3 motivi per smettere di confrontarti con gli altri

Phil Date/Shutterstock
Fonte: Phil Date / Shutterstock

Quando avevo circa otto anni, tornai a casa da scuola un giorno e chiesi innocentemente a mia madre se fossi "la migliore". A scuola, imparavamo parole comparative come "migliore" e "migliore" e mi chiedevo se era "il migliore" in qualcosa – forse pianoforte o lettura o ortografia? La mia saggia madre rispose tranquillamente, "Non sarai mai il migliore in qualsiasi cosa. Il mondo è un posto grande con milioni di persone; è impossibile essere il migliore Fai del tuo meglio e starai bene. "

Recentemente mi è stato ricordato questa conversazione dopo aver letto del tragico aumento dei tassi di suicidio nei college altamente competitivi. I giovani intelligenti, popolari e affermati, provenienti da famiglie amorevoli, si tolgono la vita in numeri senza precedenti, un modello che alcuni esperti attribuiscono all'impulso di essere il "migliore", un ordine alto se non impossibile quando circondato da altri ambiziosi alti successori. Il suicidio è molto complesso e non può mai essere attribuito a una singola causa, sebbene la depressione sia quasi sempre un fattore sottostante. Gli esperti di salute mentale del college attribuiscono direttamente gran parte del malessere moderno dei giovani adulti alle conseguenze del confronto sociale – confrontando le proprie conquiste, aspetti, abilità atletiche, voti scolastici o popolarità – con i compagni di classe e sentendo che stanno venendo meno, spesso con conseguenze devastanti.

Non sono solo gli studenti universitari a confrontarsi con gli altri. Molti di noi hanno paragonato noi stessi a un amico, collega o anche una celebrità, nella ricerca di capire "come stiamo facendo". È difficile non farlo quando gli articoli di riviste celebrano "The Top 40 Under 40" e yoga i cataloghi di abbigliamento mostrano le immagini delle mamme dei CEO che costruiscono orfanotrofi nel loro tempo libero. È difficile per le nostre vite brillare in confronto.

Possiamo svezzarci dal confronto sociale? È più facile a dirsi che a farsi. Alcuni psicologi, in particolare Leon Festinger, credono che il nostro desiderio di confrontarci con gli altri sia un drive-one quasi potente come la sete o la fame. Mentre i confronti possono essere informativi, sono quasi sempre scoraggianti , perché qualcuno finirà sempre sul fondo. Mia madre non era una psicologa sociale, ma sapeva che il desiderio di superare gli altri era un esercizio di futilità. Un modo migliore per capire "Come sto?" Potrebbe essere quello di confrontare noi stessi oggi con quello che eravamo nel passato , o dove vogliamo essere nel futuro. Questo processo, chiamato comparazione temporale, è meno noto della teoria del confronto sociale di Festinger, ma ci sono buone ragioni per le quali dovremmo fare affidamento su confronti temporali piuttosto che sociali quando facciamo il punto sulle nostre vite.

Ecco tre motivi per cui l'uso dei confronti sociali è sbagliato:

  1. La cosiddetta "perfezione" degli altri è un'illusione.

    Le vacanze gloriose, le invidiabili realizzazioni professionali, i bambini perfetti e i coniugi che vediamo sulle pagine Facebook dei nostri amici sono solo una piccola parte della loro vita reale. È la verità, ma non "tutta la verità e nient'altro che la verità". Un amico può annunciare con orgoglio la pubblicazione del suo nuovo romanzo, ma nascondere i 12 rifiuti che il loro manoscritto ha ricevuto prima di essere pubblicato. Possiamo invidiare la sorridente famiglia abbronzata che vediamo in una vacanza tropicale, anche se non siamo a conoscenza del fatto che i 30 secondi di sorriso sono arrivati ​​dopo tre ore di litigi e cecchini. Se conoscessimo le intere verità degli altri, potremmo non sentirci così inadeguati nel confrontarci con le loro immagini pubbliche attentamente messe a punto della "perfezione".

  2. La vita non è giusta

    Alcune persone nascono con più vantaggi di altri: un volto perfettamente simmetrico. Metabolismo a fuoco rapido. Genitori ricchi Connessioni sociali che li aiutano a fare un lavoro ambito. Tuttavia, quando ci confrontiamo (sfavorevolmente) con gli altri, spesso ci picchiamo per non provarci abbastanza duramente. È molto più probabile che le differenze che vediamo riflettano un campo di gioco non uniforme, una realtà che agli americani non piace accettare. A volte il duro lavoro non è abbastanza.

  3. I confronti trasformano amici e alleati in rivali.

    In un mondo perfetto, celebreremmo e gioiremmo sinceramente delle gioie e delle realizzazioni altrui. Tuttavia, se usiamo gli altri come punto di riferimento per valutare noi stessi, quella strisciante fitta di gelosia può minare la nostra capacità di amare veramente le cose buone che arrivano agli altri. Ricorda: nel corso del tempo, le cose potrebbero pareggiare e il successo di un amico potrebbe consentirgli di supportare e creare opportunità per gli altri (incluso te).

Qui ci sono 2 modi in cui i confronti temporali possono aiutarci:

  1. Aiutano a strutturare i nostri obiettivi.

    Pensare a dove vorremmo essere in futuro e paragonare ciò a dove siamo oggi ci aiuta a strutturare i nostri obiettivi in ​​modi sensibili. Che sia un adulto che sogna un cambiamento di carriera, o uno studente universitario che spera di andare alla facoltà di medicina, avendo una chiara idea di cosa dobbiamo fare, cosa abbiamo fatto e cosa cambierà può aiutarci a prendere passi realistici per raggiungere i nostri obiettivi.

  2. Ci aiutano a risolvere i problemi.

    I confronti temporali possono essere pensati per noi missioni di ricerca di fatti, su cui scopriamo fatti su di noi. Sei alle prese con una corsa di due miglia oggi, ma hai navigato lungo un cinque-miler la scorsa settimana? Se è così, cosa è cambiato nell'ultima settimana? Questi "dati" ci aiutano a isolare eventuali ostacoli a fare il miglior lavoro possibile. Forse abbiamo dormito male la notte, o abbiamo troppe preoccupazioni lavorative nella nostra mente, o abbiamo una malattia non diagnosticata, e di conseguenza la nostra corsa è la sofferenza. Questa constatazione può aiutarci a individuare problemi che altrimenti non sarebbero stati notati e potrebbe aiutarci a rimediare a quegli ostacoli che ci impediscono di fare il nostro "meglio personale".

Concentrandoci sul miglioramento personale piuttosto che sull'uniformità, avremo una strategia più realistica e perspicace per raggiungere i nostri obiettivi e, idealmente, i nostri amici e i nostri cari saranno lì per sostenerci lungo la strada.

Solutions Collecting From Web of "3 motivi per smettere di confrontarti con gli altri"