3 rischi "invisibili" legati alla depressione adolescenziale

Gli adolescenti con una triade di bassa attività fisica, alto uso di media e riduzione del sonno comprendono un gruppo di "rischio invisibile" che mostra un'alta prevalenza di depressione e sintomi psichiatrici. I risultati di questo nuovo studio internazionale dei ricercatori del Karolinska Institutet sono stati pubblicati nel numero di febbraio 2014 di World Psychiatry .

Per lo studio, oltre 12.000 adolescenti (14-16 anni) in undici paesi europei hanno risposto a questionari che descrivono comportamenti a rischio diversi e il loro legame con i sintomi psichiatrici. Secondo i ricercatori, "ben il 30% circa degli adolescenti raggruppati nel gruppo" invisibile "mostrava un alto livello di sintomi psicopatologici".

Mentre i gruppi di rischio "alti" sono tradizionalmente facili da identificare in base a problemi comportamentali o consumo di alcol e droghe – i genitori e gli insegnanti sono spesso inconsapevoli del fatto che gli adolescenti nel gruppo di rischio "invisibile" sono a rischio, secondo Vladimir Carli, al Centro Nazionale per la Ricerca sul Suicidio e la Prevenzione della Salute Malata Mentale (NASP) al Karolinska Institutet, primo autore dello studio.

Le analisi statistiche dei risultati hanno identificato tre gruppi di rischio tra gli adolescenti. Gli individui che hanno ottenuto un punteggio elevato su tutti i comportamenti a rischio esaminati si sono raggruppati nel gruppo "ad alto rischio" (13% degli adolescenti). Il gruppo "a basso rischio" (58%) era costituito da responder che non avevano o avevano una frequenza molto bassa di comportamenti a rischio.

In una scoperta inaspettata, è stato identificato un terzo gruppo, che i ricercatori hanno etichettato come "il rischio invisibile". I giovani di questo gruppo erano caratterizzati da una combinazione di: alto uso dei media, comportamento sedentario e sonno ridotto. Questi comportamenti non sono generalmente associati a problemi di salute mentale da parte di osservatori come insegnanti e genitori. Sorprendentemente, gli adolescenti nel gruppo di rischio "invisibile" avevano una prevalenza simile di pensieri suicidi, ansia, depressione sottosoglia e depressione maggiore come gruppo di rischio "alto".

Lo studio è il primo a stimare la prevalenza generale di una più ampia gamma di comportamenti a rischio e stili di vita e la loro associazione con problemi di salute mentale tra gli adolescenti europei. I risultati indicano che entrambi i comportamenti a rischio e la psicopatologia sono relativamente comuni in questa popolazione.

Comportamenti a rischio invisibili come l'uso di mezzi pesanti, la mancanza di attività fisica e la riduzione del sonno possono diventare abituali. Nel corso del tempo i sintomi depressivi causati da queste scelte di stile di vita possono potenzialmente generare palle di neve che portano alla psicopatologia. L'identificazione e gli interventi precoci potrebbero impedire a questi tre "rischi invisibili" di portare a sintomi psichiatrici emotivi come depressione, ansia e pensieri di suicidio.

La mancanza di sonno può innescare il rischio genetico per i sintomi depressivi

Altri due studi recenti su gemelli e adolescenti adulti hanno trovato un legame tra la durata del sonno e la depressione. Un nuovo studio su 1.788 gemelli è il primo a dimostrare un'interazione gene-ambiente tra la durata del sonno abituale e i sintomi depressivi. Un altro studio su 4.175 individui tra gli 11 e i 17 anni è il primo a documentare gli effetti reciproci per la depressione maggiore e la breve durata del sonno tra gli adolescenti.

Uno studio intitolato "Durata del sonno e sintomi depressivi: un'interazione genica-ambientale" di gemelli adulti e uno studio basato sulla comunità di adolescenti hanno riportato legami tra la durata del sonno e la depressione. I risultati sono stati pubblicati nel numero del 1 ° febbraio 2014 della rivista Sleep .

Ricercatore principale dello studio, la dottoressa Nathaniel Watson, professore associato di neurologia e condirettore del Centro per il sonno della medicina dell'Università di Washington a Seattle, conclude che l'ottimizzazione del sonno può essere un modo per massimizzare l'efficacia dei trattamenti per la depressione come la psicoterapia.

Un altro studio su 4.175 individui tra 11 e 17 anni è il primo a documentare gli effetti reciproci per la depressione maggiore e la breve durata del sonno tra gli adolescenti che utilizzano dati prospettici. I risultati suggeriscono che dormire sei ore o meno a notte aumenta il rischio di depressione maggiore. Questo crea un doppio smacco perché la depressione stessa aumenta il rischio di insonnia tra gli adolescenti.

"Questi risultati sono importanti perché suggeriscono che la privazione del sonno può essere un precursore della depressione maggiore negli adolescenti, verificandosi prima di altri sintomi di depressione maggiore e di ulteriori disturbi dell'umore", ha detto il ricercatore Robert E. Roberts, professore di scienze comportamentali nel Scuola di salute pubblica presso l'Università del Texas Health Science Center. Roberts raccomanda: "Le domande sul disturbo del sonno e le ore di sonno dovrebbero far parte della storia medica degli adolescenti per accertare il rischio".

"Il sonno sano è una necessità per il benessere fisico, mentale ed emotivo", ha detto il presidente dell'American of Sleep Medicine Dr. M. Safwan Badr. "Questa nuova ricerca sottolinea che possiamo fare un investimento nella nostra salute dando priorità al sonno".

Conclusione: le statistiche della depressione sono allarmanti

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie riferiscono che circa il nove per cento degli adulti negli Stati Uniti soddisfa i criteri per la depressione attuale, incluso il quattro per cento con depressione maggiore. L'Istituto Nazionale di Salute Mentale riferisce che i disturbi depressivi hanno colpito circa l'11% degli adolescenti statunitensi ad un certo punto della loro vita, e il tre per cento ha avuto un disturbo depressivo gravemente debilitante.

Chiaramente, non ci sono risposte facili per combattere la depressione. In un recente post sul blog di Psychology Today intitolato "Idee rivoluzionarie sulla scienza della depressione" ho intervistato Jonathan Rottenberg sul suo nuovo libro, "The Depths ", che offre preziose informazioni su come aiutare le persone a uscire dalla depressione.

Una delle osservazioni di Rottenberg è che i primi ammalianti della depressione tendono a "fare le cose giuste" il prima possibile. Questi includono: rimanere fisicamente attivi, restare socialmente connessi, dormire a sufficienza, ridurre il tempo di schermatura, mangiare cibi nutrienti e raggiungere piccoli obiettivi quotidiani.

Se vuoi leggere di più su questo argomento, controlla i post del mio blog Psychology Today :

  • "Perché il cervello teenager è così vulnerabile?"
  • "Due semplici modi per aiutare i bambini a dormire meglio"
  • "Un altro motivo per staccare la televisione"
  • "Il sonno rafforza la connettività del cervello sano"
  • "The Brain Drain of Inactivity"
  • "I neurochimici della felicità"
  • "Idee rivoluzionarie sulla scienza della depressione"

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

Solutions Collecting From Web of "3 rischi "invisibili" legati alla depressione adolescenziale"