamenti di memoria legati all’età ei segni di un disturbo della memoria . Questa attenzione è aumentata negli ultimi anni poiché la popolazione americana di anziani ha raggiunto livelli storicamente elevati.

Una ricerca sulla vita in mezzo al mondo del 2011 ha dimostrato che i 76 milioni di baby boomer americani temevano l’unico secondo al cancro dell’Alzheimer. Inoltre, un sondaggio del 2015 United States of Aging ha rilevato che il 35% delle persone di età superiore ai 60 anni erano preoccupate per la perdita di memoria (circa 23 milioni), e un’indagine del West Health Institute del 2017 ha rilevato che la perdita di memoria era la principale preoccupazione degli adulti oltre l’età 60. Inoltre, l’Alzheimer’s Association si riferisce all’Alzheimer come “la malattia che definisce i baby boomer” e stima che 10 milioni di baby boomer finiranno per avere l’Alzheimer (che rappresenta un aumento significativo rispetto ai 5,4 milioni di americani che attualmente hanno la malattia).

Quindi, come possiamo iniziare a mettere in disparte i segni dei cambiamenti di memoria normali rispetto a quelli anormali quando la memoria stessa può essere influenzata da dozzine di variabili diverse? Qui ci sono tre segni che possono segnalare un potenziale problema di memoria:

1. La memoria attuale è notevolmente più debole rispetto ai precedenti livelli, come dimostra la crescente dimenticanza di informazioni note e usate di frequente . Ciò potrebbe includere dimenticare la strada per il negozio di alimentari, una ricetta ben conosciuta, una procedura familiare sul lavoro, il nome di un noto amico o i nomi di oggetti comuni e noti. Tale dimenticanza di informazioni familiari e usate frequentemente va ben oltre i “blip del cervello” correlati che potrebbero includere dimenticare i nomi di conoscenti che non hai visto da anni, dimenticando come navigare in un luogo in cui sei stato solo un paio di volte dimenticando di eseguire una commissione, o “dimenticare” le informazioni che non hai mai appreso appieno.

2. Obesità aumentata o nuova che non può essere spiegata. L’aumento dell’oblio per gli eventi recenti (ad es. Conversazioni, attività e appuntamenti) e / o nuove difficoltà nella gestione delle attività quotidiane a causa di problemi di memoria (ad esempio, dimenticarsi di aver preso farmaci o pagato le bollette) può essere problematico. Questo è particolarmente vero se non sembra essere spiegato da un problema noto medico, emotivo o situazionale (ad esempio, alcune persone provano problemi di memoria temporanei a causa di stress, mancanza di sonno, effetti collaterali dei farmaci, problemi alla tiroide o altro problemi e la memoria rimbalza dopo che il problema sottostante è stato corretto). Si noti che dimenticando i ricordi d’infanzia e altre informazioni “remote” di molti anni fa non è un comune segno precoce di un problema di memoria (sebbene possa verificarsi nelle fasi successive di un disturbo della memoria), e in attesa di questo tipo di problema di memoria può risultare in ritardo nella ricerca di aiuto.

3. Altri hanno notato che la memoria sta peggiorando. Non è raro che qualcuno con un problema di memoria non ne sia pienamente consapevole, perché potrebbe non ricordare la propria dimenticanza. Spesso, quelli con cui passiamo più tempo sono i primi a notare un problema di memoria e possono commentare se è peggiorato nel tempo.

Si noti che i segni sopra hanno alcuni punti in comune: l’oblio può essere un potenziale problema se:

  • Riflette un notevole declino rispetto ai livelli precedenti
  • Non migliora quando si affrontano potenziali fattori che contribuiscono (e spesso peggiorano)
  • Coinvolge l’oblio per informazioni ben note
  • Riduce le prestazioni di attività ben note
  • È evidente agli altri

Prossimi passi

Se voi o una persona amata avete alcuni o tutti i segnali di avvertimento annotati sopra, ciò non significa che ci sia sicuramente un disturbo della memoria presente (specialmente perché la memoria può essere influenzata da dozzine di fattori). Piuttosto, suggerisce che i seguenti passi potrebbero fornire un aiuto:

1. Discutere i problemi di memoria con un operatore sanitario. Questo può portare a un “work-up” per indagare su possibili fattori che contribuiscono, che possono includere (a) test di laboratorio per misurare la tiroide, la vitamina e altri livelli metabolici; (b) analisi dei possibili effetti collaterali del farmaco; (c) breve screening della memoria (che fornisce una misura di base delle capacità di pensiero, anche se di solito non sono sufficienti dettagli per fare una diagnosi o rilevare problemi di memoria sottili); (d) una valutazione neuropsicologica che analizza statisticamente memoria, attenzione, funzionamento visivo, ragionamento, formazione di strategie e altre abilità (cioè il “software” del cervello) per determinare se sono presenti problemi di memoria e come trattarli al meglio; e (e) possibile neuroimaging del cervello (ad esempio, TC cerebrale o RM cerebrale – “hardware” del cervello).

2. Esercizio. Numerosi studi hanno dimostrato che il trattamento più potente per i problemi di memoria lieve è l’esercizio cardiovascolare, che può rallentare il tasso di perdita di memoria e persino migliorare la memoria. L’esercizio aumenta anche la densità del tessuto cerebrale nell’ippocampo (un’area di elaborazione della memoria di base) e nei lobi frontali. Dato che i cambiamenti del cervello correlati all’Alzheimer possono iniziare 10-20 anni prima della diagnosi (nella variante tardiva, dove i sintomi iniziano dopo i 65 anni), e dato che non esiste un trattamento per fermare la progressione dell’Alzheimer, è molto vantaggioso esercitare in modo proattivo. Tuttavia, non è mai troppo tardi per iniziare. L’esercizio fisico può anche rallentare il tasso di perdita di memoria per coloro che hanno già Alzheimer moderato.

3. Aumentare la densità neuronale. Oltre all’esercizio cardiovascolare, è stato dimostrato che l’aumento del numero e della densità dei percorsi neuronali nel cervello mediante la costruzione di “Riserva cognitiva” aiuta il cervello a compensare i cambiamenti correlati all’Alzheimer e può addirittura proibire l’espressione dei sintomi dell’Alzheimer!

Che la dimenticanza sia o meno un “brain blip” o un segno di un potenziale problema di memoria, non è mai troppo tardi per iniziare a costruire una migliore salute del cervello.

“Il momento migliore per piantare un albero era 20 anni fa. Il secondo miglior tempo è oggi “ – Proverbio cinese

Riferimenti

Rajan, KB, Wilson, RS, Weuve, J., Barnes, LL, & Evans, DA (2015). Compromissione cognitiva 18 anni prima della diagnosi clinica della demenza di Alzheimer, Neurologia, 10.

Ritchie, K., Ritchie, CW, Yaffe, K., Skoot, I., & Scarmeas, N. (2015). La malattia di Alzheimer ad esordio tardivo è davvero una malattia della mezza età? Alzheimer e demenza: ricerca traslazionale e interventi clinici, 1, 122-130.

Salthouse, TA (2009). Quando inizia il declino cognitivo legato all’età? Neurobiologia dell’invecchiamento, 30, 507-514.

Solutions Collecting From Web of "3 Segnali di avvertimento di un potenziale problema di memoria"