3 reazioni al massacro che può servire al terrorista

Quando vivevo nel Sud degli anni '50, mi veniva insegnato che la guerra tra gli Stati era una disputa sull'autodeterminazione e sulla libertà di esprimere il proprio retaggio culturale. Quando, nel 1963, ci trasferimmo a nord, fui sorpreso nel sentirlo chiamare guerra civile, e fui scioccato nell'apprendere che si trattava di schiavitù (da una prospettiva settentrionale). Nel Sud, la bandiera confederata simboleggiava la cavalleria, combinando l'onore donchisciottesco di un maggiordomo di Rhett e la magnolia d'acciaio di una Scarlett O'Hara. Fort Sumter rappresentava la partita messa in cassa culturale, una Stonewall o una Lexington e una Concordia se si riesce a sopportare l'analogia. Come in America, in Vietnam, è difficile per un paese rendersi conto di aver combattuto dalla parte sbagliata.

La mia preoccupazione è che gli obiettivi del terrorista di Charleston possano essere favoriti dalle nostre reazioni al massacro. Non so quali fossero i suoi obiettivi particolari, naturalmente, ma i notiziari di voler innescare una guerra di razza, insieme a immagini della bandiera confederata e la vicinanza a Fort Sumter, fanno sembrare questo il suo probabile obiettivo. Non c'è niente come il conflitto armato per rafforzare le fantasie di superiorità delle persone, dal momento che la violenza richiede una disumanizzazione del nemico. Il conflitto armato costringe anche le persone a scegliere le parti; la ragione si trasforma in tradimento quando sono in gioco delle vite.

La razza e il sesso dipendono dal contesto. Ci viene insegnato per tutta la nostra vita che siamo letteralmente questo o quello, che questi elementi di identità basati su criteri biologici (ma socialmente costruiti in base a quali marchi e elementi distintivi) sono essenziali. Ma anche accettando che si possano dividere le specie in maschi e femmine (con un piccolo numero di eccezioni intersessuali), la divisione stessa è un atto psicologico e politico. Parlando di marchi, possiamo anche dividere le nostre specie in orecchioni attaccati e lobi delle orecchie non attaccati (con un piccolo numero di eccezioni semi-collegate), ma non lo facciamo. Sarebbe ridicolo come i grandi sostenitori e i piccoli sostenitori di Swift che combattono per decidere da che parte mangiare un uovo. Il sesso è biologico ma sessuare una situazione o una persona no. Io e un amico parliamo davanti al caffè, e ci spostiamo da due persone che parlano del caffè, a due psicologi che discutono della professione, a due uomini che discutono le nostre vite sentimentali, a due bianchi quando improvvisamente realizziamo che quasi tutti gli altri mecenati sono latino.

In un contesto in cui il colore (interpretato come una categoria razziale) è improvvisamente operativo, è probabile che tu ti trovi in ​​una posizione di privilegio o una posizione di stigma, a seconda di ciò che è richiesto in quella situazione per funzionare come un partecipante pienamente autorizzato a il contesto. In America, le situazioni in cui il biancore percepito è privilegiato abbondano e le situazioni in cui il candore è stigmatizzato sono molto meno. È importante sottolineare che questi ultimi non sono associati ai tipi di costi economici e politici che si trovano nella prima, il che significa che è più difficile e più costoso per molte persone di colore evitare le situazioni stigmatizzanti in America che per molti bianchi evitare loro. La risposta a lungo termine al razzismo sarà quella di diminuire la prevalenza di situazioni in cui la razza è importante, ma l'enigma è che mentre esiste il razzismo, gli sforzi per diminuire questa prevalenza sono di solito gli sforzi dei privilegiati per distogliere l'attenzione dai loro privilegi.

Quindi, come psicologo, mi preoccupo che ci siano (almeno) tre reazioni al massacro che in realtà favoriscono gli obiettivi del terrorista. Sono stato colpevole di tutti e tre.

La prima è la tendenza a disumanizzare grandi gruppi di persone, perché è la via principale verso la violenza (la desensibilizzazione alla violenza è l'altra, ma l'unica soluzione che posso vedere per desensibilizzare è spegnere la sete di eccessi con il sesso, e anche l'America è troppo. prudente lasciare che accada). Un modo semplice per disumanizzare gli altri, forse anche più efficace della denigrazione, è discutere le persone in termini di categorie piuttosto che di contesti. Il massacro ci porta a parlare di "bianchi" e "neri", "poliziotti" e "cristiani" e "musulmani", e questi metodi stenografici per equiparare le persone alle loro categorie sociali li disumanizza. Basta inserire la parola, "alcuni", aiuta. Alcuni poliziotti reagiscono in modo eccessivo; molti poliziotti strizzano l'occhio alla condotta criminale di altri poliziotti.

La seconda è la tendenza ad attaccare anche gli sforzi in buona fede per evitare di disumanizzare gli altri come non abbastanza militanti (come l'ostilità di Malcolm nei confronti di Martin). Il giudice della Carolina del Sud in questo caso ha detto una volta che ci sono quattro tipi di persone, bianchi, neri, redneck e il lutto razziale. Il giudice può essere visto per aver detto questo come un redneck, ma può anche essere visto come una rottura di categorie pregiudizievoli come Gesù che promuove l'idea di un Samaritano che potrebbe essere effettivamente buono. Chiamare la sua testa non fa altro che disumanizzarlo, e incoraggia una mentalità con noi o contro di noi che conduce alla guerra. La mia considerazione dei possibili motivi del giudice e la riluttanza a coglierlo con l'etichetta razzista mi fa preoccupare che io stesso non sono abbastanza militante.

Terzo è la tendenza a rendere ogni situazione sulla razza. Questo è particolarmente difficile per me, perché da bambina degli anni Sessanta e figlia di America e figlia del Sud e figlia di una famiglia profondamente consapevole dei diritti civili, credo che tutto in America sia in realtà circa razza, giù per il mio amico e la mia discussione sul latte perfetto. Tuttavia, temo che la razzializzazione di così tante situazioni favorisca inavvertitamente conflitti razziali, così come reagire al terrorismo islamico usando costantemente le lenti del femminismo e della libertà di parola potrebbe aumentare la probabilità di violenza.

Certo, alcune battaglie valgono la pena di combattere, e portarle alla testa, come hanno fatto gli abolizionisti prima della Guerra Civile, possono essere eroiche. Quindi, se continui a disumanizzare le persone, esigendo la lealtà verso la tua prospettiva e usando un obiettivo provocatorio, assicurati di voler veramente portare a termine le cose. Tuttavia, non posso fare a meno di pensare che l'eroismo di combattere una battaglia potenzialmente perdente per quella che sembra una buona causa è qualcosa che ho imparato nel Sud.

Solutions Collecting From Web of "3 reazioni al massacro che può servire al terrorista"